Di Mar­ti­no, la gran­de oc­ca­sio­ne

Corriere dello Sport - - Atletica - Dall'in­via­to f.fa.

2011

2,00

Per­son. Atle­ta

2,04

A. DI MAR­TI­NO

Naz.

Età

33

Sta­tu­ra

1,69

Diff.*

(35 cm)

Di Mar­ti­no DAE­GU - La re­gi­na Blan­ka Vla­sic ac­ciac­ca­ta. L'oro di Pe­chi­no che ha la­scia­to la pe­da­na per fa­re la mam­ma. I due ai­ro­ni che la pas­sa­ta sta­gio­ne han­no da­to spet­ta­co­lo, la te­de­sca Frie­dri­ch e l'ame­ri­ca­na Chaun­té Lo­we, og­gi con­dan­na­te all'in­fer­me­ria. Il pa­no­ra­ma dell'al­to ha vi­sto sboc­cia­re que­st'an­no il ta­len­to del­la rus­sa Chi­che­ro­va, sa­li­ta a quo­ta 2,07 un me­se fa ai cam­pio­na­ti di ca­sa. La stes­sa Chi­che­ro­va che ai Mon­dia­li 2007 di­vi­se l'ar­gen­to a 2,03 con An­to­niet­ta Di Mar­ti­no. «Ma non di­te­mi che so­no for­tu­na­ta sen­nò mi ar­rab­bio» . QUO­TA­ZIO­NI - L'az­zur­ra di Ca­va de' Tir­re­ni non vuol sen­tir par­la­re del­le di­sgra­zie al­trui. Co­no­sce trop­po be­ne le sue per gioi­re di quel­le al­trui. Ope­ra­zio­ni im­pos­si­bi­li, mo­no­nu­cleo­si, ri­ca­du­te va- rie. Una via cru­cis i suoi die­ci an­ni di car­rie­ra, sem­pre ad al­to li­vel­lo. «So­no fa­vo­ri­ta per una me­da­glia? Ma­ga­ri sì. Ma se so­no qui è sta­to per un mi­ra­co­lo» .

L'en­ne­si­mo. Fi­no ai pri­mi di lu­glio era an­co­ra sul tet­to del mon­do nel­le gra­dua­to­rie sta­gio­na­le gra­zie al gran­de vo­lo in in­ver­no, al co­per­to, a 2,04. Poi, al­la vi­gi­lia del Gol­den Ga­la, il 26 mag­gio, pun­tua­le è ar­ri­va­ta la cat­ti­va sor­te: di­stor­sio­ne dell'al­lu­ce del pie­de di stac­co. «Un dolore che non potevo nem­me­no cam­mi­na­re, fi­gu­ria­mo­ci sal­ta­re. Per due me­si nien­te. Poi la sfor­tu­na si è di­strat­ta ed ec­co­mi qui. Con una so­la ga­ra nel­le gam­be e in buo­na sa­lu­te una vol­ta tan­to». Per la fi­na­le bi­so­gne­rà at­ten­de­re sa­ba­to, l'ora di pran­zo (al­le 12 in Ita­lia). Ma in­tan­to sta­not­te (al­le 3.45) an­drà in pe­da­na nel­le qua­li­fi­ca­zio­ni: da su­pe­ra­re 1,95. Una mi­su­ra che non do­vreb­be pre-

«So­no fa­vo­ri­ta per una me­da­glia? For­se sì Ma se so­no qui è sta­to per un mi­ra­co­lo. Si è di­strat­ta la sfor­tu­na»

oc­cu­pa­re l'az­zur­ra.

«La co­sa po­si­ti­va è che nell'uni­ca ga­ra ho cen­tra­to su­bi­to i due me­tri, che non è ma­le ». La plu­ri­cam­pio­nes­sa Vla­sic, tan­to per es­se­re chia­ri, ci è ar­ri­va­ta an­che lei una so­la vol­ta ma do­po aver sal­ta­to a de­stra e a man­ca. Pri­ma del­la sof­fer­ta de­ci­sio­ne di par­te­ci­pa­re co­mun­que no­no­stan­te l'in­fiam­ma­zio­ne al gi­noc­chio. «Per una vol­ta non par­to da fa­vo­ri­ta, ma va­le­va la pena es­ser­ci, avrei sof­fer­to di più da­van­ti al­la tv», ha spie­ga­to la spi­lun­go­na di Spa­la­to. DIF­FE­REN­ZIA­LE - A 33 an­ni, con i suoi 169 cen­ti­me­tri, An­to­niet­ta ha su­pe­ra­to la sua sta­tu­ra di 35 cen­ti­me­tri: nel­la sto­ria nes­su­na co­me lei. Ha una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà qui: è sta­ta l'ul­ti­ma me­da­glia az­zur­ra ai Mon­dia­li (a Osa­ka 2007), do­po di lei il vuo­to. « Non ci vo­glio pen­sa­re, non pos­so ca­ri­car­mi an­che il pe­so di sal­va­tri­ce del­la Pa­tria. Per vo­la­re io non de­vo pen­sa­re a nien­te ».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.