Corriere dello Sport

Gilardino: Mi aspetto una reazione

- Di Emmanuele Gerboni

Alberto Gilardino, 41 anni, prima stagione in A

– C’è un concetto chiave che sottolinea Gilardino mettendo nel mirino la sfida di oggi a Roma con la Lazio perché il suo Genoa deve voltare pagina e dare un segnale

forte dopo la sconfitta pesante nel debutto con la Fiorentina al Ferraris: «Quello che ho detto ai ragazzi è che sicurament­e una reazione dovrà esserci. Io per loro mi butterei nel fuoco, sono certo e mi auguro che loro facciano lo stesso perché c’è la volontà di fare la prestazion­e e questo è il punto chiave senza pensare al risultato. All’Olimpico dobbiamo essere bravi a comportarc­i da Genoa, questo deve essere il nostro obiettivo». L’allenatore del Grifone poi allarga lo sguardo agli avversari: «Il loro valore è sotto gli occhi di tutti, una squadra forte con un allenatore che è un maestro. Sono tantissimi i punti a loro favore con giocatori di grande qualità e un attaccante con caratteris­tiche importanti come Immobile. È una formazione impostata

molto bene dal suo allenatore che ha dato solidità al gruppo e un’idea precisa. Noi ci siamo preparati per fare una partita tosta, sapendo le difficoltà che ci saranno ma anche consapevol­i di quello che vogliamo mettere in mostra». La decisione sulla formazione sarà presa probabilme­nte solo nelle ore della vigilia. «Ci sono delle possibilit­à di modifiche tattiche all’interno della partita. Valuterò in base alle caratteris­tiche dei giocatori a disposizio­ne. E’ un discorso che può riguardare anche Malinovsky­i e Gudmundsso­n che possono eventualme­nte giocare più vicino a Retegui. Malinovsky­i è arrivato da una settimana, c’è la volontà di capire quanti minuti ha sulle gambe».

Ass

 ?? ?? ANSA
ANSA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy