Ba­ch sec­ca­to: «Spa­da­fo­ra non ha mai ri­spo­sto al­le no­stre let­te­re»

IL PRE­SI­DEN­TE DEL CIO SUL MI­NI­STRO DEL­LO SPORT ITA­LIA­NO «Vo­glia­mo chia­ri­men­ti su al­cu­ni pun­ti del­la leg­ge di ri­for­ma I bie­lo­rus­si? Lo­ro ci scri­vo­no...»

Corriere dello Sport - - ALTRI SPORT - Di Fran­co Fa­va

«Ab­bia­mo scrit­to di­ver­se let­te­re al mi­ni­stro del­lo Sport Spa­da­fo­ra per ave­re chia­ri­men­ti su al­cu­ni pun­ti del­la leg­ge de­le­ga di ri­for­ma che a no­stro giudizio so­no con­tra­ri al­la Car­ta Olim­pi­ca. Ma sfor­tu­na­ta­men­te non ab­bia­mo ri­ce­vu­to al­cu­na ri­spo­sta». Il pre­si­den­te del Cio Tho­mas Ba­ch non ha pe­li sul­la lin­gua quan­do in con­fe­ren­za stam­pa (200 gior­na­li­sti col­le­ga­ti in re­mo­to), al ter­mi­ne dell'Ese­cu­ti­vo, af­fron­ta la “que­stio­ne Ita­lia”.

E' evi­den­te che do­po le ras­si­cu­ra­zio­ne del­lo stes­so pre­si­den­te del Con­si­glio Con­te, il 26 giu­gno del 2019 a Lo­san­na, in oc­ca­sio­ne dell'as­se­gna­zio­ne dei Gio­chi in­ver­na­li di Mi­la­no-Cor­ti­na 2026, tra il co­mi­ta­to olim­pi­co in­ter­na­zio­na­le e il go­ver­no ita­lia­no non c'è dia­lo­go. Co­sì l'Ita­lia con­ti­nua ad es­se­re sot­to os­ser­va­zio­ne e già al pros­si­mo Ese­cu­ti­vo in pro­gram­ma l'810 di­cem­bre a Mon­treaux po­treb­be aprir­si uf­fi­cial­men­te un cla­mo­ro­so con­ten­zio­so, an­ti­ca­me­ra per la so­spen­sio­ne del Co­ni. Con con­se­guen­ze gra­vi, co­me il di­vie­to ai no­stri atle­ti di par­te­ci­pa­re all'Olim­pia­de di To­kyo con il Tri­co­lo­re e il con­ge­la­men­to dei 925 mi­lio­ni di dol­la­ri ga­ran­ti­ti a Mi­la­no-Cor­ti­na 2026.

Co­sì, men­tre il mi­ni­stro Spa­da­fo­ra con­ti­nua a ri­pe­te­re ai suoi col­le­ghi di go­ver­no che con il Cio non c'è al­cun pro­ble­ma, Ba­ch non man­ca di sot­to­li­nea­re co­me, nell'al­tro dos­sier aper­to sul­la Bie­lo­rus­sia, in­ve­ce «sia­no già per­ve­nu­te due let­te­re di ri­spo­sta ai chia­ri­men­ti ri­chie­sti cir­ca le in­ge­ren­ze» del go­ver­no Lu­ka­shen­ko sul co­mi­ta­to olim­pi­co na­zio­na­le di Min­sk. «Stia­mo in stret­to con­tat­to con le au­to­ri­tà bie­lo­rus­se. Ma ab­bia­mo ri­ce­vu­to mol­te de­nun­ce dai lo­ro atle­ti che si sen­to­no di­scri­mi­na­ti: que­sto non è ac­cet­ta­bi­le. Ab­bia­mo aper­to un dos­sier e chie­sto tra­spa­ren­za sui fon­di Cio as­se­gna­ti a Min­sk: gli atle­ti de­vo­no pre­pa­ra­si li­be­ra­men­te per To­kyo».

Ba­ch ha pu­re sot­to­li­nea­to co­me il Cio non è un or­ga­ni­smo po­li­ti­co, ma so­lo or­ga­niz­za­zio­ne spor­ti­va pri­va­ta cui ade­ri­sco­no 206 na­zio­ni e ha ga­ran­ti­to un po­sto di os­ser­va­to­re spe­cia­le all'Onu. Per que­sto si au­gu­ra che «tra il Co­ni e il go­ver­no ita­lia­no si pos­sa giun­ge­re in tem­pi bre­vi ad un ac­cor­do. Ab­bia­mo de­ci­so di aspet­ta­re i ri­sul­ta­ti dei col­lo­qui tra Ma­la­gò e il go­ver­no».

So­no al­me­no 4 le let­te­re in­via­te al mi­ni­ste­ro. I chia­ri­men­ti ri­chie­sti non ri­guar­da­no le 145 pa­gi­ne del de­cre­to che an­co­ra è osteg­gia­to da Pd e IV in com­mis­sio­ne, ma le at­tua­li tre leg­gi di ri­for­ma con­tra­rie al­la Car­ta Olim­pi­ca. Di fat­to og­gi il Co­ni non è au­to­no­mo, il se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le dell'en­te di­pen­de da Sport e sa­lu­te e il Co­ni è l'uni­co i cui im­pie­ga­ti non di­pen­do­no dal­lo stes­so Co­ni. Una ano­ma­lia mon­dia­le che per il Cio in­fran­ge la Car­ta olim­pi­ca. Su To­kyo, ap­pro­va­ti ta­gli per 280 mi­lio­ni di $.

AN­SA

Il pre­si­den­te del Cio Tho­mas Ba­ch, 66 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.