Corriere dello Sport

Quan­ti U.23 se­dot­ti e iso­la­ti, ci vor­rà fe­de

- di An­drea San­to­ni Soccer · Sports · Federico Chiesa · Juventus F.C. · Torino F.C. · Turin · Rome · Giorgio Chiellini · F.C. Internazionale Milano · Roberto Baggio · Federico Bernardeschi · Sebastian Giovinco

Ha uno spi­ri­to di pie­tra con­cia, Fi­ren­ze, c’è po­co da fa­re, uno spi­ri­to a bu­gna­to che non co­no­sce ri­na­sci­men­to, so­prat­tut­to in cer­te cir­co­stan­ze. Il pas­sag­gio di Fe­de­ri­co Chie­sa al­la Ju­ven­tus, ul­ti­mo gra­no di un ro­sa­rio di do­lo­ro­si ad­di vio­la che con­ti­nua ad al­lun­gar­si, è lì a te­sti­mo­niar­lo. Le sto­rie di cur­va so­no sto­rie di cur­va, nei mo­di e nei to­ni. In que­sta cir­co­stan­za la rot­tu­ra tra ul­trà e il “fi­glio pre­di­let­to” è sta­ta san­ci­ta in mo­do la­pi­da­rio e bru­ta­le at­tra­ver­so un lun­go stri­scio­ne, af­fis­so al­la stes­sa can­cel­la­ta del Fran­chi che ave­va rac­col­to il tri­bu­to com­mos­so del­la cit­tà ad Asto­ri.

Per Chie­sa, ov­via­men­te, que­sta è già sto­ria di ie­ri. Il ta­len­to az­zur­ro ap­pro­da a To­ri­no, a un pas­so dai suoi 23 an­ni, per­ché co­sì ha vo­lu­to e scel­to, se­dot­to già un an­no fa dal­la Ju­ven­tus. Se il pas­so è com­piu­to, oc­cor­re di­re che è ades­so che Chie­sa do­vrà ave­re tut­ta la fe­de di cui po­trà di­spor­re. Sì per­ché quel­lo che di­ce la sto­ria re­cen­te del­la più for­te e vin­cen­te squa­dra del Pae­se, è che ar­ri­va­re, da ita­lia­no, in bian­co­ne­ro, giu­sto al­la sua età, po­trà cer­ta­men­te ga­ran­ti­re suc­ces­si in ba­che­ca e co­spi­cui ri­tor­ni eco­no­mi­ci ma non è ga­ran­zia di cre­sci­ta tec­ni­ca.

Cer­to, si può giun­ge­re ven­ti­tren­ne al­la Ju­ve da Fi­ren­ze ep­poi al­za­re il Pal­lo­ne d’Oro co­me ac­ca­du­to a Ro­ber­to Bag­gio ma può suc­ce­de­re an­che di non tro­va­re spa­zi ade­gua­ti al­le pro­prie at­te­se co­me ca­pi­ta­to a Fe­de­ri­co Ber­nar­de­schi, ul­ti­mo ex vio­la ad aver pre­ce­du­to Chie­sa in que­sto viag­gio ver­so la glo­ria ago­gna­ta. Stes­so no­me, stes­sa po­si­zio­ne in cam­po, stes­se le­git­ti­me am­bi­zio­ni, qua­si la stes­sa età nel mo­men­to del tra­sfe­ri­men­to. La­scia­mo sta­re il fe­no­me­no Bag­gio (che in cer­ti ca­si è co­me il gol di Tu­ro­ne quan­do si par­la di Ju­ve-Roma), la cui sto­ria con Fi­ren­ze ha di­men­sio­ni ome­ri­che e che in bian­co­ne­ro ha fir­ma­to 116 gol in 200 par­ti­te. Re­stia­mo all’og­gi. Ber­nar­de­schi ha la­scia­to la Fio­ren­ti­na do­po tre sta­gio­ni, 93 par­ti­te, 23 gol fat­ti più 12 as­si­st. In quel pe­rio­do ave­va col­le­zio­na­to 9 pre­sen­ze (più 7 pan­chi­ne) in Na­zio­na­le con un gol fat­to. Nel­le tre an­na­te bian­co­ne­re per lui 108 pre­sen­ze, 10 gol e 15 as­si­st, 15 par­ti­te (5 pan­chi­ne) e 3 gol in az­zur­ro. So­no nu­me­ri che aiu­ta­no a far­si un’idea di quel che è ac­ca­du­to al gio­ca­to­re, pro­gres­si­va­men­te emar­gi­na­to dal­la squa­dra che mie­te­va trion­fi, al pun­to che la Ju­ven­tus ha fi­ni­to col met­te­re sul mer­ca­to.

C’è da ag­giun­ge­re che il li­vel­lo di com­pe­ti­zio­ne all’in­ter­no del­la Ju­ven­tus non ri­guar­da so­lo i gio­va­ni ex vio­la. Se pren­dia­mo in esa­me gli ul­ti­mi die­ci-quin­di­ci an­ni, sen­za rin­cor­re­re l’epo­pea del bloc­co Ju­ve in Na­zio­na­le, è un fat­to che gli ul­ti­mi un­der 23 ac­qui­sta­ti dal club, di­ve­nu­ti co­lon­ne bian­co­ne­re pri­ma e az­zur­re poi, re­sta­no Buf­fon, Chiel­li­ni e Bo­nuc­ci (a cui ag­giun­ge­re Mar­chi­sio e in par­te Gio­vin­co, frut­ti del vi­va­io). La li­sta di gio­va­ni ta­len­ti ita­lia­ni ma­ci­na­ti dal­la Ju­ve è lun­ga: Au­de­ro, Mar­ro­ne, Ru­ga­ni, De Sci­glio, Spi­naz­zo­la, Ro­ma­gna, Stu­ra­ro, Man­dra­go­ra, Fa­vil­li, Kean a cui si pos­so­no ag­giun­ge­re Be­rar­di e Or­so­li­ni, co­me al­fie­ri di un uni­ver­so di po­ten­zia­li cam­pio­ni che gra­vi­ta o ha gra­vi­ta­to in­tor­no al club. L’ar­ri­vo di Pir­lo, va det­to, po­treb­be pro­vo­ca­re un’in­ver­sio­ne di ten­den­za. L’esem­pio di Gian­lu­ca Fra­bot­ta, lan­cia­to sta­bil­men­te in pri­ma squa­dra, ne è una te­sti­mo­nian­za con­cre­ta. Rin­gio­va­ni­re la ro­sa e ri­tro­va­re un’ani­ma ita­lia­na sem­bra la mis­sio­ne di que­sta ul­ti­ma Ju­ven­tus (che in un cer­to sen­so ha la­scia­to la ban­die­ra dell’ita­lia­ni­tà azzurra, in­cre­di­bil­men­te, all’In­ter). In ca­sa Agnel­li han­no di­mo­stra­to di cre­de­re in Chie­sa. Ora, al di là dell’ar­ti­co­la­ta for­mu­la con­trat­tua­le e dei bo­nus da cen­tra­re, toc­ca a Fe­de­ri­co co­struir­si il fu­tu­ro in­se­gui­to lon­ta­no da Fi­ren­ze.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy