Keys, ba­by stel­la gra­zie a Ve­nus

Corriere dello Sport - - Altri Sport - Di Ro­ber­to Zan­ni (An­sa)

Ve­nus Wil­liams è si­cu­ra­men­te una del­le più gran­di atle­te che il ten­nis ci ab­bia mai re­ga­la­to, su que­sto tut­ti so­no d'ac­cor­do. Ec­co qual­che di­ver­si­tà di opi­nio­ne si può ave­re se dal drit­to e il ro­ve­scio si pas­sa all'ab­bi­glia­men­to: non so­no sta­te po­che le vol­te che Ve­nus si è pre­sen­ta­ta in cam­po con 'mi­se' non pro­prio da ap­plau­si, poi da quan­do le di­se­gna lei si è sbiz­zar­ri­ta an­che in ver­sio­ne ul­tra se­xi. Ma i gu­sti, è ov­vio, so­no gu­sti e se ades­so ne­gli USA sta na­scen­do una stel­la, beh bi­so­gna pro­prio rin­gra­zia­re Ve­nus e il suo ab­bi­glia­men­to.

«Ave­vo quat­tro an­ni - rac­con­ta Ma­di­son Keys - i miei ge­ni­to­ri sta­va­no guar­dan­do la tv, cre­do fos­se Wim­ble­don, gio­ca­va Ve­nus Wil­liams e ap­pe­na l'ho vi­sta ho de­ci­so che vo­le­vo un ve­sti­to ugua­le al suo. Al­lo­ra mio pa­dre e mia ma­dre mi dis­se­ro che se an­ch'io aves­si gio­ca­to a ten­nis, me l'avreb­be­ro com­pra­to, iden­ti­co a quel­lo di Ve­nus. E io ho det­to 'va be­ne'. Ed è da al­lo­ra che gioco» .

Da quel gior­no so­no pas­sa­ti cir­ca 12 an­ni, Ma­di­son è cre­sciu­ta, ades­so ne ha 16 e lu­ne­dì se­ra, iro­nia del ta­bel­lo­ne, lei la più pic­co­la de­gli US Open, ha bat­tu­to la se­con­da più an­zia­na, un'al­tra ame­ri­ca­na, Jill Cray­bas, che di an­ni ne ha 37, con una au­to­ri­tà e un pun­teg­gio da ve­te­ra­na: 6-2, 6-4, la più gio­va­ne a vin­ce­re a Flu­sing Mea­do­ws dal 2005.. È LA NU­ME­RO 455 - La Keys, che è di Bo­ca Ra­ton, in Flo­ri­da, era al suo debutto nel ta­bel­lo­ne prin­ci­pa­le de­gli US Open (pri­ma vol- ta in un tor­neo del Grand Slam) un’emo­zio­ne che non l'ha fer­ma­ta, co­sa che non ha fat­to nem­me­no la sua po­si­zio­ne in clas­si­fi­ca, è la 455 al mon­do, l'ul­ti­ma tra tut­te le ten­ni­ste pre­sen­ti a New York. Quan­do la Cray­bas fe­ce il suo debutto in un Grand Slam, si de­ve an­da­re in­die­tro fi­no al 1996, sem­pre a New York, all'epo­ca Ma­di­son ave­va ap­pe­na 18 me­si. «Sa­pe­vo be­nis­si­mo che tra di noi c'era una bel­la dif­fe­ren­za di età - ha det­to sor­ri­den­te la Keys do­po la sua vit­to­ria - ma du­ran­te l'incontro non ci ho mai pen­sa­to». Non ha pen­sa­to nem­me­no al fat­to che la Cray­bas era al suo 45° tor­neo con­se­cu­ti­vo di Grand Slam (re­cord egua­glia­to tra i gio­ca­to­ri in at­ti­vi­tà) e 49° in as­so­lu­to. «È sta­to un bel­liss­mo pri­mo gior­no - ha ag­giun­to - fan­ta­sti­co. Sì ades­so so­no emo­zio­na­ta, ma spe­ro di aver­ne uno ugua­le an­che mer­co­le­dì (og­gi si tro­ve­rà di fron­te la ce­ka Sa­fa­ro­va, nu­me­ro 27 del ta­bel­lo­ne ndc)». SCHIA­VO­NE A FA­TI­CA - Ie­ri la pri­ma del­le ita­lia­ne a scen­de­re in cam­po è sta­ta Fla­via Pennetta che in due set (6-1, 6-4) ha su­pe­ra­to la fran­ce­se Re­zai e al se­con­do tur­no ci sa­rà il der­by con Ro­mi­na Oprandi (che ha su­pe­ra­to l'ex sen­sa­zio­ne USA Me­la­nie Ou­din). Ci so­no vo­lu­ti in­ve­ce tre set a Francesca Schia­vo­ne, te­sta di se­rie nu­me­ro 7, con­tro la ka­za­ka Vo­sko­boe­va (6-3, 1-6,

Ma­di­son Keys, 16 an­ni, ie­ri ha bat­tu­to Jill Cray­bas, 37 6-4) e nel ter­zo, sul 5-3, pri­ma ha per­so il ser­vi­zio, poi con un con­tro-break ha chiu­so l'incontro e ades­so avrà di fron­te la croa­ta Lu­cic. Nien­te da fa­re in­ve­ce per Al­ber­ta Brian­ti fer­ma­ta dal­la Van­dewe­ghe (7-5, 6-3). Tra gli uo­mi­ni buo­no l'av­vio di Po­ti­to Sta­ra­ce (6-4, 4-6, 63, 6-2) con­tro il te­de­sco Ber­rer. LA MA­RA­TO­NA DI VESNA - È du­ra­to in­ve­ce 17 ore il so­gno di Vesna Do­lon­ts. Per due gior­ni, sa­ba­to e do­me­ni­ca si è vi­sta il suo vo­lo per New York can­cel­la­to, per col­pa dell'ura­ga­no Ire­ne. Poi fi­nal­men­te al­le 4 di mat­ti­na di lu­ne­dì, ora di New York, la ven­tu­nen­ne rus­sa è de­col­la­ta dall'ae­ro­por­to di Mo­sca con de­sti­na­zio­ne la 'Big Ap­ple'. Die­ci ore di vo­lo, poi una vol­ta sbar­ca­ta al 'JFK' di cor­sa è ar­ri­va­ta a Flu­shing Mea­do­ws, era­no le 4 del po­me­rig­gio, giu­sto in tem­po per di­re che c'era an­che lei e al­le 8 di se­ra era già in cam­po, per gio­ca­re con­tro Ve­nus Wil­liams, par­ti­ta per­sa in 1 ora e 17 mi­nu­ti: 6-4, 6-3, una av­ven­tu­ra durata ap­pe­na 17 ore, viag­gio com­pre­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.