GET­TA­TE LE BA­SI DEL­LA RI­NA­SCI­TA

Corriere dello Sport - - Basket - Dall’in­via­to a.b.

L'ul­ti­ma vol­ta in cui la Na­zio­na­le era sta­ta av­vi­sta­ta sui ra­dar in­ter­na­zio­na­li ri­sa­le al lon­ta­no 2007, quan­do la squa­dra dell'al­lo­ra ct Re­cal­ca­ti non an­dò ol­tre il no­no po­sto agli Eu­ro­pei di Spa­gna, ve­nen­do ri­suc­chia­ta in un bu­co ne­ro e pro­iet­ta­ta in un'al­tra di­men­sio­ne ri­spet­to a quel­la a cui era abi­tua­ta: nien­te Gio­chi di Pe­chi­no, non clas­si­fi­ca­ta per gli Eu­ro­pei 2009, ov­via­men­te fuo­ri da­gli ul­ti­mi Mon­dia­li. Spa­ri­ta, di­men­ti­ca­ta, men­tre na­zio­ni con mi­no­ri tra­di­zio­ni e pos­si­bi­li­tà si fa­ce­va­no lar­go.

Ec­co per­ché es­se­re in Li­tua­nia, pur pas­san­do per la por­ta di ser­vi­zio gra­zie all'al­lar­ga­men­to del nu­me­ro del­le par­te­ci­pan­ti, rap­pre­sen­ta co­mun­que una ri­na­sci­ta e al tem­po stes­so una gran­de oc­ca­sio­ne. L'Ita­lia che esor­di­sce og­gi con­tro la ter­ri­bi­le Ser­bia è im­per­fet­ta, è ve­ro: sot­to ca­ne­stro ha po­che al­ter­na­ti­ve a Bar­gna­ni, in re­gia si af­fi­da al pai­sà Mae­stran­zi che ri­schia di pa­ga­re ca­ro il con­fon­to con av­ver­sa­ri più al­ti e pe­san­ti di lui, le man­ca espe­rien­za, di gioco e di ma­li­zia, a cer­ti li­vel­li. Ep­pu­re è un grup­po ve­ro, che non co­no­sce frat­tu­re ge­ne­ra­zio­na­li co­me è ac­ca­du­to in pas­sa­to, che sa qua­li so­no i pro­pri li­mi­ti e co­me na­scon­der­li o gi­rar­li a pro­prio fa­vo­re, che so­prat­tut­to ha tro­va­to in Pia­ni­gia­ni il tec­ni­co in gra­do di dar­le un'iden­ti­tà di­fen­si­va. Per­ché il trio del­la Nba Bar­gna­ni-Be­li­nel­li-Gal­li­na­ri as­sie­me a Man­ci­nel­li rap­pre­sen­ta ben ol­tre il 60% del no­stro po­ten­zia­le of­fen­si­vo. Ep­pu­re è pro­prio sul si­ste­ma di­fen­si­vo del coa­ch di Sie­na, fat­to di aiu­ti, rad­dop­pi e ro­ta­zio­ni in gra­do di por­ta­re l'av­ver­sa­rio ad un ti­ro spor­co o af­fret­ta­to ne­gli ul­ti­mi se­con­di, che gli az­zur­ri pog­gia­no buo­na par­te del­le lo­ro pos­si­bi­li­tà di pas­sa­re al­me­no al­la se­con­da fa­se.

Quel­lo di Siauliai as­so­mi­glia ad un girone dan­te­sco: sei squa­dre, quat­tro a cac­cia del­la qua­li­fi­ca­zio­ne, so­lo tre avan­za­no. Con la Ser­bia stra­fa­vo­ri­ta, e la Fran­cia die­tro di lei, la Na­zio­na­le de­ve in li­nea teo­ri­ca fa­re il gioco sul­la Ger­ma­nia, to­tal­men­te No­witz­ki­di­pen­den­te e di si­cu­ro non ir­re­si­sti­bi­le. Il che non esclu­de un col­po a sor­pre­sa che pos­sa su­bi­to ro­ve­scia­re ogni ge­rar­chia.

Que­sta è la no­stra Ita­lia, og­get­ti­va­men­te la mi­glio­re che l'at­tua­le pa­no­ra­ma ce­sti­sti­co ita­lia­no è sta­to in gra­do di pro­dur­re. Tut­to quel­lo che ver­rà, nel be­ne e nel ma­le, va ac­cet­ta­to con se­re­ni­tà, sa­pen­do che le ba­si per una ve­ra ri­na­sci­ta nel fu­tu­ro pros­si­mo so­no già sta­te get­ta­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.