Corriere dello Sport

Tra­pa­ni, è l’ad­dio al cam­pio­na­to

- Di Ni­no Mal­te­se Sports · Lega Nord · Brescia Calcio · Serie C

Ser­vi­va un'im­pre­sa, for­se un ve­ro e pro­prio mi­ra­co­lo, ma sal­vo cla­mo­ro­si im­pre­vi­sti il Tra­pa­ni fi­ni­sce qui: i si­ci­lia­ni, in­fat­ti og­gi non gio­che­ran­no la par­ti­ta di Ca­tan­za­ro. Le di­mis­sio­ni pre­sen­ta­te ie­ri, nel­la tar­da se­ra­ta, dal tec­ni­co Da­nie­le Di Do­na­to, chiu­do­no ogni spe­ran­za per il cam­mi­no dei gra­na­ta nel cam­pio­na­to di Le­ga Pro. Quel­lo dell'al­le­na­to­re era in­fat­ti il ve­ro no­do da scio­glie­re per po­ter con­ti­nua­re a spe­ra­re in qual­sia­si fu­tu­ro, in una si­tua­zio­ne con­fu­sa e com­pli­ca­ta co­me quel­la del­le ul­ti­me set­ti­ma­ne. Di Do­na­to è sta­to ri­chia­ma­to in cit­tà ed è tor­na­to gio­ve­dì, ha in­con­tra­to il “ti­to­la­re” del club Gian­lu­ca Pel­li­no e, ap­pun­to, nel­la tar­da se­ra­ta avreb­be pre­sen­ta­to le pro­prie di­mis­sio­ni.

Dun­que, og­gi Di Do­na­to non do­vreb­be gui­da­re la squa­dra al­la vol­ta del­la Ca­la­bria. Il re­go­la­men­to, in­fat­ti, è chia­ro e non pre­ve­de che si pos­sa di­spu­ta­re una ga­ra sen­za un al­le­na­to­re. Da­van­ti a que­sta as­sen­za, è per­si­no inu­ti­le par­ti­re ver­so Ca­tan­za­ro.

AMA­RO EPILOGO GRA­NA­TA. Un epilogo ama­ro per i si­ci­lia­ni che sa­ran­no esclu­si dal cam­pio­na­to do­po che all'esor­dio, in ca­sa con la Ca­ser­ta­na (e poi an­che nel­la tra­sfer­ta di Cop­pa col Bre­scia), la squa­dra non è sce­sa in cam­po. Il pro­ble­ma dell'as­sen­za del me­di­co so­cia­le, de­ter­mi­nan­te per la pri­ma ri­nun­cia, sa­reb­be sta­to ri­sol­to, se­con­do quan­to di­chia­ra­to da Pel­li­no che gio­ve­dì ha an­che an­nun­cia­to di es­ser­si mes­so in con­tat­to con un'azien­da di tra­spor­ti per po­ter rag­giun­ge­re og­gi la Ca­la­bria. Non, ap­pun­to, quel­lo del tec­ni­co che avreb­be do­vu­to gui­da­re og­gi una squa­dra com­po­sta da po­chis­si­mi se­nior (for­se nep­pu­re Eva­cuo, cir­co­la la vo­ce di una ri­so­lu­zio­ne del con­trat­to) e mol­ti, mol­tis­si­mi gio­va­ni al se­gui­to.

Una si­tua­zio­ne estre­ma­men­te dram­ma­ti­ca do­po che ad­di­rit­tu­ra un co­mi­ta­to spon­ta­neo dei ti­fo­si de­no­mi­na­to “C'è chi il Tra­pa­ni lo ama”, in rap­pre­sen­tan­za di al­cu­ni im­pren­di­to­ri lo­ca­li, da set­ti­ma­ne e fi­no a ie­ri se­ra ha pro­va­to una me­dia­zio­ne con l'at­tua­le pro­prie­tà per ca­pi­re se e co­me po­tes­se­ro es­se­re ce­du­te le quo­te so­cie­ta­rie. In set­ti­ma­na tra le par­ti - Pel­li­no e co­mi­ta­to - c'era sta­ta una di­chia­ra­zio­ne d'in­ten­ti, fir­ma­ta nel­lo stu­dio del no­ta­io Sa­ve­rio Ca­mil­le­ri, ma non sa­reb­be­ro poi per­ve­nu­ti al­cu­ni do­cu­men­ti ri­chie­sti dal­lo stes­so co­mi­ta­to, ri­te­nu­ti da que­st'ul­ti­mo fon­da­men­ta­li ai fi­ni di un fe­li­ce esi­to del­la trat­ta­ti­va. Quel­la di ie­ri, in que­sto sen­so, è sta­ta un'al­tra gior­na­ta in­ten­sa e dram­ma­ti­ca, ma sen­za fe­li­ce esi­to. Ed og­gi i ti­fo­si do­vran­no in­go­ia­re un al­tro boc­co­ne ama­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy