«Ca­glia­ri, ora so­no am­bi­zio­so»

Cel­li­no: Sal­var­mi non ba­sta, vo­glio di più

Corriere dello Sport - - Serie A - Di Vin­cen­zo Sar­du RIPRODUZIONE RISERVATA (Ansa)

el­la sag­gez­za dei po­po­li si tro­va­no sin­te­si il­lu­mi­nan­ti. An­che se ac­co­sta­te a sce­na­ri as­sai pa­ga­ni co­me il cal­cio, e per di più em­pi­ri­ci poi­ché sot­to­po­sti a una nu­tri­ta se­rie di va­ria­bi­li co­me ca­pi­ta nel mer­ca­to dei cal­cia­to­ri. Al­lo­ra, guar­da­re la lu­na an­zi­ché il di­to che la in­di­ca, è uti­le per capire, nel caso del Ca­glia­ri, che piut­to­sto di sta­re a par­la­re di Naing­go­lan, sì, no, do­ve va, for­se è il caso di guar­da­re ol­tre e ten­ta­re di in­di­vi­dua­re dal­le po­che e crip­ti­che pa­ro­le di Mas­si­mo Cel­li­no qua­li so­no gli sce­na­ri che i ti­fo­si sar­di de­vo­no at­ten­der­si.

NAMBIZIONE - Ol­tre il di­to, lad­do­ve c’è la lu­na l’obiet­ti­vo si in­di­vi­dua ed è un Ca­glia­ri fat­to da uo­mi­ni scel­ti per­so­nal­men­te dal pa­tron. An­che do­po que­sto mer­ca­to esti­vo 2013. Cel­li­no ha la­scia­to tra­spa­ri­re con suf­fi­cien­te chia­rez­za la sua pro­fon­da irritazione per ogni il­la­zio­ne, ac­ce­sa da chic­ches­sia, re­la­ti­va al mer­ca­to in tem­pi con­co­mi­tan­ti al suo sta­to di re­stri­zio­ne del­la li­ber­tà per­so­na­le. Al net­to di ciò, re­sta in­te­so che le cessioni so­no fat­te pa­ra­dos­sal­men­te al­lo sco­po di mi­glio­ra­re ( «Mi so­no stu­fa­to di sal­var­mi, vo­glio qual­co­sa di più», ha ri­pe­tu­to ie- ri) se non so­no fat­te per un bi­so­gno eco­no­mi­co. Il Ca­glia­ri non si ri­tro­va in que­sta con­di­zio­ne, no­no­stan­te una sta­gio­ne in par­te di­spen­dio­sa e in par­te non frut­tuo­sa a cau­sa dei tor­men­ti per lo sta­dio. Dun­que, la pro­po­sta de­ve stuz­zi­ca­re, co­sì ha det­to il pre­si­den­te. LE CAR­TE IN TA­VO­LA - Per Naing­go­lan la Roma ie­ri ha pro­dot­to un ul­te­rio­re, che sa tan­to di ul­ti­mis­si­mo, ri­lan­cio: die­ci mi­lio­ni più me­tà car­tel­li­no di Valerio Ver­re (19) e Alessio Ro­ma­gno­li (18), ri­spet­ti­va­men­te me­dia­no e di­fen­so­re. L’In­ter met­te sul piat­to il por­tie­re Fran­ce­sco Bar­di (pro­ta­go­ni­sta del­la Under 21) e l’at­tac­can­te Sa­mue­le Lon­go e un bel po’ di sol­di (pa­re an­che in que­sto caso die­ci). Co­mun­que sia, la scel­ta spet­ta uni­ca­men­te a Cel­li­no il qua­le va­lu­te­rà, in ogni caso il piat­to ap­pa­re ric­co.

Il pa­tron, che pu­re ha ri­pe­tu­to più vol­te di po­te­re e vo­le­re mi­glio­ra­re an­che gra- zie a quel che già sta in casa (tra­dot­to, senza ven­de­re nes­su­no) pren­de­rà una de­ci­sio­ne og­gi. Si può co­mun­que an­da­re an­co­ra una vol­ta a guar­da­re la lu­na, po­nen­do una do­man­da: ipo­tiz­zan­do la pre­fe­ren­za per l’In­ter, il cor­ri­spet­ti­vo che pre­ve­de Bar­di pre­sup­po­ne il via li­be­ra con­cre­to ad Agaz­zi? IN­TOC­CA­BI­LI SI’ E NO - La Fiorentina, che ave­va mes­so in ta­vo­la un ra­gio­na­men­to sul por­tie­re del Ca­glia­ri, per ora pre­fe­ri­sce aspet­ta­re. Ma guar­da caso l’In­ter ha fat­to a sua vol­ta un gi­ro di oriz­zon­te e Agaz­zi non sa­reb­be una so­lu­zio­ne da but­tar via, lad­do­ve cre­sces­se­ro le si­re­ne blau­gra­na del Ba­rça per Han­da­no­vic. In­som­ma, il gi­ro sa­reb­be com­ples­so ma avreb­be una lo­gi­ca: Bar­di e Agaz­zi fan­no par­te di due trat­ta­ti­ve di­stin­te, ma che po­treb­be­ro col­le­gar­si nel­le pros­si­me ore.

Asto­ri, in­ve­ce, non si muo­ve. Cel­li­no ha ri­ba­di­to di ve­de­re nel cen­tra­le az­zur­ro il ca­pi­ta­no del futuro, quan­do (non su­bi­to si in­ten­de) Da­nie­le Con­ti de­ci­de­rà di con­clu­de­re la car­rie­ra. Da ora a lì ce ne pas­sa è ve­ro, ma l’investitura non ha li­mi­ti tem­po­ra­li e vuol di­re che dal­la Sar­de­gna il di­fen­so­re non si muo­ve­rà og­gi co­me pu­re do­ma­ni. IL PO­TE­RE DEI SOL­DI - Cel­li­no ha ri­pre­so in ma­no il to­ta­le con­trol­lo del­le ope­ra­zio­ni. Con­clu­so il rap­por­to con­trat­tua­le con l’ex dg Mar­roc­cu, il pre­si­den­te fa tran­si­ta­re fra le sue ma­ni qual­si­vo­glia ope­ra­zio­ne. Chi bus­sa ar­ri­va ne­ces­sa­ria­men­te a lui, e nel­le scor­se ore ha ri­spo­sto per ascol­ta­re una chia­ma­ta este­ra, dal Monaco. Per par­la­re di chi non lo ha det­to ( «Giu­ro, non lo so nean­che io, de­vo sen­tir­li in tar­da se­ra­ta» , ha spie­ga­to ie­ri), in ogni caso il fil­tro è lo stes­so: non ha bi­so­gno di ce­de­re, ma se ce­de la co­sa de­ve con­ve­ni­re as­sai. L’uni­co as­so nel­la ma­ni­ca, può es­se­re un’of­fer­ta eco­no­mi­ca mon­stre, di quel­le che tra­du­co­no in ma­te­ria il con­cet­to del po­te­re dei sol­di.

Chiun­que sia l’og­get­to dell’in­te­res­se, il pre­si­den­te ha sot­to­li­nea­to an­co­ra: «So­no stan­co di sal­var­mi, vo­glio di più» . Ai ti­fo­si, que­sta, sem­bra già una pia­ce­vo­lis­si­ma sin­fo­nia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.