L’AL­TRA FAC­CIA DEL­LE ME­DA­GLIE

Corriere dello Sport - - Front Page - di PAO­LO DE PAO­LA RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

La de­mar­ca­zio­ne fra il pas­sa­to e il fu­tu­ro è rap­pre­sen­ta­ta dal va­lo­re as­se­gna­to al nu­me­ro di me­da­glie che si con­qui­sta­no al­le Olim­pia­di. Se­con­do Gian­ni Pe­truc­ci so­no il cri­te­rio di va­lu­ta­zio­ne del­lo sport ita­lia­no, per Gio­van­ni Ma­la­gò dan­no pre­sti­gio ma non si­gni­fi­ca­no nul­la. Quel­le ec­cel­len­ze, a det­ta del nuo­vo pre­si­den­te del Co­ni, non de­nun­cia­no la buo­na sa­lu­te del mo­vi­men­to di ba­se. An­zi, so­no so­lo uno spec­chiet­to per le al­lo­do­le vi­ste le clas­si­fi­che in­ter­na­zio­na­li ri­spet­to a strut­tu­re e pra­ti­ca spor­ti­va di tut­ti gli al­tri Pae­si.

E’ la pri­ma for­te spal­la­ta su un fat­to con­cre­to che Ma­la­gò as­se­sta al vec­chio si­ste­ma du­ran­te il fo­rum al no­stro gior­na­le. Per la ve­ri­tà l’in­con­tro è sta­to all’in­se­gna del fair play e del ri­co­no­sci­men­to del la­vo­ro al­trui pe­rò si vol­ta pa­gi­na. Su tut­to. Lo sport in­te­so co­me pas­sio­ne non può pog­gia­re so­lo ed esclu­si­va­men­te sul vo­lon­ta­ria­to. Ma­la­gò in­ten­de in­tro­dur­re «una cul­tu­ra ma­na­ge­ria­le cen­tra­liz­za­ta» espor­tan­do il suo mo­del­lo su lar­ga sca­la par­ten­do dal­le scuo­le. Si co­min­ci da­gli im­pian­ti. Inu­ti­le in­si­ste­re sul­la leg­ge per gli stadi quan­do un pa­laz­zet­to del­lo sport può es­se­re mol­to più ef­fi­ca­ce per la sua po­lie­dri­ci­tà so­prat­tut­to se all’in­ter­no di un ples­so sco­la­sti­co. Gli stadi ver­ran­no ma de­vo­no es­se­re in­se­ri­ti in un qua­dro più am­pio e più com­ple­to nel ri­spet­to del­le re­go­le e del­le esi­gen­ze del ter­ri­to­rio.

Ma­la­gò ha vo­glia di muo­ver­si in fret­ta per­ché c’è tan­to da fa­re. Lo sport ha esi­gen­ze di pub­bli­co e di po­po­la­ri­tà, de­ve ri­spon­de­re a lo­gi­che di frui­bi­li­tà te­le­vi­si­va e de­ve es­se­re lan­cia­to da un si­ste­ma me­dia­ti­vo che ac­com­pa­gni ogni ma­ni­fe­sta­zio­ne tra­sfor­man­do­la in even­to. Chi se­gue lo sport cam­bia in fret­ta gu­sti e pas­sio­ni. C’è bi­so­gno di fles­si­bi­li­tà e di spin­ta ver­so il fu­tu­ro. Ciò che può pia­ce­re og­gi di­ven­ta su­pe­ra­to do­ma­ni ed è inu­ti­le ave­re de­gli ap­pa­ra­ti ma­sto­don­ti­ci se ina­de­gua­ti a se­gui­re i for­ti cam­bia­men­ti. «Mi­glio­ra­re ciò che fun­zio­na, ag­gior­na­re quel­lo che non va an­che at­tra­ver­so cam­bia­men­ti ra­di­ca­li». Le pa­ro­le di Ma­la­gò rap­pre­sen­ta­no un con­ti­nuo stra­vol­gi­men­to de­gli sche­mi, ma oc­cor­re­ran­no tem­po e per­so­ne giu­ste nei po­sti giu­sti. «Ciò che ho fat­to già nei pri­mi ot­to gior­ni rap­pre­sen­ta la piat­ta­for­ma di par­ten­za». Il re­sto ver­rà. Una pa­ren­te­si an­che sul­le sue pas­sio­ni per­so­na­li. Una in par­ti­co­la­re: la Roma. E’ pre­oc­cu­pa­to e fra­stor­na­to per ciò che ac­ca­de, ma è fi­du­cio­so per il fu­tu­ro. Ov­via­men­te non en­tra nel me­ri­to, ma gra­di­reb­be più chia­rez­za. La stes­sa che chie­do­no tan­ti ti­fo­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.