Corriere dello Sport

Man­ci­ni at­tac­ca «Lo sport un di­rit­to co­me la scuo­la»

IL CT RE­PLI­CA A SPE­RAN­ZA OG­GI (20.45) L’ITA­LIA CON­TRO LA MOLDOVA

- San­to­ni Sports · Soccer · Roberto Speranza · Europe · Poland · Gdansk · Italy · Spain · Juventus F.C. · S.S.C. Napoli · Naples · Giorgio Chiellini · Mario Balotelli Barwuah · Roberto Mancini

Al­la vi­gi­lia del te­st ami­che­vo­le con la Moldova il ct az­zur­ro ri­spon­de non sen­za po­le­mi­ca al mi­ni­stro Spe­ran­za a pro­po­si­to del “pe­so” del foot­ball ri­spet­to al­la scuo­la

Un tem­po di si­len­zio, an­zi due se non tre, una pau­sa tea­tra­le, di quel­le che han­no re­so ce­le­bre in pas­sa­to Cra­xi, ma in que­sto ca­so non stu­dia­ta, quan­to piut­to­sto trat­te­nu­ta tra il di­re e il non vo­ler di­re. Poi, con il suo to­no mi­su­ra­to e chia­ro e lo sguar­do aper­to, che ne fa­reb­be un po­li­ti­co ca­pa­ce di bu­ca­re lo scher­mo, Ro­ber­to Man­ci­ni ie­ri po­me­rig­gio ha scel­to di en­tra­re su un al­tro ter­re­no, piut­to­sto che re­sta­re al­le co­se di cam­po, in vi­sta dell’ami­che­vo­le odier­na con­tro la Moldova: «Qual­che vol­ta bi­so­gna pen­sa­re quan­do si par­la». Obiet­ti­vo del­la sua pa­ca­ta in­vet­ti­va era il mi­ni­stro del­la Sa­lu­te, Ro­ber­to Spe­ran­za, e più in ge­ne­ra­le la vi­sio­ne mar­gi­na­le che del cal­cio han­no am­pi set­to­ri del Pa­laz­zo, quel­lo che go­ver­na le que­stio­ni ita­lia­ne: «Si par­la trop­po di cal­cio, piut­to­sto che di scuo­la, ve­ra prio­ri­tà del Pae­se? An­che il cal­cio è una prio­ri­tà, co­me lo è la scuo­la, co­me lo è il la­vo­ro. Lo sport ri­guar­da mi­lio­ni di pra­ti­can­ti, è un di­rit­to, co­me lo so­no ap­pun­to an­che al­tri aspet­ti im­por­tan­ti del­la vi­ta de­gli ita­lia­ni».

STA­DI APER­TI. E’ an­da­to oltre, il com­mis­sa­rio tec­ni­co az­zur­ro. Rio­ber­to Man­ci­ni, nel suo pen­sie­ro, ha al­lar­ga­to il ra­gio­na­men­to an­che sul­la ria­per­tu­ra de­gli sta­di al­la gen­te, og­get­to del­le ul­ti­me dia­tri­be: «An­che in que­sto mo­men­to de­li­ca­to ri­ba­di­sco un mio pun­to di vi­sta per­so­na­le. Non mi fac­cio con­di­zio­na­re. Io pen­so che sa­reb­be giu­sto fa­re co­me in al­tre par­ti d’Eu­ro­pa e apri­re le tri­bu­ne ai ti­fo­si. In quo­ta e in si­cu­rez­za. In Po­lo­nia ci sa­ran­no 25 mi­la spet­ta­to­ri? No, 20 mi­la (in real­tà sa­ran­no cir­ca 10mi­la all’Ener­ga Sta­dion di Dan­zi­ca, l’ex PGE Are­na do­ve ini­ziò il viag­gio dell’Ita­lia di Pran­del­li agli Eu­ro­pei del 2012 con­tro la Spa­gna, ndi)? Be­ne, a noi fa pia­ce­re. Sia­mo con­ten­ti. Vor­rem­mo ce ne fos­se­ro di più...».

PEN­SA­RE PO­SI­TI­VO. Più che sui ca­si di po­si­ti­vi­tà, che sul ca­so di Ju­ve-Napoli, Man­ci­ni ha cer­ca­to di pen­sa­re po­si­ti­vo: «In­tan­to non di­men­ti­chia­mo che es­se­re po­si­ti­vi non si­gni­fi­ca es­se­re am­ma­la­ti. Noi qui ci at­te­nia­mo a re­go­le e con­trol­li, non ab­bia­mo pro­ble­mi. In­tan­to do­ma­ni (og­gi, ndi) ar­ri­ve­ran­no a Co­ver­cia­no an­che Bo­nuc­ci e Chiel­li­ni, co­me pre­vi­sto. La li­ti­gio­si­tà del no­stro cal­cio? Evi­den­te­men­te fa par­te del no­stro dna, è sem­pre sta­to co­sì, ma pre­fe­ri­sco non par­lar­ne».

PIU’ CHIE­SA, PIU’ EMER­SON. Il

ct ha poi vo­lu­to spie­ga­re il suo pun­to di vi­sta a pro­po­si­to del di­scus­so tra­sfe­ri­men­to di Chie­sa al­la Ju­ven­tus, na­tu­ral­men­te dal pun­to di vi­sta del­la Na­zio­na­le: «Per noi Fe­de­ri­co è un gio­ca­to­re im­por­tan­te, lo era fi­no a ie­ri quan­do gio­ca­va nel­la Fio­ren­ti­na e lo è ora che è pas­sa­to al­la Ju­ve. E’ un ot­ti­mo gio­ca­to­re già og­gi e ha mar­gi­ni enor­mi di cre­sci­ta: step by step de­ve con­ti­nua­re a mi­glio­ra­re». L’au­gu­rio è che la nuo­va de­sti­na­zio­ne non gli tol­ga spa­zio. Da que­sto pun­to di vi­sta Man­ci­ni si aspet­ta­va una ma­no dal mer­ca­to a pro­po­si­to di Emer­son Pal­mie­ri, suo pu­pil­lo, po­co sfrut­ta­to al Chel­sea: «E’ l’ope­ra­zio­ne che è man­ca­ta dal mio pun­to di vi­sta. Spe­ra­vo che Emer­son po­tes­se tro­va­re una squa­dra che lo im­pie­gas­se di più. Del re­sto que­sto è un po’ il no­stro pro­ble­ma, vi­sto che ci so­no sem­pre me­no ita­lia­ni che gio­ca­no in se­rie A». Tra que­sti man­ca in que­sto mo­men­to il buon ca­ro vec­chio Ba­lo­tel­li, ri­ma­sto sen­za con­trat­to. Ha sor­ri­so con una pun­ta di ama­rez­za, il ct, a pro­po­si­to del suo an­ti­co pu­pil­lo, non po­ten­do fa­re a me­no di chiu­de­re con una bat­tu­ta: «Ma­rio ce la met­te tut­ta per re­sta­re sen­za squa­dra...».

 ??  ??
 ?? AN­SA ?? Il ct az­zur­ro Ro­ber­to Man­ci­ni, 55 an­ni, 21 par­ti­te al­la gui­da del­la Na­zio­na­le, con 14 vit­to­rie, 5 pa­reg­gi e due scon­fit­te
AN­SA Il ct az­zur­ro Ro­ber­to Man­ci­ni, 55 an­ni, 21 par­ti­te al­la gui­da del­la Na­zio­na­le, con 14 vit­to­rie, 5 pa­reg­gi e due scon­fit­te
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy