«Sen­za re­go­le i bam­bi­ni non im­pa­ra­no»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Moto - Di En­ri­co Ma­ri­ni

«Sì, ora c’è un po’ di ca­si­no, non so­lo per l’in­ci­den­te di per sé. Per que­sto ab­bia­mo Il ca­so Mar­quez di­vi­de an­che in Spagna, dove ov­via­men­te i più so­sten­go­no il pi­lo­ta di ca­sa. Ma sor­pren­do­no il va­len­cia­no Hec­tor Bar­be­rá e l’ex­pi­lo­ta Fon­si Nie­to per le cri­ti­che al­lo spa­gno­lo, de­fi­ni­to “egoi­sta” dal pri­mo e an­ti­spor­ti­vo da Nie­to. Men­tre Se­te Gi­ber­nau dà dei “bam­bi­ni” sia a Mar­quez che a Ros­si, e cri­ti­ca du­ra­men­te la fe­de­ra­zio­ne in­ter­na­zio­na­le di mo­to­ci­cli­smo per l’as­sen­za di re­go­le chia­re. Un pun­to in co­mu­ne col co­mu­ni­ca­to di Rep­sol, spon­sor ibe­ri­co del Team Hon­da, che pe­rò mi­nac­cia la FIM di ab­ban­do­na­re la Mo­togp: «Sen­za que­sti va­lo­ri (di spor­ti­vi­tà e fair-play n.d.r.) non avreb­be sen­so la spon­so­riz­za­zio­ne».

FUO­CO AMI­CO.

Du­ran­te un at­to pub­bli­co nel mu­ni­ci­pio di Ca­stel­lón, Bar­be­rà, pi­lo­ta del­la Du­ca­ti-Avin­tia, smon­ta la te­si del com­plot­to, e sca­ri­ca tut­ta la re­spon­sa­bi­li­tà all’ego di Mar­quez: «Sap­pia­mo tut­ti che Mar­quez non ac­cet­ta se­con­di po­sti, ma non vuo­le aiu­ta­re Lo­ren­zo per­ché è mol­to egoi­sta e vuo­le vincere so­lo lui». Se­con­do Hec­tor al­lo­ra le pro­vo­ca­zio­ni di Mar­quez sa­reb­be­ro il frut­to più del­la fru­stra­zio­ne di chi vuo­le sem­pre vincere e in­ve­ce si è vi­sto bef­fa­re nei re­cen­ti duel­li con­tro Va­len­ti­no. Sulla stes­sa li­nea d’on­da Fon­si Nie­to che in­stil­la il dub­bio sulla cor­ret­tez­za del­la ga­ra di Mar­quez: «In Ma­le­sia le Hon­da ave­va­no più rit­mo, la lot­ta avreb­be do­vu­to es­se­re tra Pe­dro­sa e Marc, in­ve­ce Marc ha lot­ta­to con Ros­si a tan­ta di­stan­za da pri­mi e que­sto si chia­ma fa­re da tap­po».

DU­RIS­SI­MI GI­BER­NAU.

Sta­vol­ta la spal­la­ta pe­rò la dà lui, Se­te Gi­ber­nau, ri­va­le di mil­le bat­ta­glie con Va­len­ti­no. L’ex­pi­lo­ta ca­ta­la­no ha in­via­to una let­te­ra ai me­dia spa­gno­li in cui spie­ga chia­ra­men­te il suo sta­to d’ani­mo do­po il fat­tac­cio di Se­pang: «Con tri­stez­za ve­do nuo­va­men­te il mon­do del­lo sport, e non so­lo, di­vi­so». Tri­ste per­ché, con­fes­sa Gi­ber­nau: «Og­gi si sta pu­nen­do in mo­do ingiusto e cru­de­le due per­so­ne, due gran­dis­si­mi spor­ti­vi, pri­va­ti de­gli in­se­gna­men­ti a cui tut­ti ab­bia­mo di­rit­to». Af­fer­ma­zio­ne che Se­te chia­ri­sce pa­ra­go­nan­do la FIM a dei ge­ni­to­ri che non han­no in­se­gna­to nul­la ai “fi­gli” pi­lo­ti, ma anzi: «Han­no ab­ban­do­na­to le chia­vi dell’edu­ca­zio­ne e del­la for­ma­zio­ne». Un col­pa gravissima per Gi­ber­nau che rin­ca­ra la do­se con il pa­ral­le­lo dei pi­lo­ti-bam­bi­ni: «Ades­so si giu­di­ca, si cri­ti­ca e si lin­cia, ma il re­spon­sa­bi­le non è il bam­bi­no pie­no di ta­len­to e spe­ran­za (?) Sen­za re­go­le, sen­za un re­go­la­men­to chia­ro che de­fi­ni­sca quel­lo che è le­ci­to e ciò che non lo è, non si po­trà mai in­se­gna­re a un pi­lo­ta quel­lo che si può o non si può fa­re. In una parola sen­za nor­me chia­re, non c’è edu­ca­zio­ne pos­si­bi­le».

- Jor­ge Lo­ren­zo non ci sta. E re­pli­ca. In un co­mu­ni­ca­to in­via­to dal suo team di co­mu­ni­ca­zio­ne, Jor­ge «smen­ti­sce in ma­nie­ra uf­fi­cia­le e ca­te­go­ri­ca la no­ti­zia pub­bli­ca­ta nei gior­ni scor­si da al­cu­ni quo­ti­dia­ni ita­lia­ni in me­ri­to ad un in­con­tro per un...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.