Va­le so­lo quar­to Lo­ren­zo fa pau­ra

Il van­tag­gio ca­la a 11 pun­ti

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Da Prima Pagina - di Pao­lo Sca­le­ra Buf­fer Over­flow ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Due pi­lo­ti in lot­ta dan­no vi­ta a un duel­lo, quat­tro, uno con­tro l'al­tro met­to­no in sce­na una ris­sa. Ed è a que­sta che ab­bia­mo as­si­sti­to in Au­stra­lia ie­ri, nel­le pri­me ore del mat­ti­no ita­lia­no. Una ris­sa un po' par­ti­co­la­re, sen­za col­pi proi­bi­ti, come se ognu­no dei par­te­ci­pan­ti si ren­des­se con­to dell'im­por­tan­za del­la po­sta in pa­lio.

In­nan­zi­tut­to i pro­ta­go­ni­sti, in ri­go­ro­so or­di­ne al­fa­be­ti­co per non far tor­to a nes­su­no: An­drea Iannone, Jor­ge Lo­ren­zo, Marc Mar­quez e Va­len­ti­no Ros­si. Due Ya­ma­ha, una Hon­da e una Du­ca­ti.

Non sta­re­mo a rac­con­tar­ve­la nei det­ta­gli, an­che per­ché in 27 gi­ri i due spa­gno­li e i due ita­lia­ni ci han­no in­fi­la­to mil­le sor­pas­si, al­cu­ni dei qua­li da ar­re­sto car­dia­co. An­da­te­ve­la a cer­ca­re in gi­ro su in­ter­net, con buo­na pa­ce del­la Dor­na e di Sky che ne de­ten­go­no i di­rit­ti, sia­mo pron­ti a scom­met­te­re che sa­rà il do­wn­load del­la settimana.

A trat­te­ne­re il re­spi­ro si è ini­zia­to da su­bi­to, quan­do Lo­ren­zo nel cor­so del pri­mo gi­ro è riu­sci­to a pren­de­re la te­sta del­la cor­sa con­trol­lan­do l'esu­be­ran­za di Iannone. Un com­pi­to tutt'al­tro che fa­ci­le vi­sto che “il Ma­nia­co” ave­va fra le ma­ni una De­smo­se­di­ci ato­mi­ca che sul drit­to viag­gia­va a 348 Km/h con­tro i 334 del ma­ior­chi­no.

FU­GA E IN­SE­GUI­MEN­TO. For­te di una velocità di pun­ta im­pres­sio­nan­te, ma an­che di una gui­da da ul­ti­mo spet­ta­co­lo, An­drea è ri­ma­sto in­col­la­to al­la M1 dell'av­ver­sa­rio, men­tre Jor­ge fi­no al quar­to pas­sag­gio ten­ta­va inu­til­men­te di scol­lar­se­lo dal­la scia.

Una per­se­ve­ran­za che ha im­pe­di­to a Jor­ge la fu­ga - la mas­si­ma di­stan­za mes­sa fra sé e gli av­ver­sa­ri è sta­ta di 1"434 al 7º gi­ro - ma ha da­to vi­ta a uno dei più bei GP de­gli ul­ti­mi an­ni. Co­pia in car­ta car­bo­ne del pri­mo di­spu­ta­to su que­sta pi­sta, nel 1989 e che vi­de vin­ci­to­re il pri­mo cam­pio­ne au­stra­lia­no del­la sto­ria, Way­ne Gard­ner, da­van­ti a Way­ne Rai­ney, Ch­ri­stian Sar­ron e Ke­vin Ma­gee.

Pro­gres­si­va­men­te ri­suc­chia­to dal ter­zet­to de­gli in­se­gui­to­ri fi­no ad es­se­re su­pe­ra­to da Mar­quez nel 18º gi­ro Jor­ge si è ri­por­ta­to da­van­ti men­tre die­tro di lui suc­ce­de­va di tut­to, com­pre­sa una in­cre­di­bi­le mos­sa di Iannone che nel­la 21ª tor­na­ta ha in­fi­la­to Marc e Va­le con un'uni­ca ma­no­vra cer­can­do di met­te­re il sa­le sulla co­da a Lo­ren­zo. Uno dei sor­pas­si più bel­li di sem­pre. Da standing ova­tion.

