Corriere dello Sport

È una Juve senza difesa McKennie jolly a sorpresa

Lo statuniten­se potrebbe essere arretrato come terzino destro. L’alternativ­a: Dragusin

- Di Filippo Bonsignore

Juve senza difesa. No, stavolta i gol subìti non c’entrano, la colpa è di infortuni e squalifich­e. L’emergenza è totale per i bianconeri, in vista della sfida di sabato in casa del Verona. L’infermeria è piena, con Bonucci, Chiellini e Cuadrado che, nell’ultima settimana si sono fermati uno dopo l’altro, privando Pirlo, già per Porto e Crotone, di tre pedine fondamenta­li. Non è tutto, perchè nella sfida con i calabresi è arrivato il cartellino giallo per Danilo, che era diffidato e quindi è stato squalifica­to. Riassunto: un intero reparto indisponib­ile, in una sfida cruciale per le aspirazion­i di rimonta scudetto dei bianconeri e contro un avversario da prendere con le molle come l’Hellas di Juric. «Faremo la conta e vedremo chi schierare. Certo, l’assenza di Danilo sarà pesante», ha sbuffato il tecnico juventino.

RIMEDI. Come rimediare, quindi? La soluzione naturale porta a pescare tra i giovani. Da questo punto di vista, Pirlo non ha mai avuto timore di affidarsi ai talenti: basta che sappiano giocare, la carta d’identità non conta, è la filosofia. E’ stato così con Gianluca Frabotta, lanciato come terzino sinistro alla prima di campionato con la Sampdoria. Con l’Hellas potrebbe esserci il replay e questa volta l’identikit porta a Radu Dragusin. Centrale rumeno, classe 2002, il ragazzo è uno delle stelline della Under 23 e da tempo fa presenza fissa con la prima squadra, con cui si allena tutti i giorni. Gran fisico (1919 centimetri), qualità e un futuro che appare scritto. La Juve lo ha pescato nel 2018 nel Real Sport Bucarest, superando la concorrenz­a di Psg e Atletico Madrid; ora è al lavoro per blindarlo con un rinnovo quinquenna­le del contratto in scadenza a giugno.

Dragusin ha già colleziona­to quattro presenze in questa stagione. Il debutto tra i grandi è stato subito sul palcosceni­co principale, quello della Champions League: il 2 dicembre scorso contro la Dinamo Kiev, Radu ha disputato ventuno minuti al posto di Demiral. Uno spezzone cui si è aggiunta una manciata di minuti nel finale della sfida con il Genoa in campionato. Il Grifone, evidenteme­nte, era nel suo destino perchè proprio contro i rossoblu è avvenuto l’esordio da titolare in coppa Italia. Sempre in coppa Italia, contro la Spal, la seconda presenza dal primo minuto. Ora i tempi sembrano maturi per il debutto da titolare in campionato. Con Dragusin, Pirlo scegliereb­be l’opzione più naturale, perchè Radu andrebbe ad occupare la fascia destra di Danilo, lasciando intatto il resto del reparto con Demiral-De Ligt centrali e Alex Sandro a sinistra.

ALTERNATIV­E. L’alternativ­a potrebbe essere arretrare McKennie come terzino destro, ruolo che, insieme al centrale, ha ricoperto in qualche occasione allo Schalke 04, a testimonia­nza della duttilità dello statuniten­se. Controindi­cazioni? Pirlo si priverebbe di una pedina fondamenta­le a centrocamp­o (dove tornerà dalla squalifica Rabiot) e sarebbe una soluzione adattata, non di ruolo. Però Weston è in grado di farlo L’ulteriore opzione sarebbe la difesa a tre pura: Demiral-DeLigt-Alex Sandro (con Chiesa e Frabotta esterni) o Dragusin-Demiral-De Ligt (con Chiesa e Alex Sandro sulle fasce).

 ??  ?? PRESENZE TOTALI STAGIONALI
Weston McKennie, 22 anni, in prestito dallo Schalke 04
PRESENZE IN QUESTA STAGIONE
Radu Dragusin, 19 anni, difensore centrale rumeno
Andrea Pirlo, 41 anni tecnico della Juventus
PRESENZE TOTALI STAGIONALI Weston McKennie, 22 anni, in prestito dallo Schalke 04 PRESENZE IN QUESTA STAGIONE Radu Dragusin, 19 anni, difensore centrale rumeno Andrea Pirlo, 41 anni tecnico della Juventus

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy