Corriere dello Sport

Il mi­ni­stro del sen­so co­mu­ne

- di Ales­san­dro Bar­ba­no Sports · Society · Italy · Juventus F.C. · S.S.C. Napoli · Naples · Roberto Mancini · Italian Football Federation

Ma che bel­la ri­spo­sta ha da­to ie­ri il no­stro cit­tì, com­men­tan­do le fra­si del mi­ni­stro del­la Sa­lu­te, Spe­ran­za, se­con­do cui “si par­la trop­po di cal­cio e po­co di scuo­la” . “La scuo­la e il la­vo­ro – ha det­to Man­ci­ni - so­no un di­rit­to, ma an­che lo sport lo è”. Per que­sto da ie­ri non è so­lo il tec­ni­co che ha ri­por­ta­to l’Ita­lia ai ver­ti­ci del cal­cio gra­zie a quei gio­va­ni che que­sto Pae­se, nel­la scuo­la e nel la­vo­ro, umi­lia. Ma è an­che l’uni­co uo­mo di sport che ha scon­fes­sa­to con una bat­tu­ta il più be­ce­ro dei luo­ghi co­mu­ni, da me­si or­mai sul­la boc­ca di po­li­ti­ci che di luo­ghi co­mu­ni cam­pa­no. Non se ne può più di que­sto lin­guag­gio dell’inu­ti­li­tà, che sot­to­li­nea ciò che è ov­vio. La scuo­la è la co­sa più im­por­tan­te? E al­lo­ra spie­ga­te per­ché l’ave­te te­nu­ta chiu­sa sei me­si, quan­do la mag­gior par­te dei Pae­si eu­ro­pei la ria­pri­va, e per­ché an­co­ra ades­so la fa­te viag­gia­re a scar­ta­men­to ri­dot­to, con cat­te­dre sco­per­te, con ra­gaz­zi di­sa­bi­li sen­za so­ste­gno.

Ma che bel­la ri­spo­sta ha da­to ie­ri il no­stro cit­tì, com­men­tan­do le fra­si del mi­ni­stro del­la Sa­lu­te, Spe­ran­za, se­con­do cui “si par­la trop­po di cal­cio e po­co di scuo­la” . “La scuo­la e il la­vo­ro – ha det­to Man­ci­ni - so­no un di­rit­to, ma an­che lo sport lo è”. Per que­sto da ie­ri non è so­lo il tec­ni­co che ha ri­por­ta­to l’Ita­lia ai ver­ti­ci del cal­cio gra­zie a quei gio­va­ni che que­sto Pae­se, nel­la scuo­la e nel la­vo­ro, umi­lia. Ma è an­che l’uni­co uo­mo di sport che ha scon­fes­sa­to con una bat­tu­ta il più be­ce­ro dei luo­ghi co­mu­ni, da me­si or­mai sul­la boc­ca di po­li­ti­ci che di luo­ghi co­mu­ni cam­pa­no.

Non se ne può più di que­sto lin­guag­gio dell’inu­ti­li­tà, che sot­to­li­nea ciò che è ov­vio. La scuo­la è la co­sa più im­por­tan­te? E al­lo­ra spie­ga­te per­ché l’ave­te te­nu­ta chiu­sa sei me­si, quan­do la mag­gior par­te dei Pae­si eu­ro­pei la ria­pri­va, e per­ché an­co­ra ades­so la fa­te viag­gia­re a scar­ta­men­to ri­dot­to, con cat­te­dre sco­per­te, con ra­gaz­zi di­sa­bi­li sen­za so­ste­gno, con con­cor­si che rin­via­te per­ché vo­le­te im­bar­ca­re pre­ca­ri per blin­da­re con­sen­so elet­to­ra­le. Chi co­me noi ri­co­no­sce, sen­za bi­so­gno di sot­to­li­near­lo, il va­lo­re del­la scuo­la sa be­ne che la sua cen­tra­li­tà non im­pe­di­sce che al­tri uni­ver­si for­ma­ti­vi pos­sa­no af­fian­car­la, con­cor­ren­do all’edu­ca­zio­ne dei gio­va­ni e al be­nes­se­re di una co­mu­ni­tà.

La scuo­la e lo sport non so­no ne­mi­ci, ma al­lea­ti. L’idea di in­tro­dur­re una con­trap­po­si­zio­ne tra que­sti due mon­di è in­sie­me spec­chio di in­si­pien­za e ma­la­fe­de. In­si­pien­za per­ché una co­mu­ni­tà che ac­cet­ta di con­vi­ve­re con l’emer­gen­za or­ga­niz­za la vi­ta so­cia­le con re­spon­sa­bi­li­tà ed ef­fi­cien­za, di­fen­den­do tut­ti gli spa­zi pos­si­bi­li di li­ber­tà e di espres­sio­ne. Ma­la­fe­de per­ché il mo­ra­li­smo an­ti­spor­ti­vo co­pre la co­da di pa­glia di un si­ste­ma sa­ni­ta­rio che an­co­ra fa ac­qua da mol­te par­ti, so­prat­tut­to sul ter­ri­to­rio, e che non è in gra­do di ga­ran­ti­re una ri­par­ten­za in si­cu­rez­za del Pae­se.

Ro­ber­to Man­ci­ni ha af­fer­ma­to una ve­ri­tà sem­pli­ce, co­sì evi­den­te ep­pu­re co­sì oscu­ra­ta da tan­ta de­ma­go­gia: che lo sport è un di­rit­to, an­zi è par­te di quel di­rit­to al­la sa­lu­te che Spe­ran­za do­vreb­be tu­te­la­re con me­no ap­pros­si­ma­zio­ne di quan­to di­mo­stri il pa­stic­cio di Ju­ve-Napoli. Che non è so­lo pro­va del­la me­schi­na li­ti­gio­si­tà dei pre­si­den­ti dei club. Ma an­che l’ef­fet­to di una le­gi­sla­zio­ne d’emer­gen­za con­fu­sa e con­trad­dit­to­ria. Che scri­ve con una ma­no la qua­ran­te­na hard e con l’al­tra la qua­ran­te­na soft, la­scian­do che en­tram­be coe­si­sta­no nel si­ste­ma. Qua­le del­le due qua­ran­te­ne ab­bia la prio­ri­tà do­vreb­be dir­lo il mi­ni­stro del­la Sa­lu­te, in­ve­ce di la­scia­re che con­flig­ga­no l’una con l’al­tra a se­con­da di chi le ma­neg­gia, che sia la Fe­der­cal­cio, il co­mi­ta­to tec­ni­co scien­ti­fi­co o piut­to­sto un me­di­co del­la Asl. “Pen­sa­re pri­ma di par­la­re”: que­sto l’in­vi­to di Man­ci­ni a Spe­ran­za. Un sas­so­li­no che il cit­tì si to­glie dal­la scar­pa, do­po trop­pi di­scor­si nei qua­li, per dir­la con Man­zo­ni, il buon sen­so se n’è sta­to na­sco­sto per pau­ra del sen­so co­mu­ne. Un’emer­gen­za glo­ba­le co­me quel­la che af­fron­tia­mo ha bi­so­gno di buon sen­so, che è frut­to di ra­gio­ne e mi­su­ra, non di sen­so co­mu­ne, che con­trab­ban­da men­zo­gne per ve­ri­tà. Il sen­so co­mu­ne di­ce che “si par­la trop­po di sport”. Il buon sen­so ri­bat­te che di sport è giu­sto par­la­re, vi­ve­re e ama­re, tan­to più ades­so.

Voi, ca­ri let­to­ri, co­sa ne pen­sa­te? Scri­ve­te­lo sul si­to e sui so­cial del Cor­rie­re del­lo Sport-Sta­dio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy