Corriere dello Sport

Ci pre­oc­cu­pia­mo del com­por­ta­men­to dei gio­ca­to­ri, del­le so­cie­tà di­sat­ten­te, ma c’è bi­so­gno di pru­den­za non so­lo per il cam­pio­na­to AGGIORNIAM­OCI: VIN­CE­RE È IM­POR­TAN­TE, MA VI­VE­RE È L’UNI­CA CO­SA CHE CON­TA

- Di Ita­lo Cuc­ci Sports · Europe · Americas · F.C. Internazionale Milano · Lionel Messi · Cristiano Ronaldo · Torino F.C. · Turin · Antonio Conte · Benevento · Benevento Calcio · Roberto Speranza · Bob Hope · Juventus F.C. · FC Barcelona

Ca­ro Cuc­ci, buon gior­no e... spe­ria­mo, buon cam­pio­na­to! In que­sti gior­ni di pan­de­mia per il cal­cio si sta di­pa­nan­do una ma­tas­sa ab­ba­stan­za im­bro­glia­ta. Non vo­glio ac­cu­sa­re i cal­cia­to­ri di col­pe­vo­le leg­ge­rez­za co­me qual­cu­no ha fat­to e tut­ta­via... leg­go su Sta­dio un pa­ra­gra­fo che re­ci­ta: «Da Sar­de­gna e Ibi­za tor­na­ti con il vi­rus an­che im­pren­di­to­ri, stu­den­ti e im­pie­ga­ti». D’ac­cor­do che non si so­no con­ta­gia­ti so­lo cal­cia­to­ri e lo­ro ac­com­pa­gna­to­ri, ma si dà il caso che per que­sta ca­te­go­ria di per­so­ne do­vreb­be es­se­re at­tua­ta una sor­ve­glian­za die­ci vol­te mag­gio­re ri­spet­to... ai co­mu­ni mor­ta­li. Co­sì, tan­to per an­da­re a vi­cen­de vi­ci­nis­si­me nel­tem­po,rian­dia­mo­co­nil­pen­sie­ro a co­me so­no tra­scor­si nel ri­go­ro­so ri­spet­to del­le re­go­le i due me­si nei qua­li ab­bia­mo gio­ca­to una sfil­za di par­ti­te sen­za che si re­gi­stras­se un ko qual­sia­si, tut­to re­go­la­re e le so­cie­tà si so­no fat­te in quat­tro per quan­to ri­guar­da la sor­ve­glian­za più ri­go­ro­sa: per­ché ora no? Per­ché ora i cal­cia­to­ri so­no sta­ti li­be­ri di viag­gia­re a de­stra e a man­ca, fol­leg­gian­do qua e là sen­za che ve­nis­se ap­pli­ca­to il mas­si­mo ri­go­re, a po­chi gior­ni dall’ini­zio del cam­pio­na­to 2020/2021? (...) E’ chia­ro che in que­sta si­tua­zio­ne c’è tut­to il pia­ne­ta e, an­zi, noi ita­lia­ni stia­mo (al­me­no per ora e fa­cen­do i de­bi­ti scon­giu­ri) mol­to me­glio di tan­tis­si­me al­tre na­zio­ni, ma ciò non to­glie che mi sem­bri giu­sto ri­chia­ma­re l’at­ten­zio­ne di chi ge­sti­sce i gio­chi ad una più scru­po­lo­sa li­nea di con­dot­ta in si­mi­li fran­gen­ti.

Mio pa­dre, clas­se 1900, mi rac­con­tò più vol­te la scon­vol­gen­te sto­ria del­la Spa­gno­la, la gran­de in­fluen­za che fra il 1918 e il 1920 uc­ci­se de­ci­ne di mi­lio­ni di per­so­ne nel mon­do. Fu la pri­ma del­le pan­de­mie del XX se­co­lo che ar­ri­vò a in­fet­ta­re cir­ca 500 mi­lio­ni di per­so­ne in tut­to il mon­do, pro­vo­can­do la mor­te di 50 mi­lio­ni di per­so­ne su una po­po­la­zio­ne mon­dia­le di cir­ca 2 mi­liar­di. Se l’era ca­va­ta, mio pa­dre, per­ché quel­la ter­ri­bi­le pe­ste fe­ce stra­ge di po­ve­ri e di re­du­ci dal­le guer­re, lui era un ra­gaz­zo di buo­na fa­mi­glia (in tem­pi in cui la de­fi­ni­zio­ne cor­ri­spon­de­va al­la real­tà) e tut­ta­via si pre­se il ti­fo su­sci­ta­to in Eu­ro­pa dal­la pan­de­mia. Non so­lo, an­che og­gi si pre­ve­de che il Co­ro­na­vi­rus pro­vo­che­rà dan­ni fi­si­ci per­ma­nen­ti ai con­ta­gia­ti, in par­ti­co­la­re un in­vec­chia­men­to pre­co­ce, co­sì co­me la Spa­gno­la ri­dus­se l’aspet­ta­ti­va di vi­ta dei con­tem­po­ra­nei di do­di­ci an­ni. Se Dio vuo­le vi­via­mo in un’al­tra epo­ca, tant’è ve­ro che pro­prio noi ita­lia­ni sia­mo tra i più lon­ge­vi del mon­do. Tut­to que­sto vuol di­re ch’è an­co­ra più ne­ces­sa­ria mol­ta pru­den­za ne­gli at­ti quo­ti­dia­ni; no­no­stan­te un se­co­lo di vi­ta ci ab­bia do­ta­to di una sa­ni­tà avan­za­ta e di stru­men­ti per com­bat­te­re con un cer­to suc­ces­so per­fi­no la pe­ste dell’Aids, evi­tia­mo di il­lu­der­ci che il pro­gres­so tec­no­lo­gi­co ci ab­bia for­ni­to an­che una sor­ta di im­mu­ni­tà; e che la pan­de­mia ri­guar­di so­lo i vec­chi: in set­te me­si è cam­bia­to tut­to, og­gi muo­io­no an­che i gio­va­ni. La pru­den­za e il ri­spet­to del­le nor­me im­po­ste da tan­ti de­cre­ti non ri­guar­da­no ca­te­go­rie più o me­no pri­vi­le­gia­te co­me i cal­cia­to­ri: ri­guar­da­no tut­ti noi. La co­sa più im­por­tan­te, di que­sti tem­pi, non è vin­ce­re ma vi­ve­re.

Ro­ber­to Spe­ran­za in Ame­ri­ca sa­reb­be Bob Ho­pe - uno dei più gran­di co­mi­ci hol­ly­woo­dia­ni - e in­ve­ce mi sem­bra il più av­ve­du­to e col­to dei va­ri mi­ni­stri: po­che chiac­chie­re e i fat­ti che con­ta­no. Ca­pi­sco, ca­ro in­te­ri­sta, la sua spa­rac­chia­ta po­li­ti­ca po­co lu­ci­da, cre­do le co­sti mol­to am­met­te­re che l’In­ter po­trà in­con­tra­re gran­di dif­fi­col­tà con il Real ri­di­men­sio­na­to men­tre la Ju­ve è co­sí for­te da non do­ver te­me­re il Bar­cel­lo­na. Evi­den­te­men­te han­no sba­glia­to i nu­me­ro­si cri­ti­ci che at­ten­do­no con cu­rio­si­tà (e una cert’an­sia quel­li ju­ven­ti­ni) il duel­lo Mes­si-Ro­nal­do. Il pri­mo ve­ro gran­de esa­me per Pir­lo. Co­me di­ce­va­no i non­ni, il ti­fo è an­che una ma­lat­tia. squa­dra a vin­ce­re no­no­stan­te tut­to sen­za sot­to­li­nea­re ma­li evi­den­ti, sen­za in­cor­re­re nel vittimismo di cui ve­nia­mo a vol­te an­che in­giu­sta­men­te ac­cu­sa­ti. Non dia­mo al­cun ali­bi. Co­me sa­reb­be bel­lo vin­ce­re e con­vin­ce­re a To­ri­no con­tro la Ju­ve sen­za se e sen­za ma... Dia­mo un se­gna­le de­ci­so di con­sa­pe­vo­lez­za dei no­stri mez­zi che in que­sto cam­pio­na­to non so­no as­so­lu­ta­men­te in­fe­rio­ri a nes­su­no... sen­za sca­ra­man­zia.

Co­me ave­vo pre­vi­sto, Con­te sta ag­giu­stan­do il ti­ro. Con in­so­li­ta se­re­ni­tà e umil­tà. Pri­ma il cla­mo­ro­so e af­fa­sci­nan­te ro­ve­scia­men­to del mat­ch con la Fio­ren­ti­na - una ri­mon­ta co­sì e con tan­ti gol giu­sti­fi­ca fe­ste - poi l’al­le­gra go­lea­da con­tro una squa­dra ben ge­sti­ta co­me il Be­ne­ven­to han fat­to di­re al tec­ni­co dell’In­ter che si è di­ver­ti­to. Mi man­ca­va da tempo una di­chia­ra­zio­ne che im­po­ne un cam­bia­men­to ra­di­ca­le al­lo spi­ri­to ne­raz­zur­ro fi­no a po­co tem­pi fa de­fi­ni­to “di tre­gua”. Non ba­sta ai ti­fo­si? Che sen­so ha di­chia­rar­si “da scu­det­to” al­le pri­me par­ti­te? La­scia­te­lo fa­re, a noi, non co­sta nul­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy