Zi­go­ni si smar­ca: «Di pa­pà ho pre­so so­lo i gol»

Gian­mar­co è ti­mi­do, Gian­fran­co l’op­po­sto: «Non sa­rò sta­to il nu­me­ro uno, ma non ero se­con­do a nes­su­no»

Corriere dello Sport - - Calcio | Speciale - Di Be­nia­mi­no Pe­sca­to­re b.p./lps

AVEL­LI­NO - Nel no­me del pa­dre. Sol­tan­to nel no­me, per­ché di pa­pà Gian­fran­co, il 21en­ne Gian­mar­co Zi­go­ni, attaccante dell’avel­li­no (di pro­prie­tà del Mi­lan) ha pre­so il giu­sto. « Fa­ci­le che fos­se co­sì, io ero mat­to, lui è un bra­vo ra­gaz­zo, al­to, for­te, am­bi­de­stro e com­bat­ten­te. A me, in­ve­ce, se non era giornata me ne sta­vo al mio po­sto a fa­re il com­pi­ti­no ». Se in­ve­ce stro­fi­na­va la lam­pa­da, quel ta­len­to di Gian­fran­co Zi­go­ni, og­gi 66 an­ni, quat­tro fi­gli avu­ti con due mo­gli, non c’era ver­so di fer­mar­lo. « Non sa­rò sta­to il nu­me­ro uno, ma non ero se­con­do a nes­su­no ». Ge­nio e sre­go­la­tez­za, drib­bling sec­chi ad av­ver­sa­ri e re­go­le, col­pi di te­sta, più fuo­ri che den­tro al campo, do­ve se gli toc­ca­va par­ti­re dal­la pan­chi­na e fa­ce­va fred­do, si ac­co­mo­da­va in pel­lic­cia e cap­pel­lo da cow boy. L’ex Ge­noa, Ju­ven- tus e Ro­ma og­gi al­le­na i bam­bi­ni, se­gue il cal­cio ma non è di quei pa­pà che pre­ten­do­no di ve­der­si a ogni co­sto nei fi­gli. « Ero spe­cia­le, mi di­stin­gue­vo. Nel no­me sia­mo si­mi­li, con Gian da­van­ti: Marco era trop­po cor­to ». Il gio­co del­le dif­fe­ren­ze e del­le so­mi­glian­ze può fi­ni­re qui. FI­GLIO D’AR­TE - Gian­mar­co è l’al­tra fac­cia del­la me­da­glia Zi­go­ni: vi­so da ado­le­scen­te, mo­di pa­ca­ti. Do­ti tec­ni­che ri­le­van­ti in campo, di­spo­ni­bi­li­tà, mo­de­stia e pie­di a ter­ra fuo­ri dal­la con­te­sa. Un ra­gaz­zo per­be­ne che sal­tel­la sul tram­po­li­no in at­te­sa del de­fi­ni­ti­vo bal­zo, del­la con­sa­cra­zio­ne nel grande cal­cio. Par­ti­to dal­le gio­va­ni­li del Tre­vi­so - do­ve ha se­gna­to gol a va­lan­ga - è pre­sto ap­pro­da­to al­la pri­ma squa­dra ve­ne­ta, in se­rie B, nel 2009. A se­gui­re il pas­sag­gio al Mi­lan, la vit­to­ria del­la Cop­pa Ita­lia Pri­ma­ve­ra, l’esor­dio in A con­tro la La­zio; suc­ces­si­va­men­te la pa­ren­te­si al Ge­noa che lo ce­de al Frosinone pri­ma del ri­scat­to to­ta­le da par­te del Mi­lan che nell’esta­te del 2011 lo gi­ra in pre­sti­to all’avel­li­no. « E’ stata una trat­ta­ti­va com­ples­sa, che si è sbloc­ca­ta all’ul­ti­mo mo­men­to - spie­ga Zi­go­ni jr - con il for­te in­te­res­sa­men­to dell’avel­li­no, in par­ti­co­la­re del­la fa­mi­glia Ia­co­vac­ci (Alberto è ad del club) le­ga­ta ai ver­ti­ci del Mi­lan da un rap­por­to di ami­ci­zia. L’avel­li­no è un club im­por­tan­te e ho la pos­si­bi­li­tà di gio­car­mi le car­te per met­ter­mi in evi­den­za ». DEL PIE­RO - Set­te re­ti fi­no­ra, sen­za par­ti­co­la­ri ispi­ra­zio­ni o de­di­che. « Il mio ido­lo è Del Pie­ro ma pa­pà non se l’è mai pre­sa. La pas­sio­ne per que­sto sport, ov­vio, me l’ha tra­smes­sa lui: da bam­bi­no, an­che den­tro ca­sa, era il mio pri­mo com­pa­gno di cal­ci. Non è un pa­dre on­ni­pre­sen­te, as­sil­lan­te. Piut­to­sto ci sen­tia­mo nel dopo par­ti­ta e lo ag­gior­no su co­me è an­da­ta, quan­do può mi se­gue. I con­si­gli? Non man­ca­no mai ». Ha il vol­to da ra­gaz­zi­no, ma se ar­ri­va un cross in area, di­ven­ta du­ra con­tra­star­lo. Sba­glia un gol fa­ci­le? Ec­co­lo che ne se­gna due bel­lis­si­mi di te­sta, in tor­sio­ne ae­rea. Que­sto è il cul­mi­ne del­la sua sre­go­la­tez­za, una ma­tu­ri­tà che fa da con­tral­ta­re al­la sfac­cia­tag­gi­ne del pa­pà. « Avrò pre­so dal non­no, an­che lui era cal­cia­to­re ». PRO­ZIO - In Cam­pa­nia, a di­stan­za di due ge­ne­ra­zio­ni: la mam­ma di Gian­mar­co è ni­po­te di Pier Luigi Ron­zon, li­be­ro de­gli an­ni ‘50-’60 con Ata­lan­ta, Samp­do­ria, Mi­lan, Na­po­li. Con i par­te­no­pei rea­liz­zò il gol che con­sen­tì agli azzurri di vin­ce­re la pri­ma cop­pa Ita­lia. Di gol im­por­tan­ti, co­me quel­li rea­liz­za­ti dal pa­pà e dal pro­zìo, Gian­mar­co ne pre­no­ta tan­ti. tro­fei già al­za­ti da Gian­mar­co Zi­go­ni. Una Cop­pa Ita­lia Pri­ma­ve­ra col Mi­lan nel 2010 e una Su­per­cop­pa, lo stes­so an­no, ma col Ge­noa, do­ve era pas­sa­to in com­pro­prie­tà: nel­la fi­na­le, l'attaccante si­glò una dop­piet­ta pro­prio ai ros­so­ne­ri

ILe re­ti mes­se a se­gno que­st’an­no con la ma­glia dell’avel­li­no, al­la sua pri­ma espe­rien­za in Le­ga Pro. E’ vi­ce can­no­nie­re de­gli ir­pi­ni. Quat­tro vol­te ha rea­liz­za­to di te­sta (3 al Via­reg­gio e uno al Pi­sa), due di de­stro e un’al­tra di si­ni­stro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.