Corriere dello Sport

DENDONCKER PIÙ PEREZ ADL CHIUDE LA CINQUINA

Dopo Mazzocchi, Ngonge e Traore altri due acquisti Oggi le visite del mediano Il centrocamp­ista arriva in prestito dall’Aston Villa. Offerti 17 milioni all’Udinese per avere il difensore

- Di Fabio Mandarini

Il Napoli è pronto a chiudere il mercato di gennaio con gli acquisti numero quattro e cinque: Leander Dendoncker e Nehuen Perez. Un centrocamp­ista e un difensore. Un belga che arriva dall’Aston Villa in prestito con diritto di riscatto fissato intorno ai 10 milioni di euro e un argentino che invece, secondo i piani, dovrebbe arrivare a titolo definitivo dall’Udinese per una cifra di poco inferiore ai 20 milioni. La trattativa per il giocatore delle Fiandre, 119 minuti in 21 giornate di Premier, è già stata definita: è atteso oggi a Roma per le visite mediche. Quella per il centrale, invece, non ancora: De Laurentiis continua a parlare con Gino Pozzo per limare la richiesta di partenza - 20 milioni, appunto - ma l’impression­e è che la storia non si prolungher­à poi così tanto. Parallelam­ente, in uscita, Adl e Galliani stanno definendo la doppia cessione al Monza di Alessio Zerbin e Matija Popovic, entrambi in prestito.

FATTORE BELGA. Il fattore-belga, insomma, è predominan­te nel mercato di gennaio del Napoli: Ngonge per cominciare, Dendoncker per finire. Nato

Zonnebeke, 147 chilometri da casa Mertens a Lovanio, 32 presenze con la nazionale belga, 28 anni e le caratteris­tiche giuste per incrementa­re lo spessore fisico della squadra: i suoi 188 centimetri sono lo specchio dell’abilità nel gioco aereo, e per inclinazio­ne è di certo un mediano muscolare, bravo nell’interdizio­ne, abituato a giocare come schermo davanti alla difesa con qualche trascorso anche da centrale dietro. Per la verità in questa stagione ha colleziona­to poche apparizion­i a Birmingham: 15 in totale, con 389 minuti complessiv­i, tra Premier (8 apparizion­i, una da titolare), Conference,

FA Cup e Carabao. Napoli, per lui, dovrà insomma essere terra di riscatto. In tutti i sensi: arriva in prestito, dicevamo, e dovrà convincere De Laurentiis ad esercitare a giugno l’opzione per riscattarl­o, versando 10 milioni all’Aston Villa. Oggi, nel frattempo, sosterrà le visite mediche a Roma: appuntamen­to a Villa Stuart, poi a piazza Venezia, in Filmauro, per firmare. E dritto a Napoli da Mazzarri: domenica con la Lazio, se tutto andrà come deve, potrebbe anche accomodars­i in panchina e cominciare l’avventura all’Olimpico.

IL DIFENSORE. Archiviato Dendoncker, Adl proverà a concedere un bis immediato. Però in difesa, la priorità assoluta indicata dall’allenatore all’alba di questo mercato che è stato inaugurato dagli esterni (Mazzocchi, Traore e Ngonge) e arricchito da un centrocamp­ista centrale (Dendoncker). Ma Walter, si sa, aspetta un centrale anche dietro, meglio ancora se già abituato alla Serie A e all’Italia come i colleghi del primo tris: il candidato ideale, ora anche quello più in alto nella gerarchia e anzi il più vicino, è Nehuen Perez, l’argentino dell’Udinese di 23 anni che inizialmen­te è stato inquadrato in un doppio (teorico) affare con Samardzic e poi, strada facendo, s’è ritrovato da solo sulla strada Udine-Napoli. Un viale pieno di affari nell’era De Laurentiis, sin dal primo acquisto della storia azzurra del presidente: Sosa. Altri tempi, altri ruoli, stesso sangue argentino: il Pampa faceva il centravant­i, mentre Perez è uno che gli attaccanti deve tenerli a freno, a bada, per mestiere. La richiesta dell’Udinese è 20 milioni di euro, Adl s’è spinto fino a 17 milioni: ci siamo, insomma, anche perché Nehuen sarebbe più che felice di cominciare un nuovo ciclo con i campioni d’Italia e di debuttare nella Champions, soltanto sfiorata, annusata ai tempi dell’Atletico Madrid. Giorni e anzi ore decisive. Esattament­e come quelle per il doppio canale con Galliani: Zerbin e Popovic, il gioiellino serbo di 18 anni preso a zero, in prestito al Monza (partner fondamenta­le per tesserare il trequartis­ta slavo, non avendo a disposizio­ne slot extracomun­itari).

L’ultimo colpo è pronto a firmare Domenica potrebbe andare in panchina

Doppia operazione Zerbin-Popovic in direzione Monza a titolo temporaneo

 ?? ??
 ?? ??
 ?? ??
 ?? ??
 ?? ??
 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy