Corriere dello Sport

IN­ZA­GHI: VO­GLIO VE­DE­RE LA FA­ME

L’al­le­na­to­re (ex ros­so­blù) si fi­da del­la sua squa­dra «Non sia­mo abi­tua­ti a per­de­re. Gio­chia­mo a vi­so aper­to» «Co­sì e con la for­za del grup­po il Be­ne­ven­to può sop­pe­ri­re al gap tec­ni­co. Ser­ve un’al­tra par­ti­ta per­fet­ta co­me a Ge­no­va»

- Di Fran­co San­to Sports · Filippo Inzaghi · Bologna F.C. 1909 · Bologna · Europe · Genoa · F.C. Internazionale Milano · Rome

È se­re­no, nes­su­na fi­bril­la­zio­ne. E di pre­oc­cu­pa­zio­ni nem­me­no l'om­bra. Pip­po In­za­ghi ha mes­so una pie­tra sul pas­sa­to, con­si­de­ra il Bo­lo­gna un av­ver­sa­rio co­me un al­tro. For­te, que­sto sì, co­me tan­te al­tre squa­dre dell'at­tua­le se­rie A, che non ha an­co­ra espres­so va­lo­ri as­so­lu­ti. «La squa­dra emi­lia­na è mol­to com­pe­ti­ti­va, l'an­no scor­so ha sfio­ra­to la qua­li­fi­ca­zio­ne in Eu­ro­pa Lea­gue. Per te­ner­la a ba­da oc­cor­re­rà un'al­tra par­ti­ta per­fet­ta co­me quel­la di Ge­no­va, sop­pe­ren­do al gap tec­ni­co con la fa­me e la for­za del grup­po».

Quel­la sta­gio­ne a Bo­lo­gna se l'è get­ta­ta al­le spal­le, sen­za rim­pian­ti: «Non ho ri­vin­ci­te con nes­su­no. Bo­lo­gna mi ha trat­ta­to mol­to be­ne, ho un ri­cor­do splen­di­do del­la di­ri­gen­za e del­la gen­te. E' sta­ta una pa­ren­te­si ne­ga­ti­va del­la mia car­rie­ra, da cui si im­pa­ra tan­tis­si­mo. Per me va­le co­me le al­tre ed è mol­to im­por­tan­te per la mia squa­dra. Fi­no­ra non mi pos­so la­men­ta­re: sap­pia­mo che la A è di­ver­sa dal­la B, ma ho vi­sto gran­de ri­spet­to da par­te de­gli av­ver­sa­ri. Ed è la co­sa più bel­la di que­ste pri­me due par­ti­te».

SCEL­TE E CON­DI­ZIO­NE. Di­ce che qual­che scel­ta è an­co­ra av­vol­ta dal dub­bio, che ci pen­se­rà que­sta mat­ti­na. Co­me sem­pre sa­rà frut­to del­la sin­te­si tra l'aspet­to tec­ni­co e quel­lo fi­si­co: «Ci sia­mo tro­va­ti – di­ce – a gio­ca­re tre par­ti­te in no­ve gior­ni non per col­pa no­stra. Ora dob­bia­mo re­cu­pe­ra­re quan­te più ener­gie sa­rà pos­si­bi­le. Ma ho vi­sto che la squa­dra sta be­ne ed è in gran­de fi­du­cia. Mer­co­le­dì con­tro l'In­ter mi è pia­ciu­to l'at­teg­gia­men­to, avrem­mo po­tu­to se­gna­re 4-5 gol a una del­le di­fe­se più for­ti d'Eu­ro­pa. E' an­che ve­ro che ab­bia­mo con­ces­so trop­po die­tro e lì oc­cor­re mi­glio­ra­re, ma ab­bia­mo an­che in­cas­sa­to tan­ti com­pli­men­ti. Non ci pia­ce per­de­re, non sia­mo abi­tua­ti, ma vo­glia­mo an­da­re sem­pre avan­ti, non vo­glia­mo sta­re nel­la no­stra area a di­fen­der­ci. Pro­via­mo a gio­car­ce­la sem­pre a vi­so aper­to».

AVVICENDAM­ENTI. Li chia­ma co­sì i pos­si­bi­li cam­bi, non turn over che è un ter­mi­ne che non gli pia­ce. Tre par­ti­te in ra­pi­da suc­ces­sio­ne co­strin­go­no a fa­re un po' di al­ter­nan­za: «Qual­che cam­bio lo fa­rò, è scon­ta­to. In cam­po an­drà sem­pre chi sta me­glio. L'istin­to mi fa­reb­be met­te­re sem­pre den­tro tut­ti i mi­glio­ri, ma, ave­te vi­sto, in se­rie A si gio­ca ad un rit­mo for­sen­na­to e se non stai be­ne non reg­gi l'im­pat­to con l'av­ver­sa­rio. Bar­ba non ci sa­rà, Mag­gio non ha nien­te ed è con­vo­ca­to. La­pa­du­la si sta al­le­nan­do con im­pe­gno da ol­tre die­ci gior­ni, per aver­lo al me­glio aspet­tia­mo la so­sta e ma­ga­ri un'al­tra ami­che­vo­le».

L'im­pres­sio­ne è che toc­chi di nuo­vo a Mon­ci­ni in av­vio, con l'ex lec­ce­se pron­to a su­ben­trar­gli. Ra­gio­na­men­to di­ver­so per Ia­go Fal­que: «E' un gio­ca­to­re che ab­bia­mo vo­lu­to a tut­ti i co­sti, ma non gio­ca da un po'. Fi­no­ra ha fat­to so­lo 45' di un'ami­che­vo­le col To­ro, ol­tre al la­vo­ro con noi in que­sti gior­ni. De­vo de­ci­de­re se far­lo par­ti­re su­bi­to dal pri­mo mi­nu­to o uti­liz­zar­lo nell'ul­ti­ma mezz'ora. An­che con l'In­ter sta­vo per man­dar­lo in cam­po, poi ho do­vu­to cam­bia­re un cen­tro­cam­pi­sta». Una no­vi­tà ar­ri­ve­rà an­che dal set­to­re ne­vral­gi­co: «Ho He­te­maj e Im­pro­ta che stan­no mol­to be­ne, ve­dia­mo di far ri­po­sa­re uno tra Io­ni­ta e Da­bo che han­no spe­so mol­to in que­ste pri­me due par­ti­te».

MER­CA­TO. In ge­ne­re evi­ta di par­lar­ne, ma a due gior­ni dal­la con­clu­sio­ne qual­co­sa si la­scia sfug­gi­re: «In di­fe­sa sia­mo pres­so­ché a po­sto, Vio­la sta be­ne, cor­re e non ha do­lo­re: spe­ro di ria­ver­lo do­po la so­sta a Roma. E' chia­ro che se do­ves­se es­ser­ci un'oc­ca­sio­ne la so­cie­tà non se la la­sce­rà sfug­gi­re. E’ chia­ro che si par­la di un'oc­ca­sio­ne di un gio­ca­to­re che non va in li­sta, un '98 o un '99, un un­der in­som­ma. Non è fa­ci­le tro­var­ne che fac­cia­no la dif­fe­ren­za, ma se do­ves­se ca­pi­ta­re la so­cie­tà non si ti­re­rà in­die­tro».

«Non ho ri­vin­ci­te A Bo­lo­gna mi han­no trat­ta­to be­ne. Ho im­pa­ra­to tan­to»

 ??  ?? Pip­po In­za­ghi e Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic: una sfi­da nel­la sfi­da
Pip­po In­za­ghi e Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic: una sfi­da nel­la sfi­da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy