L’amo­re di Ro­ma­gno­li «Sol­tan­to l’ul­ti­mo è quel­lo de­fi­ni­ti­vo»

Corriere di Bologna - - CULTURA & SPETTACOLI  - Pie­ro Di Do­me­ni­co

«L’ul­ti­mo amo­re è quel­lo de­fi­ni­ti­vo e l’ana­gra­fe aiu­ta a com­pren­der­lo. Se a un cer­to pun­to non ab­bia­mo an­co­ra la per­so­na giu­sta con noi vuol di­re che ab­bia­mo sba­glia­to». Co­sì lo scrit­to­re e gior­na­li­sta bo­lo­gne­se Ga­brie­le Ro­ma­gno­li spiega il sen­so del suo ul­ti­mo li­bro «Sen­za fi­ne», che ha pre­sen­ta­to ieri al­la Fel­tri­nel­li di piaz­za Ra­ve­gna­na. «Quan­do ar­ri­va l’ul­ti­mo amo­re — con­ti­nua — lo sen­ti, non hai più la spin­ta a cer­ca­re al­tro, sei so­lo con­ten­to di sta­re be­ne». Per cor­ro­bo­ra­re que­sto pam­phlet sui sen­ti­men­ti, Ro­ma­gno­li uti­liz­za sto­rie che gli so­no sta­te rac­con­ta­te, da New York a Lam­pe­du­sa: «Non so per­ché ma in ge­ne­re tut­ti mi chie­do­no in­di­ca­zio­ni stra­da­li, an­che quan­do ho un trol­ley in ma­no, o mi rac­con­ta­no la lo­ro vi­ta. For­se per­ché se c’è uno che ti ascol­ta ca­pi­sci che la tua vi­ta è in­te­res­san­te». Sto­rie co­me quel­la di La­na e Car­lo, che si so­no in­con­tra­ti da ra­gaz­zi e si so­no ri­tro­va­ti su un’iso­let­ta gre­ca do­po qua­rant’an­ni, tre ma­tri­mo­ni fal­li­ti e due gra­vi ma­lat­tie. O del fi­lo­so­fo Zyg­munt Bau­man e di sua mo­glie Alek­san­dra, in­na­mo­ra­ti­si a ot­tant’an­ni do­po la per­di­ta dei lo­ro ri­spet­ti­vi com­pa­gni. Al­la ba­se del li­bro, il ter­zo di una tri­lo­gia che com­pren­de «So­lo ba­ga­gli a ma­no» e «Co­rag­gio!», an­che l’espe­rien­za per­so­na­le che ha por­ta­to Ro­ma­gno­li a spo­sar­si a 54 an­ni, nel 2014, con la col­le­ga gior­na­li­sta Pao­la Sa­luz­zi. «Quan­do hai vent’an­ni —os­ser­va lo scrit­to­re — e una re­la­zio­ne non fun­zio­na puoi in­ter­rom­per­la, ma an­dan­do avan­ti diventi più cau­to. Leg­ge­vo di Mo­ni­ca Bel­luc­ci che, do­po due di­vor­zi, sul nuo­vo compagno di­ce­va che si fa­ce­va mol­te do­man­de pri­ma di pro­se­gui­re. Nel mio ca­so se a 54 an­ni fai una co­sa è per­ché ci cre­di dav­ve­ro». Per spie­ga­re i ca­si, sem­pre più fre­quen­ti, di se­pa­ra­zio­ni do­po un so­lo an­no, Ro­ma­gno­li ri­cor­re al­la di­spo­ni­bi­li­tà del mer­ca­to: «Og­gi il mer­ca­to dei sen­ti­men­ti ha un’of­fer­ta enor­me e quin­di di­ven­ta tut­to più sem­pli­ce. An­che i di­vor­zi so­no me­no com­pli­ca­ti e co­sto­si di un tem­po e que­sto au­men­ta la ten­ta­zio­ne di an­da­re in al­tre di­re­zio­ni». Ro­ma­gno­li, che ha vis­su­to un po’ in tut­to il mon­do e van­ta ven­tot­to tra­slo­chi al­le spal­le, ha un rapporto com­ples­so con la sua cit­tà d’ori­gi­ne. «So­no cre­sciu­to in una Bologna — ri­ve­la — che era nel suo mo­men­to mi­glio­re, tra gial­li­sti, ar­ti­sti, Dal­la e Guc­ci­ni. Era una cit­tà più so­la­re, con bat­tu­te e iro­nia, una cit­tà la­bo­ra­to­rio. Og­gi mi sem­bra un po’ per­ples­sa, in­vec­chia­ta, se­du­ta. E in­ve­ce bi­so­gna an­che ave­re il co­rag­gio di sbagliare, al­tri­men­ti si fi­ni­sce co­me Ro­ma, do­ve per pau­ra or­mai non si fa più nien­te e la cit­tà muo­re.

Ga­brie­le Ro­ma­gno­li e la copertina del suo li­bro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.