Corriere dello Sport

Ma Fe­de­ri­co ser­ve a Pir­lo?

- di Al­ber­to Pol­ve­ro­si

Stra­na sto­ria, quel­la di Chie­sa. Stra­na vi­sta da ogni par­te, dal­la par­te ju­ven­ti­na, dal­la par­te fio­ren­ti­na, dal­la par­te... chie­si­na. Stra­na e in­gar­bu­glia­ta, spi­no­sa, sci­vo­lo­sa, una di quel­le vi­cen­de che non ar­ric­chi­sce nes­su­no. Co­min­cia­mo dal­la Ju­ve. Do­man­da sem­pli­ce e ba­na­le: che se ne fa di Chie­sa? Ha un eser­ci­to di ester­ni, qua­si tut­ti di qua­li­tà tec­ni­ca su­pe­rio­re al vio­la che ec­cel­le nei drib­bling, è ve­ro, ma quan­do ha cam­po, quan­do but­ta la pal­la avan­ti e sal­ta l’uo­mo in ve­lo­ci­tà, non co­me Cua­dra­do, non co­me Dou­glas Co­sta che drib­bla­no in po­chi cen­ti­me­tri. In at­te­sa del­lo schie­ra­men­to de­fi­ni­ti­vo (lo ca­pi­re­mo quan­do rien­tre­rà Dy­ba­la), Pir­lo do­vrà ca­pi­re an­che co­me im­pie­ga­re un gio­ca­to­re che, ar­ri­va­to al quin­to cam­pio­na­to di Se­rie A da ti­to­la­re, non ha an­co­ra un ruo­lo de­fi­ni­to. Se fa l’at­tac­can­te, se­gna po­co. Se fa l’ester­no a tut­ta fa­scia, se­gna an­co­ra me­no. La Ju­ven­tus in que­sto mo­men­to, im­pa­zien­te di li­be­rar­si di qual­cu­no, può schie­ra­re sull’ester­no Cua­dra­do, Alex San­dro, Dou­glas Co­sta, Ku­lu­se­v­ski, Ber­nar­de­schi, Fra­bot­ta e fra un po’ Chie­sa. Set­te ester­ni per due po­sti. Ma­ga­ri è il fu­tu­ro del cal­cio e noi non lo ab­bia­mo ca­pi­to.

Pas­sia­mo al­la Fio­ren­ti­na. In que­sto caso la stra­nez­za sta nel fi­na­le del­la vi­cen­da, pro­prio nell’at­to fi­na­le. La so­cie­tà de­ci­de che, in as­sen­za di Ri­be­ry, va­da a Chie­sa la fa­scia di ca­pi­ta­no nel­la ga­ra che po­treb­be se­gna­re il suo ad­dio a Fi­ren­ze. I ti­fo­si in­ter­ven­go­no e “con­si­glia­no” di non mac­chia­re la fa­scia di Astori, quel­la col DA13 e i co­lo­ri dei quar­tie­ri di Fi­ren­ze, sul brac­cio di un pros­si­mo ju­ven­ti­no, co­sì Chie­sa in­dos­sa la fa­scia co­mu­ne, quel­la del­la Le­ga. Si po­te­va evi­ta­re con­se­gnan­do i gra­di di ca­pi­ta­no a chi re­ste­rà di si­cu­ro a Fi­ren­ze. Un an­no fa, ap­pe­na ar­ri­va­to a Fi­ren­ze, Com­mis­so fe­ce un in­ve­sti­men­to di cre­di­bi­li­tà sul­la con­fer­ma di Chie­sa, ora è qua­si co­stret­to a li­be­rar­se­ne. Stra­no, il mer­ca­to. E at­ten­zio­ne: se la Fio­ren­ti­na non si muo­ve in fret­ta, ri­schia il bis con Mi­len­ko­vic, ele­men­to più pre­zio­so di Chie­sa.

In­fi­ne il gio­ca­to­re. Pri­ma del­la Ju­ve era­no ar­ri­va­te of­fer­te da club stra­nie­ri, ma ha pre­fe­ri­to pun­ta­re tut­to sul club bian­co­ne­ro per­ché, nell’an­no che por­ta all’Eu­ro­peo, non vo­le­va al­lon­ta­nar­si da­gli oc­chi di Man­ci­ni. Mah. A noi sem­bra una scel­ta stra­na. E’ pro­prio si­cu­ro che al­la Ju­ve avrà più spa­zio che in un bel club in­gle­se o spa­gno­lo? Con quel­la mas­sa di ester­ni, per gio­ca­re ti­to­la­re de­ve fa­re un dop­pio sal­to di qua­li­tà che a Fi­ren­ze non si è mai in­tra­vi­sto. È ri­ma­sto nel­la di­men­sio­ne del gio­ca­to­re bra­vo, ha sfio­ra­to ogni tan­to quel­la del gio­ca­to­re for­te, ma mai si è av­vi­ci­na­to a quel­la del cam­pio­ne che og­gi, al Fran­chi, ha un so­lo rap­pre­sen­tan­te: Franck Ri­be­ry. Vuo­le vin­ce­re, è uma­no e na­tu­ra­le. An­che Ber­nar­de­schi ha fat­to la stes­sa scel­ta, vo­le­va vin­ce­re e ha vin­to. Ma da ri­ser­va, da com­pri­ma­rio, a trat­ti per­fi­no da emar­gi­na­to. Co­me l’al­tro Fe­de­ri­co vio­la, sta an­co­ra cer­can­do di ca­pi­re il suo ruo­lo, Al­le­gri lo ave­va pro­va­to in­ter­no, an­che Sar­ri ci ave­va fat­to un pen­sie­ri­no. Ma Chie­sa non si pre­oc­cu­pa dell’esem­pio. E’ si­cu­ro di sé e dei suoi 7 gol a cam­pio­na­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy