Corriere dello Sport

Da Zie­lin­ski a El­mas un wee­kend di pau­ra

Ie­ri ul­ti­mo gi­ro di con­trol­li: «Tut­ti ne­ga­ti­vi», poi lo stop del ma­ce­do­ne In qua­ran­te­na an­che Mi­lik, che era par­ti­to per il ri­ti­ro del­la na­zio­na­le

- Di An­to­nio Gior­da­no Soccer · Sports · Torino F.C. · Turin · S.S.C. Napoli · Naples · Juventus F.C. · Poland · Naples International Airport

Que­sta è la cro­na­ca di un wee­kend de­li­ran­te, vis­su­to con la te­sta tra le nu­vo­le tra To­ri­no e Na­po­li e un tam­po­ne si­ste­ma­ti­ca­men­te tra le na­ri­ci, per spe­ra­re di sen­tir­si be­ne. Que­sta è una sto­ria sur­rea­le, in cui il cal­cio ri­ma­ne di­stan­te, pur ri­tro­van­do­si poi cen­tra­le, tra i pen­sie­ri spet­ti­na­ti del­la Ju­ven­tus e del Na­po­li, co­stret­ti a on­deg­gia­re tra l’an­sia e la pau­ra, men­tre nell’aria c’è il so­spet­to che stia­no sci­vo­la­re i ti­to­li di co­da su tut­to ciò ch’è sta­to det­to e fat­to e sul­la «ma­dre di tut­te le par­ti­te». Al­le 19.40, quan­do la su­per-sfi­da eva­po­ra, por­tan­do­si die­tro de­ci­ne di do­man­de e in­se­guen­do al­tret­tan­te ri­spo­ste, non re­sta al­tro da fa­re che scru­ta­re nel vuo­to di quel­la bol­la au­ten­ti­ca nel­la quale va ad ac­co­mo­dar­si que­sto mon­do che non sa più da chi e da co­sa di­pen­da, se non dal Co­vid-19 e dai suoi ef­fet­ti. E il sen­so di di­so­rien­ta­men­to s’av­ver­te per in­te­ro.

EL­MAS E MI­LIK. Que­sto è il cal­cio all’epo­ca del Co­vid-19, che al ve­ner­dì sot­trae al Na­po­li Zie­lin­ski, al sa­ba­to gli to­glie pu­re El­mas e che la do­me­ni­ca glie­la fa tra­scor­re­re in ca­sa sua, con un di­stan­zia­men­to dal­la Ju­ven­tus che non è più so­cia­le ma ef­fet­ti­vo e chi­lo­me­tri­co. Al­le 19.30, quan­do or­mai i di­ri­gen­ti so­no a Ca­po­di­chi­no e i cal­cia­to­ri stan­no per es­se­re por­ta­ti ai pie­di del­la sca­let­ta del char­ter, che qua­si sta rul­lan­do in pi­sta, nel film è ri­scrit­to il fi­na­le del­le 48 ore più paz­ze e il pal­lo­ne di­vie­ne mar­gi­na­le, sta ai la­ti del vi­rus, dell’os­ses­sio­ne, del­la pau­ra, che ora at­ta­na­glia an­che Mi­lik, par­ti­to in an­ti­ci­po per la Po­lo­nia do­ve l’aspet­ta­va la Na­zio­na­le e ora co­stret­to an­che lui a quat­tor­di­ci gior­ni di ri­go­ro­sa pru­den­za, sen­za cal­cio e con un fu­tu­ro che sul mer­ca­to di­ven­ta per­lo­me­no opa­co.

TWEET OVUN­QUE. I fat­ti, se­pa­ra­ti dal­le in­ter­pre­ta­zio­ni, so­no rac­chiu­si nei tweet che ag­gior­na­no in tempo rea­le sull’esi­to dei con­trol­li e pe­rò an­che in una man­cia­ta di bat­tu­te si rie­sce a co­glie­re le sen­sa­zio­ni di chi si sen­te «brac­ca­to» da un ne­mi­co in­vi­si­bi­le e im­pre­ve­di­bi­le, pron­to a gher­mir­ti: «So­no tut­ti ne­ga­ti­vi al Co­vid-19 i cal­cia­to­ri del­la So­cie­tà Spor­ti­va Cal­cio Na­po­li. Si co­mu­ni­ca che dei quat­tro tam­po­ni an­co­ra pro­ces­sa­ti ver­rà re­so no­to l’esi­to tra po­co». E ciò che al­le 16.12 in­du­ce all’ot­ti­mi­smo più cau­to, al­le 16.52 è già di­ven­ta­ta in­quie­tu­di­ne, per­ché El­mas vie­ne in­vi­ta­to - lui co­me Zie­lin­ski e co­me Gian­do­me­ni­co Co­sti, il brac­cio de­stro di Giun­to­li - a rien­tra­re tra le pro­prie mu­ra. BLACK-OUT. Ma in que­sto sa­ba­to co­sì emo­ti­va­men­te slab­bra­to, sen­za che rie­sca ad af­fio­ra­re quel mi­ni­mo di pa­thos, la Ju­ven­tus, al­le 18.44, de­ve at­trez­zar­si per un an­nun­cio che am­pli­fi­ca l’al­lar­me e fi­ni­sce per di­la­ta­re l’an­go­scia: «Ju­ven­tus Foot­ball club co­mu­ni­ca che, nel cor­so dei con­trol­li pre­vi­sti dal pro­to­col­lo in vi­go­re, so­no emer­se due po­si­ti­vi­tà. Non si trat­ta né di cal­cia­to­ri, né di mem­bri del­lo staff tec­ni­co o me­di­co e tut­ta­via in os­se­quio al­la nor­ma­ti­va, tut­to il grup­po squa­dra al­lar­ga­to en­tra in que­sto mo­men­to in iso­la­men­to fi­du­cia­rio». Si spen­go­no le lu­ci, ma an­che i mo­to­ri: e Ju­ven­tus-Na­po­li fi­ni­sce in un co­no d’om­bra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy