Il Bo­lo­gna a Ve­ro­na per i tre pun­ti

In­za­ghi al­la vi­gi­lia del­la ga­ra con il Chie­vo: «I tre pun­ti sa­reb­be­ro fon­da­men­ta­li per chiu­de­re il cer­chio e af­fron­ta­re la so­sta con più se­re­ni­tà»

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - di Ales­san­dro Mos­si­ni

Non chia­ma­te­la ul­ti­ma spiag­gia. Non per il Bo­lo­gna, al­me­no. L’odier­na sfi­da sul cam­po del Chie­vo re­sta de­li­ca­ta, spe­cie in una gior­na­ta in cui si af­fron­ta­no an­che Em­po­li e Udi­ne­se nei bas­si­fon­di del­la clas­si­fi­ca, ma Fi­lip­po In­za­ghi spo­sta la pres­sio­ne in ca­sa ve­ro­ne­se, vi­sti i 10 pun­ti da re­cu­pe­ra­re per i gial­lo­blù di Ven­tu­ra. «A 26 gior­na­te dal­la fi­ne non c’è nul­la di de­ci­si­vo per noi — sot­to­li­nea — men­tre lo è per i no­stri av­ver­sa­ri. Noi non sia­mo all’ul­ti­ma spiag­gia, co­sa com­por­te­rà es­ser­lo per lo­ro non lo so». Que­sto pe­rò non vuol di­re che i tre pun­ti non sia­no fon­da­men­ta­li per il Bo­lo­gna, an­zi. La ga­ra del Ben­te­go­di è una di quel­le da vin­ce­re e il tec­ni­co del Bo­lo­gna non si na­scon­de: «I tre pun­ti con­ta­no e do­po le ul­ti­me due par­ti­te in cui do­ve­va­mo por­ta­re a ca­sa quat­tro pun­ti e ne ab­bia­mo rac­col­to so­lo uno sa­reb­be­ro fon­da­men­ta­li per chiu­de­re il cer­chio e af­fron­ta­re la so­sta con più se­re­ni­tà. Chi mi co­no­sce sa che gio­co ogni ga­ra per vin­ce­re, io guar­do an­che le pre­sta­zio­ni ma all’ester­no con­ta­no i tre pun­ti, la squa­dra ne ha bi­so­gno e an­che la clas­si­fi­ca». In­za­ghi dal can­to suo bat­te più vol­te sul ta­sto di un Bo­lo­gna che ha rac­col­to me­no dei pro­pri me­ri­ti, di­stri­buen­do ca­rez­ze al suo grup­po nel no­me di quel­la po­si­ti­vi­tà che è or­mai un man­tra a Ca­stel­de­bo­le. «Ora non ci sta an­dan­do be­ne nul­la — spie­ga Su­per­pip­po — pe­rò non cre­do a for­tu­na e sfor­tu­na: so­no rea­li­sta, se de­vo es­se­re cat­ti­vo con i miei gio­ca­to­ri lo so­no ma fin qui non han­no me­ri­ta­to che lo fos­si. Vi­sto che sie­te mol­to at­ten­ti ai da­ti, l’Ata­lan­ta nel­le due ga­re pri­ma di noi ha avu­to 20 oc­ca­sio­ni da gol, con noi due». Le sta­ti­sti­che di Le­ga Cal­cio ne ri­por­ta­no set­te, ma

Le mo­ti­va­zio­ni Chi mi co­no­sce sa be­ne che gio­co ogni par­ti­ta per far­ce­la, all’ester­no con­ta­no i tre pun­ti: la squa­dra ne ha bi­so­gno

tant’è. L’abi­tu­di­ne ros­so­blù a ve­de­re il bic­chie­re mez­zo pie­no è or­mai no­ta, ma sull’on­da del­le ul­ti­me ga­re il tec­ni­co man­da mes­sag­gi po­si­ti­vi: «La squa­dra è in cre­sci­ta co­stan­te quin­di so­no se­re­no, tran­quil­lo e fi­du­cio­so. Ho fat­to ri­ve­de­re al­la squa­dra la par­ti­ta con­tro l’Ata­lan­ta per mo­strar­gli ciò che han­no fat­to, so­no an­co­ra più con­vin­to del­la gran­de ga­ra che ab­bia­mo di­spu­ta­to, con un pri­mo tem­po straor­di­na­rio. Spi­ri­to e vo­glia ci so­no, sia­mo sul­la stra­da giu­sta». An­che per que­sto In­za­ghi bol­la co­me «pre­ma­tu­ro» ogni di­scor­so di mer­ca­to, aspet­tan­do il rien­tro di Don­sah: ie­ri il gha­ne­se ha gio­ca­to 90 mi­nu­ti con la Pri­ma­ve­ra vit­to­rio­sa 2-1 sul Cit­ta­del­la, per re­cu­pe­ra­re con­di­zio­ne. «È fon­da­men­ta­le per il mio gio­co — evi­den­zia In­za­ghi — ma sen­te an­co­ra qual­che do­lo­re a cal­cia­re, il suo in­for­tu­nio è com­pli­ca­to an­che dal pun­to di vi­sta psi­co­lo­gi­co. Do­po la so­sta ria­vrò tut­ti». In­tan­to l’al­le­na­to­re si coc­co­la quel­li che ha di­spen­san­do com­pli­men­ti, da Pa­la­cio («Con­tro l’Ata­lan­ta, pur non es­sen­do stra­ri­pan­te, ha ge­ne­ra­to il pri­mo gol e ne ha sfio­ra­ti due») a Fal­ci­nel­li pas­san­do per De­stro («fa al­le­na­men­ti fan­ta­sti­ci»). Pa­ro­le buo­ne l’al­le­na­to­re ros­so­blù ne ha an­che per il col­le­ga Ven­tu­ra, sot­to­li­nean­do che è «un ot­ti­mo al­le­na­to­re che la­vo­ra mol­to sui piaz­za­ti e per noi gio­va­ni tec­ni­ci è sem­pre sta­to uno da se­gui­re», ma sen­za con­se­gnar­gli nes­sun van­tag­gio tat­ti­co: il mo­du­lo che use­rà og­gi il Bo­lo­gna re­sta am­man­ta­to di mistero. Un po’ per pre­tat­ti­ca e un po’ per le as­sen­ze dell’ul­ti­ma ora che han­no acui­to i dub­bi di In­za­ghi: il 3-5-2 ri­ma­ne l’as­set­to fa­vo­ri­to ma ie­ri nel­la ri­fi­ni­tu­ra Di­jks, do­po un’in­te­ra set­ti­ma­na in grup­po, ha avvertito un nuo­vo do­lo­re al mu­sco­lo che lo ave­va co­stret­to a tre ga­re di stop. L’olan­de­se è out quin­di re­sta­no so­lo Mbaye e Kre­j­ci co­me ester­ni a tut­ta fa­scia, vi­sta la per­du­ran­te as­sen­za di Mat­tiel­lo: è l’en­ne­si­mo in­top­po mu­sco­la­re (Da­ni­lo è con­vo­ca­to, ma non al me­glio) che all’ul­ti­mo po­treb­be an­che cam­bia­re i pia­ni tat­ti­ci del tec­ni­co, con l’ipo­te­si 4-3-3 che re­sta vi­va. Ven­tu­ra fa la con­ta de­gli in­di­spo­ni­bi­li. È dav­ve­ro il ca­so di dir­lo: si sal­vi chi può.

Il grup­po La squa­dra è in cre­sci­ta, quin­di so­no se­re­no, tran­quil­lo e fi­du­cio­so Lo spi­ri­to e la vo­glia ci so­no, cre­do che sia­mo sul­la stra­da giu­sta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.