Corriere dello Sport

Fio­ren­ti­na a dop­pia ve­lo­ci­tà

- di Al­ber­to Pol­ve­ro­si Sports · Soccer · Italy · S.S.C. Napoli · Naples · Rome · Europe · Bonaventure

C’è qual­co­sa che non qua­dra nel­la Fio­ren­ti­na. E’ la ve­lo­ci­tà. La dop­pia ve­lo­ci­tà. Si va a mil­le all’ora per lo sta­dio, il fa­mo­so fa­st, fa­st, fa­st, si va a ri­len­to, trop­po a ri­len­to, il nuo­vo slow, slow, slow, sul­la squa­dra. Non era­no que­ste le pre­mes­se e le pro­mes­se di un an­no fa, quan­do Com­mis­so an­nun­cia­va una “gran­dis­si­ma Fio­ren­ti­na” e so­ste­ne­va che “i sol­di non so­no un pro­ble­ma”. Que­sta dop­piez­za ge­ne­ra per­ples­si­tà e dis­sa­po­ri. Pro­ba­bil­men­te nes­sun gior­na­le ha so­ste­nu­to la po­si­zio­ne di Com­mis­so sul nuo­vo sta­dio con la stes­sa for­za del no­stro. E con­ti­nue­re­mo a far­lo per­ché ne han­no bi­so­gno Fi­ren­ze (se la squa­dra la­scia il Fran­chi, il “mo­nu­men­to” va in ro­vi­na) e la Fio­ren­ti­na. Ma Fi­ren­ze e i fio­ren­ti­ni han­no bi­so­gno an­che di una squa­dra for­te, in cui in­ve­sti­re emo­zio­ni, sen­ti­men­ti e de­na­ro. Il ri­schio è crea­re un con­tro­sen­so: in uno sta­dio che dev’es­se­re all’avan­guar­dia nel mon­do mi­ca ci puoi met­te­re una squa­dra di re­tro­guar­dia in Ita­lia.

Com­mis­so but­ta giù a spal­la­te bu­ro­cra­zia e po­li­ti­ca per lo sta­dio, è sta­to ve­lo­cis­si­mo per il cen­tro spor­ti­vo, sul­la squa­dra in­ve­ce si am­mor­bi­di­sce, per­de spin­ta ed en­tu­sia­smo, fi­no a ral­len­ta­re ba­san­do­si sul bi­lan­cio: «Sia­mo una del­le po­che so­cie­tà a non ave­re de­bi­ti con le ban­che». A par­te il fat­to che fa­re de­bi­ti in una so­la sta­gio­ne sa­reb­be sta­to un re­cord (i Del­la Val­le la­scia­ro­no una so­cie­tà con po­chi mi­lio­ni di de­fi­cit nell’eser­ci­zio dell’ul­ti­ma sta­gio­ne), la ge­stio­ne di que­sti me­si por­ta so­lo a vi­vac­chia­re (ver­bo di del­la­val­lia­na me­mo­ria). C’era poi un al­tro pun­to su cui pro­prie­tà e di­ri­gen­ti si so­ste­ne­va­no a vi­cen­da. Di­ce­va­no: la squa­dra è più for­te dell’an­no scor­so. Ve­ro, era suf­fi­cien­te l’ac­qui­sto di Am­ra­bat per da­re cre­di­bi­li­tà a que­sta te­si. Ve­ro fi­no al­la ces­sio­ne di Chie­sa. Ora qual­che dub­bio c’è. Cal­le­jon è sta­to ed è un gio­ca­to­re di no­te­vo­le in­tel­li­gen­za tat­ti­ca (il pri­mo di­fet­to di Fe­de­ri­co), ma non ha, non può ave­re (ci so­no 10 an­ni di dif­fe­ren­za), la sua esplo­si­vi­tà, la sua re­si­sten­za atle­ti­ca. E sic­co­me fra i di­fet­ti di Chie­sa ab­bia­mo sem­pre in­di­ca­to i po­chi gol, nel ca­so di Cal­le­jon la me­dia si ab­bas­sa an­co­ra: ne­gli ul­ti­mi tre cam­pio­na­ti l’ex na­po­le­ta­no ne ha fat­ti 17, l’ex vio­la è ar­ri­va­to a 24. In una squa­dra che già se­gna­va po­co, so­no sta­ti tol­ti al­tri gol.

Tut­ta­via non è que­sto il pun­to cen­tra­le. E’ ri­dut­ti­vo, an­zi, pro­prio sba­glia­to, con­si­de­ra­re so­lo se stes­si, pen­sa­re di ave­re una squa­dra più for­te dell’an­no scor­so sen­za con­fron­tar­si con le al­tre. La Fio­ren­ti­na non gio­ca il cam­pio­na­to con­tro se stes­sa ma con­tro Mi­lan, Napoli e Roma, o al­me­no quel­le do­vreb­be­ro es­se­re le sue av­ver­sa­rie. E Mi­lan, Napoli e Roma, che era­no più for­ti dei vio­la nel­la sta­gio­ne scor­sa, ora lo so­no an­co­ra di più. Oltre ad Am­ra­bat, la Fio­ren­ti­na si è rin­for­za­ta con due scar­ti (no, brut­ta pa­ro­la, di­cia­mo due esu­be­ri) di due squa­dre che gio­che­ran­no in Eu­ro­pa Lea­gue, ov­ve­ro Bo­na­ven­tu­ra e Cal­le­jon. Non è un bel se­gna­le. Non so­lo: che que­sta squa­dra aves­se bi­so­gno di un re­gi­sta e so­prat­tut­to di un at­tac­can­te da 18/20 gol era evi­den­te, an­che l’al­le­na­to­re, a quan­to ri­sul­ta, la pen­sa­va co­sì. Ora in­ve­ce l’ar­ri­vo di Cal­le­jon in­du­ce (do­vreb­be in­dur­re) Ia­chi­ni a cam­bia­re gio­co. Nel 3-5-2 Chie­sa sta­va gio­can­do a tut­ta fa­scia, lo spa­gno­lo può far­lo per un cam­pio­na­to in­te­ro? Al­lo­ra, o Cal­le­jon è un ac­qui­sto tat­ti­ca­men­te sba­glia­to, op­pu­re i di­ri­gen­ti non so­no sod­di­sfat­ti dell’im­po­sta­zio­ne tat­ti­ca di Ia­chi­ni e lo spin­go­no a cam­bia­re. C’è qual­co­sa che non qua­dra.

Ul­ti­ma con­si­de­ra­zio­ne. Nel­la con­fe­ren­za stam­pa di ie­ri Pra­dé ha spie­ga­to che con la ces­sio­ne di Chie­sa la Fio­ren­ti­na si è tol­ta un pe­so. Al di là di ogni aspet­to mo­ra­le in cui pre­fe­ria­mo non en­tra­re, è sin­go­la­re che per­den­do un gio­ca­to­re di buon li­vel­lo una so­cie­tà co­me la Fio­ren­ti­na si sen­ta al­leg­ge­ri­ta, sem­mai la squa­dra, sì, ora è più leg­ge­ra nel sen­so che il suo pe­so spe­ci­fi­co è di­mi­nui­to. E poi c’è sem­pre il con­to in ban­ca: con 50 mi­lio­ni, in due, tre, quat­tro an­ni, è più pe­san­te.

 ?? GET­TY ?? So­fyan Am­ra­bat 24 an­ni
GET­TY So­fyan Am­ra­bat 24 an­ni
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy