L’ap­pel­lo di Cio­nek: Il Mo­de­na ha bi­so­gno di tut­ti

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Serie B - 10ª Giornata - Di Ste­fa­no Fer­ra­ri

fat­to è che sfor­tu­na­ta­men­te per lui le co­se non so­no an­da­te be­ne. Que­ste si­tua­zio­ni so­no da met­te­re in pre­ven­ti­vo per chi fa que­sto me­stie­re, quin­di non en­fa­tiz­zia­mo».

In real­tà su quell'av­vi­cen­da­men­to ci sa­reb­be da ro­man­za­re, se non fos­se che l'attualità in­com­be. Per­ché la sfi­da di sta­se­ra non è Od­do ver­sus Ba­ro­ni (per­lo­me­no non so­lo), ma un brac­cio di fer­ro tra due squa­dre in gran­de sa­lu­te, con un cammino si­mi­le (il No­va­ra sen­za pe­na­liz­za­zio­ne avreb­be so­lo un pun­to in me­no) e sulla scia dell'en­tu­sia­smo do­po gli ul­ti­mi ri­sul­ta­ti po­si­ti­vi (2 vit­to­rie con­se­cu­ti­ve per gli adria­ti­ci, ad­di­rit­tu­ra

RO­MAN­ZO.

Beh, co­no­scen­do i det­ta­gli del­la sua av­ven­tu­ra in bian­caz­zur­ro non ab­bia­mo dub­bi che da­reb­be un oc­chio pur di riu­scir­ci. Una se­te di ven­det­ta non ma­ni­fe­sta­ta pla­teal­men­te , ma mol­to pre­sen­te, a mag­gior ra­gio­ne se ac­com­pa­gna­ta dal­la con­vin­zio­ne che lo scor­so an­no i play off li avreb­be rag­giun­ti an­che lui, ma­ga­ri ar­ri­van­do an­che al­la fi­na­le come ha fat­to Od­do. Il fat­to è che a Ba­ro­ni, a pre­scin­de­re dai ri­sul­ta­ti, ve­ni­va im­pu­ta­ta una fi­lo­so­fia di gio­co trop­po at­ten­di­sta, men­tre al­la piaz­za di Pe­sca­ra piac­cio­no spre­giu­di­ca­tez­za e, per­ché no, an­che un piz­zi­co di sa­na pre­sun­zio­ne. A quan­to pa­re, pe­rò, Ba­ro­ni da quan­do gui­da il No­va­ra è cam­bia­to. Se lo aspet­ta di­ver­so an­che Mas­si­mo Od­do. «Non cre­do che ci aspet­te­ran­no, a Vi­cen­za han­no pres­sa­to al­to e quin­di cre­do che sa­ran­no ag­gres­si­vi an­che con­tro di noi».

DUB­BI.

Più che una sen­sa­zio­ne, for­se è una (ma­li­zio­sa) spe­ran­za, per­ché ag­gre­di­re al­to il Pe­sca­ra di que­sti tem­pi non è mai una buo­na idea. Do­po lo "schiaf­fo­ne"

SPE­RAN­ZA.

A vol­ta re­sta­re con­cen­tra­ti per qua­si tut­ta una par­ti­ta non ba­sta per vin­cer­la. Anzi, spes­so so­no pro­prio quei due mi­nu­ti ap­pa­ren­te­men­te in­no­cui che tra­sfor­ma­no da buo­na a pes­si­ma una pro­va, che met­to­no in cri­si an­che il mi­glior at­tac­can­te o il di­fen­so­re più bra­vo. Tu chia­ma­li se vuoi epi­so­di, ed il Mo­de­na con­ti­nua ad es­se­re con­dan­na­to da pic­co­li fram­men­ti di mat­ch: in­som­ma, è suf­fi­cen­te per­de­re la bus­so­la per un at­ti­mo che la par­ti­ta ed i pun­ti se ne van­no in un lam­po. Poi, se ad en­tra­re in que­sto vor­ti­ce fi­ni­sce chi di so­li­to rap­pre­sen­ta una si­cu­rez­za as­so­lu­ta, ec­co che la si­tua­zio­ne co­min­cia a da­re qual­che grat­ta­ca­po se­rio.

«Per pri­ma co­sa - am­met­te il cen­tra­le Thia­go Cio­nek che in oc­ca­sio­ne del­la pri­ma re­te su­bi­ta dal Mo­de­na a Li­vor­no ha

Il tec­ni­co abruz­ze­se: «L’eso­ne­ro del­la scor­sa sta­gio­ne? Non è il te­ma. Pen­so piut­to­sto a vincere»

L’al­le­na­to­re dei pie­mon­te­si: «Sa­rà so­lo una ga­ra da tre pun­ti che non vo­glio sbagliare»

L’ANA­LI­SI DI CIO­NEK.

com­mes­so un er­ro­re in cop­pia con il com­pa­gno di re­par­to Mar­zo­ra­ti - all'Ar­den­za ab­bia­mo su­bì­to due gol evi­ta­bi­li, spe­cial­men­te il pri­mo, e que­sto si­gni­fi­ca che dob­bia­mo la­vo­ra­re sui det­ta­gli e sulla con­cen­tra­zio­ne. E' un aspet­to fon­da­men­ta­le, per­ché se ci riu­scia­mo avre­mo poi l'op­por­tu­ni­tà di rac­co­glie­re per quan­to creia­mo».

Il Mo­de­na crea gio­co ovun­que e con­tro chiun­que, ma al­la fi­ne a se­gna­re ed a fa­re pun­ti so­no gli av­ver­sa­ri di tur­no: «An­che a Li­vor­no, su un cam­po no­to­ria­men­te dif­fi­ci­le, ab­bia­mo pro­va­to co­mun­que ad im­por­re il no­stro gio­co ed è la stra­da da se­gui­re an­che in fu­tu­ro, ma so­no sta­ti co­sì come al­tre vol­te, gli epi­so­di a tra­dir­ci. Ci man­ca con­cen­tra­zio­ne - dice il na­zio­na­le po­lac­co - e un piz­zi­co di con­ti­nui­tà in più, ma tut­to ciò

DI­SCO ROT­TO.

ci de­ve spro­na­re ad in­se­gui­re il ri­scat­to fin da do­ma­ni se­ra con­tro lo Spe­zia, al "Bra­glia. Do­po una scon­fit­ta è un be­ne che si tor­ni in cam­po, ma la con­di­zio­ne ne­ces­sa­ria è sbagliare me­no e sta­re più at­ten­ti. Io pe­rò so­no con­vin­to che se con­ti­nue­re­mo su que­sta stra­da al­la lun­ga con­qui­ste­re­mo più pun­ti di quan­ti sa­re­mo co­stret­ti a per­der­ne». Si tor­na a gio­ca­re in ca­sa. Quel­la di do­ma­ni ar­ri­va pri­ma di due ga­re con­se­cu­ti­ve lon­ta­no da Mo­de­na: «Il "Bra­glia" de­ve tor­na­re ad es­se­re il no­stro pun­to di for­za, in se­rie B sa­pia­mo be­ne che il fat­to­re cam­po in­ci­de pa­rec­chio e do­vre­mo fa­re tan­ti pun­ti in ca­sa. Ma sia a Mo­de­na che al­tro­ve ser­ve sem­pre il mas­si­mo del­la con­cen­tra­zio­ne: an­che il mi­ni­mo er­ro­re, ab­bia­mo vi­sto, ci può es­se­re fa­ta­le» chiu­de il Po­lac­co di Cu­ri­ti­ba.

Il cen­tra­le di­fen­si­vo po­lac­co chia­ma i ti­fo­si al Bra­glia: «In­sie­me per bat­te­re lo Spe­zia»

Il di­fen­so­re po­lac­co Thia­go Cio­nek

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.