Corriere dello Sport

Harroui e Monterisi Frosinone a tutto Gasp

Prima vittoria stagionale per i giallazzur­ri allo Stirpe Sblocca il marocchino (come col Napoli). Al 24’ arriva il raddoppio. Il gol di Zapata non basta alla Dea

- Di Daniele Ciardi FROSINONE

Grande impresa, quella compiuta dal Frosinone nella gara del “Benito Stirpe” contro l’Atalanta. I ciociari si sono imposti per 2-1 sfatando un doppio tabù. In sei precedenti sfide, infatti, non erano mai riusciti a vincere e, soprattutt­o, ad andare a segno. Un successo costruito nel primo tempo, chiuso sul doppio vantaggio, e per il quale parte del merito va sicurament­e al tecnico Di Francesco. Nell’occasione, infatti, ha deciso di abbandonar­e il suo classico 4-3-3 e affidarsi a un 4-2-3-1 di assoluto movimento da parte di tanti dei suoi interpreti, in modo tale da riuscire a coprire il campo nel miglior modo possibile, al cospetto di una squadra molto forte e guidata da un tecnico che lo stesso allenatore del Frosinone ha definito tra i più bravi in assoluto del panorama calcistico italiano. E così la prima frazione di gioco è stata tutta di marca dei padroni di casa.

LA CRONACA. Pronti, via e al 5’ i canarini passano in vantaggio proprio grazie a due calciatori schierati a sorpresa in ruoli diversi rispetto alla sfida di otto giorni prima con il Napoli: Marchizza e Harruoi. Break del primo che ruba palla e serve il compagno il quale una volta in area batte Musso con un preciso diagonale. L’Atalanta prova a reagire, ma in maniera sterile e al 24’ il Frosinone raddoppia. Angolo di Baez, sponda di Romagnoli e “zampata” vincente da due passi di Monterisi. L’unico pericolo che riesce a creare la Dea nella prima frazione di gioco è al 31’ con Zappacosta sul cui tiro salva Monterisi. Prima dell’intervallo sono quindi i giallazzur­ri a sfiorare il tris con un’altra bella azione sull’asse Baez- Harroui, con cross di quest’ultimo per Mazzitelli che sono a centro area colpisce troppo debolmente di testa.

RIPRESA. Nell’intervallo Gasperini

striglia i suoi e nella ripresa si vede un’altra Atalanta. Tanto che dopo 11’ minuti riesce ad accorciare le distanze. Ederson per Zapata, che si libera in area alla sua maniera e di destro batte Cerofolini. I bergamasch­i spingono, ma il Frosinone si difende comunque con ordine senza rischiare più di tanto. Almeno fino al 24’ quando Scamacca si libera ai sedici metri e mette Scalvini a tu per tu con Cerofolini che in uscita gli respinge la conclusion­e. Alla mezz’ora altra buona occasione per i nerazzurri per impattare il risultato. De Keteleare calcia dai sedici metri, il portiere del Frosinone respinge come può con la palla che arriva sulla testa di Scamacca che da due passi non riesce a inquadrare lo specchio della porta. L’ultima chance per l’Atalanta arriva al 39’ e vede ancora protagonis­ta Scamacca che, sempre di testa ma questa volta da battuta di calcio d’angolo, manda il pallone a sfiorare la traversa.

 ?? ANSA ?? Ilario Monterisi, 21 anni esulta dopo il gol del raddoppio del Frosinone
ANSA Ilario Monterisi, 21 anni esulta dopo il gol del raddoppio del Frosinone

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy