Corriere dello Sport

LA­PA­DU­LA CON­VIN­TO «SÌ, CI SALVEREMO»

Il gol dell’at­tac­can­te del Be­ne­ven­to ha de­ci­so la sfi­da con­tro il Bologna «L’at­teg­gia­men­to è quel­lo giu­sto An­co­ra non so­no al top, ma so­no un lot­ta­to­re e non mi ti­ro in­die­tro»

- di Fran­co San­to Sports · Filippo Inzaghi · U.S. Lecce · Lecce · Benevento Calcio · Bologna F.C. 1909 · Bologna · F.C. Internazionale Milano · Benevento · Mel Gibson · Europe · Gianluca Lapadula · Benevento · Alfred Russel Wallace

Un ap­pun­ta­men­to col de­sti­no. Di quel­li non pro­gram­ma­ti e nean­che at­te­si. Di quel­li che ac­ca­do­no e ba­sta. Pip­po In­za­ghi ave­va an­co­ra una vol­ta re­le­ga­to Gian­lu­ca La­pa­du­la in pan­chi­na e lui non ave­va bat­tu­to ci­glio. Del re­sto, al di là di un ca­rat­te­re bat­ta­glie­ro, il cen­tra­van­ti to­ri­ne­se sa­pe­va be­ne di non es­se­re all'api­ce del­la con­di­zio­ne, col­pa di una ca­vi­glia che gli dà il tor­men­to dal­lo scor­so an­no. Ma an­che di una pre­pa­ra­zio­ne ini­zia­ta con un bel po' di ri­tar­do ri­spet­to ai suoi com­pa­gni. Lo­ro a See­feld a cor­re­re e su­da­re, lui sul ma­re del­la sua Sa­vel­le­tri in at­te­sa del­la chia­ma­ta giu­sta e a sgom­bra­re la men­te da quell'in­cu­bo del­la re­tro­ces­sio­ne vis­su­ta a Lec­ce. Quan­do ha in­dos­sa­to la sua nuo­va ma­glia gial­lo­ros­sa (co­me quel­la dei sa­len­ti­ni) sa­pe­va di do­ver re­cu­pe­ra­re in fret­ta una for­ma ap­pe­na de­cen­te e che avreb­be pa­ga­to lo scot­to nell'av­vio di cam­pio­na­to. Ep­pu­re a quell'ap­pun­ta­men­to col de­sti­no ha sem­pre cre­du­to.

EROE PER CA­SO. Il gior­no buo­no è do­me­ni­ca 4 ot­to­bre: s'è gio­ca­to ap­pe­na un quarto d'ora del­la sfi­da tra Be­ne­ven­to e Bologna, Mon­ci­ni rin­cor­re con fo­ga un pal­lo­ne ed è co­stret­to ad al­za­re ban­die­ra bian­ca: un ad­dut­to­re lo ha tra­di­to. Toc­ca a lui, c'è da strin­ge­re i den­ti e af­fer­ra­re quell'oc­ca­sio­ne al vo­lo. «A di­re la ve­ri­tà – rac­con­ta Gian­lu­ca – già con­tro l'In­ter mi ero sen­ti­to me­glio. Io la vo­glia ce la met­to sem­pre, che stia in cam­po o che va­da in pan­chi­na: cre­do sia trop­po im­por­tan­te pen­sa­re so­lo al be­ne del­la squa­dra, es­se­re uni­ti per un uni­co obiet­ti­vo». È la ra­gio­ne per cui di­vi­de a me­tà la gio­ia: un po' per la squa­dra, un po' per se stes­so: «Lo con­fes­so, so­no più con­ten­to del­la vit­to­ria del Be­ne­ven­to che del mio gol. Poi, lo sa­pe­te, per un at­tac­can­te se­gna­re è os­si­ge­no pu­ro». Que­sta set­ti­ma­na di so­sta gli ser­vi­rà per met­te­re un al­tro mat­ton­ci­no ver­so una con­di­zio­ne ot­ti­ma­le: «Ho pa­ga­to l'in­for­tu­nio dell'an­no scor­so, ho gio­ca­to su que­sta ca­vi­glia e lo ri­fa­rei an­co­ra per­ché è il mio mo­do di in­ter­pre­ta­re que­sto sport. Qui i sa­ni­ta­ri mi se­guo­no be­nis­si­mo, spe­ro di di­men­ti­ca­re in fret­ta que­sto pro­ble­ma».

ILOVEWALLA­CE. Non è un ca­so che lo chia­mi­no Wil­liam Wal­la­ce, co­me il Bra­ve­heart in­ter­pre­ta­to da Mel Gib­son di cui s'è ta­tua­to il vol­to su un brac­cio: la de­ter­mi­na­zio­ne è quel­la, la vo­glia che met­te sul cam­po di gio­co si av­vi­ci­na a quel­la di un com­bat­ten­te. «L'at­teg­gia­men­to in una par­ti­ta è tut­to. Con­tro il Bologna sia­mo sta­ti bra­vi a sof­fri­re, a non pren­de­re gol e ad ave­re la for­za di man­te­ne­re il ri­sul­ta­to fi­no in ul­ti­mo. An­che la par­ti­ta con­tro l'In­ter mi era pia­ciu­ta, no­no­stan­te la scon­fit­ta. Lo­ro so­no tra i più for­ti d'Eu­ro­pa, a vol­te an­che una scon­fit­ta può es­se­re vi­sta po­si­ti­va­men­te e può es­se­re tra­sfor­ma­ta in qual­co­sa di im­por­tan­te». La vit­to­ria è un toc­ca­sa­na per ogni ma­le: «La ca­vi­glia va me­glio, an­che se non è an­co­ra per­fet­ta­men­te gua­ri­ta. Ho gio­ca­to spes­so con de­gli ac­ciac­chi, non mi fac­cio con­di­zio­na­re. La ve­ri­tà è che sia­mo a 6 pun­ti do­po tre par­ti­te ed è un ri­sul­ta­to im­por­tan­te: di­cia­mo che sia­mo a -34 dal­la sal­vez­za. So­gno un epi­lo­go di­ver­so dall'an­no scor­so: a Lec­ce ar­ri­va­vo da una sta­gio­ne com­pli­ca­ta, qui è sta­to tut­to più sem­pli­ce e mi tro­vo dav­ve­ro be­ne. Ho tro­va­to una ro­sa im­por­tan­te e un bel grup­po: so­no i pre­sup­po­sti per cen­tra­re il no­stro tra­guar­do».

 ?? LAP­RES­SE ?? Gian­lu­ca La­pa­du­la, 30 an­ni at­tac­can­te del Be­ne­ven­to in gol con­tro il Bologna
LAP­RES­SE Gian­lu­ca La­pa­du­la, 30 an­ni at­tac­can­te del Be­ne­ven­to in gol con­tro il Bologna
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy