Cor­vi­no: Ho sba­glia­to ma ri­fa­rei tut­to...

«Ho da­to a que­sta squa­dra gio­ven­tù ed espe­rien­za. Il 17° po­sto? Sì che fir­mo...»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Domani Inter-roma - Di Fu­rio Za­ra

ri og­gi han­no bi­so­gno di cer­tez­ze, e quel­le glie­le dai se non gli com­pli­chi la vi­ta. Con l’Inter ho vi­sto una squa­dra che ha gio­ca­to al­la pa­ri per ses­san­ta mi­nu­ti, poi da un epi­so­dio van­tag­gio­so (la su­pe­rio­ri­tà nu­me­ri­ca, ndr) è usci­ta una par­ti­ta come non ci si aspet­ta­va». E’ lì che de­ve in­ter­ve­ni­re. Cu­ra­re la gio­ven­tù («Se non sba­glio il Bo­lo­gna è la quar­ta squa­dra più gio­va­ne del­la se­rie A»), cul­lar­la e poi ac­com­pa­gnar­la al­la ma­tu­ri­tà. Ave­va al­tre of­fer­te, cer­to che le ave­va. L’Udi­ne­se l’ave­va con­tat­ta­to, per esem­pio. Pu­re all’este­ro ne ave­va­no son­da­to la di­spo­ni­bi­li­tà. Ha aspet­ta­to il Bo­lo­gna per un po,’di­cia­mo che i pri­mi ve­ri con­tat­ti ci so­no sta­ti un pa­io di set­ti­ma­ne fa, poi ha de­ci­so: «Ho co­no­sciu­to Sa­pu­to, mi pia­ce il suo ap­proc­cio, i suoi mo­di, que­stio­ne di pri­ma im­pres­sio­ne. Vo­glio ri­por­ta­re que­sta squa­dra in al­to, c’è la vo­lon­tà e ci so­no le pre­mes­se. Cer­to che ci so­no squa­dre peg­gio­ri del Bo­lo­gna, e di­ver­se ce ne so­no. Que­sta sta­gio­ne sa­rà fon­da­men­ta­le per li­mi­ta­re i dan­ni». Dice pro­prio co­sì li­mi­ta­re i dan­ni - e c’è un’one­stà di fon­do in que­sta af­fer­ma­zio­ne, mi­ca per­ché è uno che si ac­con­ten­ta - di­rà più avan­ti che no, «io per il 17° po­sto non fir­mo a prio­ri» - ma per­ché è uno che co­no­sce di cal­cio e di cal­cio ha sem­pre vis­su­to: non sa­reb­be da lui pro­met­te­re lu­na e stelle, quan­do an­co­ra nes­su­no ha pre­mu­to il bot­to­ne per­ché la na­vi­cel­la spa­zia­le si ac­cen­da. E in­fat­ti poi dice: «Mi au­gu­ro di non pen­sa­re sem­pre e so­lo al­la sal­vez­za». Al pri­mo al­le­na­men­to ha vo­lu­to cinque mi­nu­ti di at­ten­zio­ne dal­la squa­dra. «Gli ho det­to: se so­no qui è per­ché cre­do for­te­men­te in voi». Di­rà ai cro­ni­sti: «San­no che io so­no il lo­ro al­lea­to».

MI PIA­CE CHI SBA­GLIA.

Tor­na un pa­io di vol­te sui ca­pel­li gri­gi che a cin­quan­ta­due an­ni porta in do­te. «Vor­ran­no di­re qual­co­sa, o no? E co­mun­que mi tro­vo con un pre­si­den­te che è più gio­va­ne di me, e que­sto è uno sti­mo­lo». Non si pa­vo­neg­gia, ma se poi si va a guar­da­re è uno che ha cer­ca­to di met­te­re il na­so fuo­ri dal giar­di­net­to di ca­sa, Ame­ri­ca ed Emi­ra­ti da gio­ca­to­re, e an­che da al­le­na­to­re - quan­do ha po­tu­to - ha fat­to scel­te non ba­na­li (le di­mis­sio­ni a Li­vor­no per di­ver­gen­ze con Spi­nel­li) e si è mes­so più vol­te in gio­co. Per spie­ga­re co­sa vuo­le dai gio­ca­to­ri dice: «Non mi pia­ce la gen­te che ri­nun­cia, vo­glio gen­te che sba­glia, per­ché sbagliare si­gni­fi­ca pro­var­ci». Il ca­len­da­rio lo met­te di fron­te, pri­ma del­la so­sta, al­la sua Ata­lan­ta e al Ve­ro­na. E qui lo per­do­nia­mo, per­ché per­la pri­ma vol­ta usa il fa­mi­ge­ra­to ag­get­ti­vo «im­por­tan­te». «So­no due par­ti­te im­por­tan­ti». E vab­bè. Con­fi­da che in Emi­lia sta be­ne, Par­ma gli ha con­se­gna­to - ol­tre al cam­po un ca­lo­re che ap­prez­za. «Mi pia­ce que­sta ter­ra». Do­vrà far­si pia­ce­re que­sta squa­dra. «Ci so­no gio­va­ni in­te­res­san­ti. De­stro? Ho una cer­tez­za: con me gli at­tac­can­ti han­no sem­pre fat­to gol. Vo­glio più par­te­ci­pa­zio­ne in area di ri­go­re. Cri­se­tig? E’ un na­zio­na­le Un­der 21, è bra­vo, di­pen­de­rà da lui». Ah, la ci­ta­zio­ne di Lie­d­holm era que­sta. Gli vie­ne fat­to no­ta­re che la fa­scia de­stra è un bu­co ne­ro sen­za pa­dro­ne. «Come di­ce­va Lie­d­holm: la spo­ste­re­mo a si­ni­stra». La so­brie­tà è que­stio­ne di sti­le. Co­sì an­che quan­do ci­ta Al Pa­ci­no di «Ogni ma­le­det­ta do­me­ni­ca» e dice che «dob­bia­mo ag­grap­par­ci ad ogni sin­go­lo cen­ti­me­tro, ad ogni sin­go­lo pun­to, con la rab­bia e con i den­ti», lo fa come se stes­se par­lan­do a bor­do­va­sca, le ma­ni in tasca, un pro­fu­mo di clo­ro che ine­bria, van­no be­ne le ci­ta­zio­ni ma Al Pa­ci­no non è na­to a Cisano Ber­ga­ma­sco, e poi quel­la era Hol­ly­wood, que­sta è Ca­stel­de­bo­le. «Non è un mo­men­to bel­lo quan­do ci si tro­va a que­sto pun­to a fa­re que­ste pre­sen­ta­zio­ni», co­sì Pan­ta­leo Cor­vi­no, re­spon­sa­bi­le dell’area tec­ni­ca del Bo­lo­gna, in­tro­du­ce la pre­sen­ta­zio­ne di Ro­ber­to Donadoni, ter­zo al­le­na­to­re nel­la sua ge­stio­ne in ros­so­blù, do­po Lo­pez (se l’era tro­va­to in ca­sa) e Ros­si (scel­to a mag­gio per pi­lo­ta­re la squa­dra in A). «So­no que­ste le scon­fit­te che fan­no più ma­le», ag­giun­ge ac­co­ra­to, cen­tran­do il cuo­re del pro­ble­ma. L’eso­ne­ro di De­lio Ros­si, che Cor­vi­no ci tie­ne a men­zio­na­re («Un pen­sie­ro sen­ti­to a De­lio e al suo staff a no­me mio e del­la so­cie­tà»), è l’in­ciam­po del pro­get­to pen­sa­to in esta­te, e non po­treb­be es­se­re al­tri­men­ti. Ma il cal­cio, si sa, ha un pre­gio: è una cen­tri­fu­ga che of­fre sem­pre un’al­tra oc­ca­sio­ne. Ec­co al­lo­ra la ri­par­ten­za, all’in­se­gna di un mea cul­pa, ma con di­ver­se pun­tua­liz­za­zio­ni. «Quan­do c’è un cam­bio di al­le­na­to­re e c’è man­can­za di ri­sul­ta­ti si­gni­fi­ca che so­no sta­ti fat­ti de­gli er­ro­ri. E da re­spon­sa­bi­le dell’area tec­ni­ca me li pren­do tut­ti». Fin qua, l’am­mis­sio­ne che qual­co­sa evi­den­te­men­te non ha fun­zio­na­to.

Cor­vi­no pe­rò ri­ven­di­ca le sue scel­te. «Qual­cu­no ci rim­pro­ve­ra di schie­ra­re un cen­tro­cam­po di gio­va­ni, con Diawara che è un ‘97, Donsah un ‘96 e Riz­zo un ‘92. E’ un re­par­to gio­va­ne e di qua­li­tà, mi so­no me­ra­vi­glia­to mol­to di que­sti com­men­ti...». Poi si rivolge ai cro­ni­sti: «Pro­ces­sa­te i club ita­lia­ni per­ché di­te che non han­no co­rag­gio di lan­cia­re i gio­va­ni, poi lo fac­cia­mo noi...». In­fi­ne ar­ri­va al dun­que, pas­sa al­la terza per­so­na e spie­ga: «Co­no­scen­do Cor­vi­no dal di den­tro per quel­lo che ha fat­to, non mi pos­so rim­pro­ve­ra­re qui di aver fat­to quel­lo che sto fa­cen­do». Cioè pun­ta­re sui gio­va­ni, scel­ta le­git­ti­ma, fu­tu­ri­bi­le e

«Mi pia­ce la gen­te che non ri­nun­cia Mi pia­ce chi sba­glia per­ché si­gni­fi­ca che ci ha pro­va­to»

SCEL­TE ED ER­RO­RI.

co­rag­gio­sa. Il di­ri­gen­te en­tra nel­lo spe­ci­fi­co del­le li­nee gui­da che han­no in­di­riz­za­to le scel­te del mer­ca­to esti­vo. «Ho da­to a que­sta squa­dra gio­ven­tù ed espe­rien­za. La di­fe­sa ha Mi­ran­te, Ros­set­ti­ni e Ga­stal­del­lo; l’at­tac­co Mou­nier, Giac­che­ri­ni e De­stro. L’espe­rien­za c’è, ec­co­me. E co­mun­que ri­fa­rei tut­to. Sì, ho sba­glia­to ma ri­fa­rei tut­to. Non pos­so rim­pro­ve­rar­mi di cer­ca­re di fa­re il Cor­vi­no. Quan­do si pro­gram­ma il fu­tu­ro si pas­sa an­che per que­sti er­ro­ri». Ci so­no rincorse par­ti­te all’ini­zio del 2015. «So­no a Bo­lo­gna da die­ci me­si, ho scel­to que­sto club in B an­che per ri­spet­to del­la sua sto­ria, ave­va­mo fis­sa­to due obiet­ti­vi: an­da­re in A, e ci sia­mo riu­sci­ti. E sal­var­ci: per que­sto se mi chiedete di fir­ma­re per il 17° po­sto (Donadoni ave­va ap­pe­na det­to di no), cer­to che fir­mo».

«Mi han­no col­pi­to i suoi mo­di. Dà peso al­le parole. Vo­glio ri­por­ta­re in al­to que­sta so­cie­tà»

«Con­qui­sta­re ogni cen­ti­me­tro e ogni pun­to: par­ten­do dal­le sfi­de con Ata­lan­ta e Ve­ro­na»

Cor­vi­no, 66 an­ni, con Donadoni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.