Corriere dello Sport

Ma Dze­ko dov’è fi­ni­to?

- di Gian­car­lo Dot­to Rome · Fred Astaire · Udine · Juventus F.C. · Edin Džeko · Pedro

Pri­ma vit­to­ria di Dan e Ryan, ev­vi­va! Ma, pri­ma an­co­ra del­la pri­ma, lo scri­vo su­bi­to e l’avrei scrit­to, giu­ro sul­le mie pu­pil­le, an­che sen­za quel­la sua ab­ba­ci­nan­te per­la, pri­mo gol da ro­ma­ni­sta: Pe­dro alias Pe­dri­to fa­rà in­na­mo­ra­re per­du­ta­men­te i ti­fo­si del­la Roma.

Pri­ma vit­to­ria di Dan e Ryan, ev­vi­va! Ma, pri­ma an­co­ra del­la pri­ma, lo scri­vo su­bi­to e l’avrei scrit­to, giu­ro sul­le mie pu­pil­le, an­che sen­za quel­la sua ab­ba­ci­nan­te per­la, pri­mo gol da ro­ma­ni­sta: Pe­dro alias Pe­dri­to fa­rà in­na­mo­ra­re per­du­ta­men­te i ti­fo­si del­la Roma, co­me non ca­pi­ta­va da an­ni. Gio­ca­to­re sen­sa­zio­na­le, nel sen­so che smuo­ve sen­sa­zio­ni, tra Do­min­guin, Fred Astai­re e Hou­di­nì. Pun­to, tac­co, ve­ro­ni­che. Pal­la c’è, pal­la non c’è. Nel pri­mo tempo una sua fin­ta dan­za­ta dal nul­la ave­va strap­pa­to la me­ra­vi­glia dei mil­le al “Friu­li” ol­tre che man­da­re al ma­ni­co­mio il di­rim­pet­ta­io di tur­no. Il suo pri­mo gol da gial­lo­ros­so gli era sta­to ne­ga­to cin­que mi­nu­ti pri­ma da uno stor­di­to Pel­le­gri­ni fi­ni­to nel­la tra­iet­to­ria sba­glia­ta.

Buo­ne no­ti­zie. I tre pun­ti in ta­sca e i due Frie­d­kin in tri­bu­na a Udine, ma­sche­ra­ti ma pre­sen­ti e chis­sà co­sa co­va sot­to la ma­sche­ra. Di si­cu­ro ci so­no, di si­cu­ro stu­dia­no, di si­cu­ro sce­glie­ran­no. Cat­ti­ve no­ti­zie. Si vo­le­va con­ti­nui­tà do­po la Ju­ve e con­ti­nui­tà c’è sta­ta, nel be­ne e nel ma­le, ca­pa­ci­tà fa­re la par­ti­ta, ma in­ca­pa­ci­tà di tra­dur­re il do­mi­nio in nu­me­ri. Nel gior­no in cui Mi­ran­te il Mu­ro, Ve­re­tout il Fu­ro­re, Ibañez la Sfron­ta­tez­za, Spi­naz­zo­la il Ven­to, pa­ran­ti e im­per­ver­san­ti ovun­que, si con­fer­ma­no i quat­tro pez­zi da no­van­ta an­che se non co­sì strom­baz­za­ti del­la Roma di Fon­se­ca (ne­ces­sa­ria an­che se non scon­ta­ta la scel­ta del por­tie­re) e ten­go­no vi­va la squa­dra sot­to as­se­dio, al fon­do di una par­ti­ta bel­la adre­na­li­ti­ca, la cat­ti­vis­si­ma no­ti­zia è il peg­gior Edin Dze­ko da me­si in qua.

Un gio­ca­to­re ri­ma­sto in mez­zo al gua­do, svo­glia­to, mol­le e bal­bu­zien­te. In pra­ti­ca il tap­po da­van­ti di una Roma par­ti­ta mol­to for­te sia nel pri­mo che nel se­con­do tempo. Il ra­gaz­zo, lo co­no­scia­mo be­ne, è mol­to sin­to­ma­ti­co. È il limite che pro­ba­bil­men­te gli ha im­pe­di­to di es­se­re un gran­de ma non un gran­dis­si­mo. Quan­do la te­sta non è li­be­ra, quan­do l’umo­re spro­fon­da, non sa met­te­re in ma­sche­ra, le sue par­ti­te con­fes­sa­no tut­to. Al di là del­la re­ci­di­va da “di­vo­ra­to­re” di gol, un’eva­ne­scen­za in cam­po an­co­ra più ir­ri­tan­te per quel­la fa­scia che por­ta al brac­cio. Se que­sto è Dze­ko, se il ma­les­se­re si fa sta­bi­le, c’è que­sto bran­del­lo di mer­ca­to per ri­me­dia­re. Nel gior­no in cui c’è l’ad­dio for­se ma­tu­ro ma non suf­fi­cien­te­men­te rim­pian­to di uno co­me Pe­rot­ti, la ban­da de­gli ul­ti­mi an­ni si estin­gue e, per­so an­che Ko­la­rov, la Roma non può per­met­ter­si il lus­so di un Dze­ko che la­scia a Roma la sua con­tro­fi­gu­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy