C’è pure la gra­na dei sin­da­ci per il cen­tro­de­stra

Tra i no­di, Ter­ni e Vi­ter­bo

Corriere di Arezzo - - Da Prima Pagina - Di Fo­sca Bin­cher

Per ca­pi­re co­sa sia il cen­tro­de­stra var­reb­be la pe­na far­si un gi­ro per l'ita­lia a sen­ti­re co­sa sta ac­ca­den­do sul­le am­mi­ni­stra­ti­ve del pros­si­mo 10 giu­gno, di cui po­co si par­la ma quel po­co di­vi­de as­sai. La coa­li­zio­ne che sta trat­tan­do per gui­da­re il go­ver­no na­zio­na­le sul territorio ha vi­sto­se sma­glia­tu­re, e qua­si ovun­que fa­ti­ca a tro­va­re in­te­se sui can­di­da­ti sin­da­ci. La dif­fi­col­tà è ap­par­sa pla­sti­ca­men­te evi­den­te ie­ri nel­la riu­nio­ne dei re­spon­sa­bi­li en­ti lo­ca­li dei va­ri par­ti­ti di cen­tro­de­stra che si è te­nu­ta a Ro­ma e che ha vi­sto pro­ta­go­ni­sti Maurizio Ga­spar­ri (For­za Ita­lia), Igna­zio La Rus­sa (Fra­tel­li di Ita­lia) e Gian­car­lo Gior­get­ti (Le­ga). Tutti ave­va­no par­la­to pri­ma del­la riu­nio­ne con i re­fe­ren­ti lo­ca­li, e si era­no mes­si le mani nei ca­pel­li per la si­tua­zio­ne che si sta­va crean­do. Al­cu­ni dos­sier i tre han­no de­ci­so di dar­li di­ret­ta­men­te in ma­no al­le or­ga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li dei lo­ro par­ti­ti, co­me è ac­ca­du­to per la Si­ci­lia, di­cen­do che deb­bo­no sbro- gliar­se­la lo­ro se c'è qual­che di pan­cia ad esem­pio per le ven­ti­la­te can­di­da­tu­re di Sal­vo Po­glie­se a pri­mo cit­ta­di­no di Ca­ta­nia e del pro­fes­so­re Di­no Bra­man­ti a sin­da­co di Mes­si­na. Nell'iso­la per il cen­tro­de­stra il pro­ble­ma prin­ci­pa­le vie­ne dal­la Le­ga, che elet­to­ral­men­te non è più co­sì ir­ri­le­van­te, ma è re­sta­ta fuo­ri con coda po­le­mi­ca dal­la giun­ta re­gio­na­le di cen­tro­de­stra gui­da­ta da Nel­lo Mu­su­me­ci e cer­ca ven­det­ta. "Do­ve­te sbro­gliar­ve­la voi si­ci­lia­ni", ha spie­ga­to il trio la­van­do­se­ne pla­teal­men­te le mani. Poi qual­che ac­cor­do è sta­to pure tro­va­to, e nei pros­si­mi giorni ver­ran­no pre­sen­ta­te uf­fi­cial­men­te tut­te le can­di­da­tu­re del­le cit­tà del Nord e mol­te del cen­tro­sud. In cin­que ca­si pe­rò la fu­ma­ta bian­ca non c'è pro­prio sta­ta: Vi­cen­za, Ter­ni, Vi­ter­bo, Te­ra­mo e Brin­di­si e gli al­lea­ti ri­sul­ta­no spac­ca­tis­si­mi. Qual­che chan­ce di met­ter­ci una pez­za ie­ri du­ran­te la riu­nio­ne è emer­sa per Vi­cen­za e Te­ra­mo (nel­la cit­ta­di­na ve­ne­ta pro­prio ie­ri For­za Ita­lia ha ri­ti­ra­to la can­di­da­tu­ra di Fa­bio Man­to­va­ni, sen­za pe­rò ac­cet­ta­re quel­la di Fran­ce­sco Ruc­co su cui spin­go­no li­ste ci­vi­che e la Le­ga).

Ma su Brin­di­si, Vi­ter­bo e Ter­ni è pro­prio mu­ro con­tro mu­ro. E in tutti e tre i ca­si il pro­ble­ma vie­ne da Mat­teo Sal­vi­ni che ha bru­cia­to gli al­lea­ti sul tem­po lan­cian­do di­ret­ta­men­te (a Brin­di­si e Ter­ni) o in­di­ret­ta­men­te (a Vi­ter­bo) il pro­prio can­di­da­to sin­da­co. In tutti e tre i ca­si sen­za par­la­re pri­ma con gli al­lea­ti e no­no­stan­te can­di­da­tu­re alternative di For­za Ita­lia e tal­vol­ta Fra­tel­li di Ita­lia. A Ter­ni Sal­vi­ni ha lan­cia­to in piaz­za sa­len­do su un pre­del­li­no im­prov­vi­sa­to la can­di­da­tu­ra dell'av­vo­ca­to Leo­nar­do La­ti­ni, che non pia­ce né a For­za Ita­lia né a Fra­tel­li di Ita­lia. Per il mo­men­to la que­rel­le è sta­ta gi­ra­ta agli espo­nen­ti um­bri dei tre par­ti­ti, che in ogni ca­so do­vran­no tor­na­re a ri­fe­ri­re al ta­vo­lo na­zio­na­le per cer­ca­re di su­pe­ra­re una op­po­si­zio­ne net­ta al­la can­di­da­tu­ra La­ti­ni che in que­sto mo­men­to vie­ne da An­to­nio Ta­ja­ni. A Vi­ter­bo gli espo­nen­ti del­la Le­ga sul territorio han­no lan­cia­to la can­di­da­tu­ra a sin­da­co di Alessandro Usai, gior­na­li­sta Me­dia­set at­tual­men­te im­pe­gna­to a Ma­trix in ma­nie­ra mol­to tran­chant: "pren­de­re o la­scia­re". Ie­ri Gior­get­ti ha so­ste­nu­to al ta­vo­lo che non esi­ste que­sto ir­ri­gi­di­men­to del­la Le­ga sul nome e che il cin­tra­sto sa­reb­be sta­to in­ven­ta­to dal­la stam­pa per­ché Sal­vi­ni del ca­so non era sta­to an­co­ra in­ve­sti­to. Ga­spar­ri che fa po­li­ti­ca an­che in quel­la zo­na ha espres­so la sua per­ples­si­tà sul can­di­da­to "che è bra­vis­si­ma per­so­na, ma del tut­to sco­no­sciu­ta ai vi­ter­be­si": Ha rac­con­ta­to pure di ave­re ri­ce­vu­to una te­le­fo­na­ta di Usai, al ter­mi­ne del­la qua­le pe­rò non ha cam­bia­to idea sui rischi del­la can­di­da­tu­ra, ri­cor­dan­do co­me già nel­la pre­ce­den­te tor­na­ta di am­mi­ni­stra­ti­ve sia sta­to pre­sen­ta­to in una cit­tà del sud un bra­vo gior­na­li­sta po­co co­no­sciu­to in lo­co: il cen­tro­de­stra ha ot­te­nu­to il 55% dei con­sen­si, ma il can­di­da­to sin­da­co ha per­so, pren­den­do qua­si die­ci pun­ti meno del­la coa­li­zio­ne. Ul­ti­mo ca­so in cui il cen­tro­de­stra è di­vi­sis­si­mo, quel­lo di Brin­di­si. An­che qui il gua­io l'ha crea­to Sal­vi­ni qual­che gior­no pri­ma di an­da­re a Ter­ni. A Bari il lea­der del­la Le­ga ha im­pal­ma­to co­me can­di­da­to sin­da­co l'av­vo­ca­to Mas­si­mo Ciul­lo, pre­sen­tan­do­li a tutti in un vi­deo do­ve pe­ren­to­ria­men­te di­ce­va: "Ci ve­dia­mo pre­sto per cam­bia­re la cit­tà con Mas­si­mo Ciul­lo. Al­tre ipo­te­si non ce ne so­no. Co­rag­gio, one­stà, idee chia­re, fu­tu­ro per Brin­di­si". Sot­to il vi­deo com­pa­ri­va il sim­bo­lo del­la Le­ga, al­cu­ni sim­bo­li di li­ste ci­vi­che, quel­lo di Noi con l'ita­lia e quel­lo di Fra­tel­li di Ita­lia. I se­gua­ci del­la Me­lo­ni pe­rò a Brin­di­si so­no di­vi­si in due fa­zio­ni, e uno dei lo­ro di­ri­gen­ti ha par­te­ci­pa­to a una riu­nio­ne con For­za Ita­lia e al­tri cen­tri­sti al ter­mi­ne del­la qua­le è sta­to lan­cia­to co­me can­di­da­to Ro­ber­to Ca­va­le­ra. Al mo­men­to è an­co­ra mu­ro con­tro mu­ro.

Le­ga, Fra­tel­li d’ita­lia e az­zur­ri di­vi­si sul­le can­di­da­tu­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.