«L’An­co­na ha la for­za dei gio­va­ni»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Lega Pro - Di Fer­di­nan­do Vi­ci­ni

Ter­zo po­sto in clas­si­fi­ca ad ap­pe­na quat­tro lun­ghez­ze dal­la ca­po­li­sta Spal, 13 pun­ti in 7 gior­na­te frut­to di 4 vit­to­rie, un pa­reg­gio e due scon­fit­te. Un ruo­li­no di mar­cia quan­to me­no da can­di­da­ta ai play off. Non ma­le per un'An­co­na par­ti­ta que­sta esta­te fra lo scet­ti­ci­smo ge­ne­ra­le do­po aver rin­no­va­to pro­fon­da­men­te la squa­dra e la com­pa­gi­ne so­cie­ta­ria. Evi­den­te­men­te l'espe­ri­men­to dei "ti­fo­si al co­man­do" sta fun­zio­nan­do. L'am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to Da­vid Mia­ni è espres­sio­ne di So­ste­nia­mo­lan­co­na, l'as­so­cia­zio­ne dei sup­por­ters bian­co­ros­si che sta cer­can­do di por­ta­re avan­ti un'idea di cal­cio eti­co e so­ste­ni­bi­le. Die­tro le quinte c'è sem­pre il pa­tron An­drea Ma­ri­nel­li, tra­sfor­ma­to­si pe­rò da pre­si­den­te in main spon­sor, ma la ge­stio­ne è in ca­ri­co dell’ad Da­vid Mia­ni e del dies­se Do­me­ni­co Sfrap­pa.

L'au­ten­ti­co pro­ta­go­ni­sta dell'An­co­na ri­ve­la­zio­ne è pe­rò sem­pre lui, Gio­van­ni Cor­nac­chi­ni con­fer­ma­to a fu­ror di popolo per la terza sta­gio­ne con­se­cu­ti­va sulla pan­chi­na bian­co­ros­sa. «Il no­stro se­gre­to? La for­tu­na di ave­re dei cal­cia­to­ri gio­va­ni ma di qua­li­tà e so­prat­tut­to che si so­no su­bi­to in­te­gra­to. Fin da lu­glio in ri­ti­ro ho avu­to la sen­sa­zio­ne che aves­si­mo un grup­po mol­to uni­to». Il rin­no­va­men­to è sta­to pro­fon­do,

COR­NAC­CHI­NI.

so­no arrivati tan­ti gio­va­ni di bel­le spe­ran­ze, po­che le con­fer­me e i no­mi af­fer­ma­ti. Al­cu­ni come Lom­bar­di e Ca­si­ra­ghi so­no già in co­per­ti­na, al­tri in ram­pa di lan­cio come spie­ga Cor­nac­chi­ni: «Quel­li che gio­ca­no con con­ti­nui­tà stan­no fa­cen­do be­ne ma ab­bia­mo an­che al­tri gio­va­ni di qua­li­tà che pos­so­no af­fer­mar­si. Gen­te come Ada­mo, Ma­io­ra­no, Di Ma­ria­no, Ve­loc­ci, Di Sa­ba­ti­no, si­no­ra­han­no­gio­ca­to­me­no­ma de­vo­no so­lo com­ple­ta­re l'adat­ta­men­to dal­la Pri­ma­ve­ra al­la Le­ga Pro». Tor­nan­do all'attualità do­me­ni­ca c'è la pos­si­bi­li­tà di mi­glio­ra­re ul­te­rior­men­te la clas­si­fi­ca. L'An­co­na at­ten­de il Sa­vo­na, squa­dra che sta uscen­do dal­le sec­che del­la pe­na­liz­za­zio­ne. Cor­nac­chi­ni dei li­gu­ri dice: «Af­fron­tia­mo un av­ver­sa­rio dif­fi­ci­le che ha nell'at­tac­co il suo pun­to di for­za. Gio­ca­to­ri come Vir­dis, Co­cuz­za, Dell'Agnel­lo e lo stes­so Ga­gliar­di li co­no­sco. So­no mol­to pe­ri­co­lo­si. Vir­dis è il più no­to aven­do sem­pre se­gna­to con con­ti­nui­tà in Le­ga Pro ma an­che gli al­tri so­no da guar­da­re a vi­sta». L'An­co­na pe­rò vuo­le al­lun­ga­re il pas­so: «Sap­pia­mo qua­li so­no le no­stre ca­rat­te­ri­sti­che, an­che a Luc­ca sa­ba­to scor­so ab­bia­mo di­mo­stra­to di do­ver sem­pre gio­ca­re su rit­mi al­ti. Con il Sa­vo­na dob­bia­mo sta­re at­ten­ti a non sbagliare, non an­da­re in svan­tag­gio. Ag­gres­si­vi­tà e in­ten­si­tà so­no le no­stre ar­mi, per bat­te­re il Sa­vo­na ci vuo­le una pre­sta­zio­ne di qua­li­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.