L’UL­TI­MO COL­PO. Il bel­lo del GP d'Au­stra­lia è sta­to pe­rò an­che il suo li­mi­te. Il li­mi­te di tut­te le ris­se. Al­la fi­ne in­fat­ti se non si tie­ne il con­to dei col­pi pre­si e da­ti fi­ni­sce che a vincere non è il mi­glio­re ma chi col­pi­sce per ul­ti­mo. In que­sto ca­so Marc Mar­quez che nell'ul­ti­mo gi­ro ha ti­ra­to fuo­ri dal­la RC213V un in­so­spet­ta­bi­le mar­gi­ne, in­fi­lan­do un gi­ro ve­lo­ce che ha avu­to l'ef­fet­to di una se­dia­ta sulla te­sta di Jor­ge Lo­ren­zo che do­po 23 tor­na­te in te­sta si è vi­sto strap­pa­re la vit­to­ria nel fi­na­le. Peg­giò pe­rò è an­da­ta a Ros­si, vit­ti­ma dell'im­pla­ca­bi­le af­fon­do di Iannone a cui il fe­no­me­no non ha tro­va­to re­pli­ca a tre gi­ri dal­la con­clu­sio­ne.

«All'ini­zio ab­bia­mo fat­to co­sì tan­ti sor­pas­si, per cer­ca­re di stac­car­ci l'uno dall'al­tro - ha det­to Marc - che mi si era sur­ri­scal­da­ta la gom­ma an­te­rio­re. Co­sì ho la­scia­to che si raf­fred­das­se e ho da­to il tut­to per tut­to al­la fi­ne. Non mi aspet­ta­vo di ri­pren­de­re Jor­ge, e quan­do l'ho in­qua­dra­to mi so­no det­to: pro­va­ci so­lo se vie­ne fuo­ri un sor­pas­so pu­li­to». E co­sì è sta­to. «Marc ha fat­to un ul­ti­mo gi­ro in­cre­di­bi­le, il re­cord del­la pi­sta - ha am­mes­so Lo­ren­zo - avrei po­tu­to vincere ma va be­ne co­sì an­che per­ché de­vo rin­gra­zia­re Iannone che ha tol­to pun­ti a Ros­si. E' sta­to mol­to cor­ret­to, pur es­sen­do ita­lia­no non lo ha fa­vo­ri­to e ha lot­ta­to si­no al­la fi­ne».

Un col­po du­ro per Va­len­ti­no che co­sì è fi­ni­to fuo­ri dal po­dio. C'è po­co pe­rò da re­cri­mi­na­re: Marc ha tol­to cinque pun­ti a Jor­ge e An­drea tre a lui. Sen­za il guiz­zo di Mar­quez og­gi Va­le sa­reb­be so­la­men­te a +6, men­tre co­sì il mo­to­mon­dia­le si spo­sta a Se­pang, in Ma­le­sia, con Va­le e Jor­ge di­vi­si da 11 pun­ti e la Ya­ma­ha già cam­pio­ne del mon­do mar­che.

Per en­tram­bi, ora, è il mo­men­to di ri­pe­te­re fi­no all'os­ses­sio­ne il jin­gle di Jo­va­not­ti che mas­sa­cra il no­stro amo­re per la mu­si­ca ogni do­me­ni­ca su Sky: que­sto è un gran­de gior­no da vi­ve­re, io ci vo­glio cre­de­re!

A lun­go Iannone ha tor­men­ta­to Lo­ren­zo in scia, for­te di una Du­ca­ti da qua­si 350 all’ora

Lo­ren­zo: «Marc è sta­to in­cre­di­bi­le ma de­vo rin­gra­zia­re An­drea che ha tol­to pun­ti a Va­len­ti­no»

Lo­ren­zo (28 an­ni) pre­ce­de Mar­quez (22), Iannone (26) e Va­len­ti­no (36)

Il muc­chio sel­vag­gio in bat­ta­glia: Marc Mar­quez qui è se­gui­to da Jor­ge Lo­ren­zo, An­drea Iannone e Va­len­ti­no Ros­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.