Corriere dello Sport

Un uo­mo po­ten­te sci­vo­la­to sul bur­ro

- Giu­sep­pe Pa­squa­le Bologna F.C. 1909 · Bologna · Serie A · Lega Nord · North Korea · Italy · Dino Risi · Luigi Comencini · Rome · Federico Fellini · Lega Lombarda · Enrico Maria Salerno · Pietro Germi · Duccio Tessari · André Cayatte

«La ri­ce­vo vo­len­tie­ri, ho vo­glia di par­la­re di cal­cio, mi por­ti una Marl­bo­ro». Ero a Bo­lo­gna. Sa­lii a Mon­te Do­na­to, ar­ri­vai in vil­la, mi ri­ce­vet­te la ser­vi­tù, non c’era nes­sun al­tro. Giu­sep­pe Pa­squa­le m’aspet­ta­va in una sa­la di­sa­dor­na con un lar­go ten­dag­gio do­ve si ri­fu­giò, spa­ren­do dal­la mia vi­sta, su­bi­to do­po un sa­lu­to fret­to­lo­so e la con­se­gna di una Marl­bo­ro che gli ave­vo ac­ce­so. Una. Pri­ma del­la vi­si­ta ave­vo ri­ce­vu­to so­lo quel­la rac­co­man­da­zio­ne: non lo fac­cia fu­ma­re, una si­ga­ret­ta al mas­si­mo, ha pro­ble­mi al cuo­re, po­treb­be mo­ri­re. E lui mi dis­se: «Mi tol­go­no tut­to, che vi­ta è que­sta?». Pa­squa­le era un uo­mo po­ten­te an­che nel cal­cio (co­me im­pren­di­to­re di­ven­tò po­ten­tis­si­mo) quan­do nel 1961, do­po va­ri in­ca­ri­chi, di­ven­tò pre­si­den­te del­la Fi­gc. Ve­ni­va a Sta­dio a tro­va­re Al­do Bar­del­li che l’ave­va “in­ven­ta­to”, non si da­va arie, in ge­ne­re pas­sa­va a ri­ti­ra­re con­si­gli. Poi c’era la ce­ri­mo­nia set­ti­ma­na­le, il lu­ne­dí, quan­do si ri­tro­va­va a ce­na da Pe­dret­ti, a Ca­sa­lec­chio, con i mas­si­mi di­ri­gen­ti del­lo sport bo­lo­gne­se, pri­mo fra tut­ti Gior­gio Ber­nar­di, sto­ri­co ar­bi­tro e re­spon­sa­bi­le dell’Aia pri­ma nel­la sua cit­tà poi a li­vel­lo na­zio­na­le. Li chia­ma­va­no “quel­li dei cal­zi­ni bian­chi”. Era un de­ci­sio­ni­sta, nel tempo in­tro­dus­se la Se­rie A a 16, il bloc­co agli stra­nie­ri e i con­trol­li an­ti­do­ping: ci cad­de il

Bo­lo­gna, nel ‘64, in­giu­sta­men­te, e il po­po­lo ros­so­blù si ri­bel­lò ac­cu­san­do­lo di es­se­re al sol­do di Gior­gio Per­la­sca, pre­si­den­te di quel­la che a Bo­lo­gna chia­ma­va­mo Le­ga Lom­bar­da, guar­da un po’; quan­do poi i ros­so­blù fu­ro­no as­sol­ti fu pro­prio lui, Pa­squa­le, a de­ci­de­re per lo spa­reg­gio. (E più tar­di, quan­do Per­la­sca fu ri­ve­la­to co­me “lo Schind­ler ita­lia­no”, l’uo­mo che ave­va sal­va­to dai na­zi­sti mi­glia­ia di ebrei e ce­le­bra­to co­me eroe, mi sen­tii in col­pa per le ac­cu­se che gli ave­vo ri­vol­to. Ma era pro­prio lui? La Le­ga non mi ha mai da­to ri­spo­sta...). La po­ten­za cal­ci­sti­ca di Pa­squa­le fu de­mo­li­ta dal­la Co­rea del Nord che cac­ciò l’Ita­lia dal Mon­dia­le in­gle­se del ‘66: e lui si di­mi­se, la­sciò il po­sto a Fran­chi, si but­tò nell’edi­to­ria e nel ci­ne­ma.

Qual­che film?Ano­ni­mo ve­ne­zia­no di En­ri­co Ma­ria Sa­ler­no, Sin­fo­nia per un mas­sa­cro di Jac­ques De­ray, Io la co­no­sce­vo be­ne di An­to­nio Pie­tran­ge­li, Ope­ra­zio­ne San Gen­na­ro di Di­no Ri­si, Gli in­dif­fe­ren­ti di Fran­ce­sco Ma­sel­li, Con­te­sta­zio­ne ge­ne­ra­le di Lui­gi Zam­pa, La ra­gaz­za di Bu­be di Lui­gi Co­men­ci­ni, Se­dot­ta e ab­ban­do­na­ta di Pie­tro Ger­mi,

Uno dei tre di An­dré Ca­yat­te, Vi­vi o pre­fe­ri­bil­men­te mor­ti di Duc­cio Tes­sa­ri (con Ni­no Ben­ve­nu­ti at­to­re) e Roma di Fe­de­ri­co Fel­li­ni che fu il suo ul­ti­mo film. An­da­va tut­to li­scio co­me il bur­ro ma nel bur­ro ca­scò e si ro­vi­nò: im­pli­ca­to in una vi­cen­da spe­cu­la­ti­va di com­mer­cio del bur­ro col Vaticano (nel­la quale la sua ban­ca sviz­ze­ra Val­lu­ga­no ven­ne coin­vol­ta) fal­lí e fu ar­re­sta­to. Ri­cor­do che mi fu por­ta­ta la no­ti­zia una do­me­ni­ca d’esta­te : «Pa­squa­le ar­re­sta­to nel suo ya­cht al lar­go di Ric­cio­ne». Ne ave­va com­bi­na­te tan­te, ave­va di­stri­bui­to be­nes­se­re a pie­ne ma­ni, ma fi­ní so­lo e igno­ra­to so­prat­tut­to dai gior­na­li­sti. Mol­ti dei qua­li ave­va­no ac­cet­ta­to da lui son­tuo­si con­trat­ti “in ne­ro” ge­sti­ti pro­prio dal­la Val­lu­ga­no che, fal­li­ta, non pa­gò una li­ra. Quel­la mat­ti­na, a Mon­te Do­na­to, nel­la sua ve­sta­glio­na, di­ma­gri­to, spen­to, fe­li­ce so­lo un at­ti­mo con la sua Marl­bo­ro proi­bi­ta, mi di­mo­strò la fra­gi­li­tà dei po­ten­ti e l’in­gra­ti­tu­di­ne dei cor­ti­gia­ni. So­lo uno di quel­li non lo tra­dí, per­se tut­to ma gli re­stò ami­co. E mo­rí pri­ma di lui. Di cre­pa­cuo­re.

 ??  ?? 65
65

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy