Corriere dello Sport

Strega ambiziosa È l’effetto Auteri

Tre vittorie su tre per il nuovo Benevento Il successo batticuore nel derby con la Casertana archivia la crisi «Ma bisogna ancora migliorare»

- Di Franco Santo BENEVENTO

Tre settimane per cambiare il proprio destino, per riscrivere una trama che stava diventando quella di un melodramma. Il ritorno di Gaetano Auteri ha rivitalizz­ato una squadra che sembrava alla deriva (4 sconfitte, una vittoria e un pari nelle ultime 6 partite dell'andata), le ha consentito di centrare un brillante en plein (3 successi su 3) e di recuperare un bel po' di punti sulle battistrad­a (6 a Juve Stabia e Casertana, 5 al Taranto, 2 a Crotone, Avellino e Picerno). Il percorso per la gloria è lungo, ma la vittoria nel derby contro una squadra che non aveva mai prima d'ora perso in trasferta, la dice lunga sulle potenziali­tà ritrovate della Strega.

METODO AUTERI. «Abbiamo dovuto giocare contro una squadra che si è un po' snaturata – spiega Auteri – perché ha fatto densità negli ultimi 30-40 metri con 10 uomini e ha chiuso ogni spazio. Siamo stati bravi a non commettere errori, recuperand­o tanti palloni medio alti sul loro possesso. Ecco, lì saremmo dovuti essere meno frenetici e fare scelte più appropriat­e, ma nell'arco della gara siamo cresciuti tanto anche con i cambi (Ciciretti, tra le linee, al posto di Ferrante, Simonetti in quello di Pinato, ndc) abbiamo ottenuto quello che volevamo». Il rigore ai casertani a pochi minuti dal termine avrebbe potuto negare una vittoria più che legittima (59% possesso palla, 16 tiri contro 6 verso la porta avversaria), l'errore dell'arbitro è parso marchiano: «Purtroppo non c'è il Var, è evidente che con le telecamere quel rigore sarebbe stato tolto, Berra non ha toccato il pallone col braccio. Ma abbiamo giocato una gara intensa e l'abbiamo vinta con merito».

CRESCITA. L'assestamen­to tattico e l'inseriment­o dei nuovi: ad Auteri servirà ancora un po' di tempo per ottenere il massimo. Per capire se si può ancora puntare al traguardo più importante. Il tecnico di Floridia svicola, di classifica non vuol parlare: «Oggi certi discorsi non vale la pena farli, l'importante è registrare la crescita del gruppo. Contro la Casertana ci siamo trovati a fronteggia­re non solo una squadra forte, ma anche una situazione tattica nuova rispetto alle precedenti partite. Pian piano ci siamo ritagliati i nostri spazi in campo ed abbiamo avuto più meriti di loro per vincere questo derby». Sui mugugni verso alcuni gialloross­i taglia corto: «Non dobbiamo farci caso. Il supporto dei tifosi dobbiamo meritarcel­o, sapevamo che c'erano ferite aperte».

«I mugugni dei nostri tifosi? Il loro supporto dobbiamo saperlo meritare»

MERCATO. Ieri altra cessione, quella di Samuele Sorrentino (20), 5 presenze quest'anno nelle file gialloross­e (due anche in Primavera con 4 gol), al Latina. Prestito secco per il giovane centravant­i gialloross­o. Sul fronte arrivi si insiste per Filippo Nardi (25), centrocamp­ista in forza alla Reggiana, ma di proprietà della Cremonese. La società emiliana non si opporrebbe alla cessione, ma bisogna convincere il giocatore a scendere di categoria.

 ?? MOSCA ?? Il tecnico del Benevento Gaetano Auteri, 62 anni
MOSCA Il tecnico del Benevento Gaetano Auteri, 62 anni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy