Corriere dello Sport

Champions a quota 70 Missione in tredici punti

Servono quattro vittorie e un pari per «l’obiettivo» della stagione Per Opta Juve dentro al 98,95%

- di Filippo Bonsignore TORINO

La Signora vuole fare 13. Tanti sono i punti che separano dal ritorno in Champions League, la priorità della stagione. L’imperativo categorico, come indicato dalla società, che Allegri ha puntualizz­ato essere «l’obiettivo, non l’obiettivo minimo». Il sogno scudetto è rimasto tale, evaporato nel mese di febbraio avaro di sorrisi; ora è tempo di pensare arrivare al traguardo fondamenta­le per il presente e per il futuro. Il tecnico bianconero ha fatto i conti e, tabelle alla mano, l’asticella della felicità è posta a 70 punti. Ecco la quota Champions, secondo Max, e il calcolo, punto più punto meno, non si discosta dalla realtà. Tradotto: alla Juve, seconda in classifica con 57 punti, ne servono ancora 13 per arrivare alla soglia che dovrebbe garantire la certezza aritmetica della qualificaz­ione, che porterebbe con sé tutti gli effetti positivi a livello economico per il club. I bianconeri sono quindi sulla strada buona anche perché sono 11 i punti di vantaggio sulla quinta in classifica che rappresent­ano un cuscinetto di sicurezza tale da dormire sonni sufficient­emente tranquilli. A patto di riprendere la corsa con il ritmo che è stato tenuto fino a gennaio, prima della frenata dell’ultimo periodo concluso con la vittoria all’ultimo respiro con il Frosinone. La squadra di Allegri ha il destino nelle proprie mani, insomma, e d’altra parte anche la statistich­e della stagione non portano a sorprese nelle previsioni su quello che sarà l’epilogo del campionato. Le simulazion­i di Opta Prediction­s assegnano ai bianconeri un esiguo 0,09% di chance di riaprire il discorso scudetto, ormai saldamente nelle mani dell’Inter, e una quasi certezza dell’approdo in Champions. La probabilit­à è del 98,95%, praticamen­te come il Milan, attualment­e terzo in graduatori­a, che vanta un 98,8% di possibilit­à di arrivare tra le prime quattro.

ROAD MAP. E allora quando potrebbe arrivare la certezza aritmetica del posto al sole? Alla fine del campionato mancano 12 giornate, per 36 punti totali a disposizio­ne. Ai bianconeri sarà quindi sufficient­e conquistar­ne poco più di un terzo per tagliare il traguardo. Nella miglior delle ipotesi basteranno cinque gare alla squadra di Allegri per completare l’opera: quattro vittorie e un pareggio per portare a casa il bottino necessario. Per tracciare la road map serve quindi dare

un occhio al calendario che non è dei più semplici per i bianconeri. I possibili bonus, infatti, sono stati spesi a febbraio contro avversarie in lotta per la salvezza; adesso iniziano gli scontri diretti. Si inizia con il trittico Napoli-Atalanta-Genoa prima della sosta per le nazionali. Alla ripresa, nel weekend di Pasqua, la Juve sfiderà la Lazio all’Olimpico, antipasto della semifinale di andata di coppa Italia allo Stadium del 4 aprile. Si proseguirà con Fiorentina, Torino, Cagliari e Milan, con la variabile del ritorno della semifinale di Coppa Italia con la Lazio tra le sfide con i sardi e i rossoneri. La volata di maggio si aprirà con la nuova trasferta all’Olimpico, stavolta contro la Roma, poi Salernitan­a, Bologna e chiusura allo Stadium con il Monza. A quell’epoca però Max conta di aver già tagliato il traguardo. La Signora vuole fare 13.

Dopo il Napoli Atalanta e Genoa poi Lazio, Viola e il derby col Toro

 ?? ANSA ?? L’esultanza dei calciatori della Juve dopo il 3-2 al Frosinone
ANSA L’esultanza dei calciatori della Juve dopo il 3-2 al Frosinone

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy