Il po­sto di bloc­co, la fu­ga e lo schian­to con il Suv del pa­pà: muo­io­no due ra­gaz­zi

Ar­ge­la­to, con­trol­lo dei ca­ra­bi­nie­ri do­po la di­sco­te­ca I fa­mi­lia­ri: «Era­no bra­vi fi­gli, non li giu­di­ca­te»

Corriere di Bologna - - PRIMO PIANO - Ma­ria Cen­tuo­ri © RIPRODUZIONE RISERVATA

Non era la pri­ma vol­ta che per­cor­re­va­no quel­la stra­da. Via Ma­sche­ri­no è una del­le scor­cia­to­ie del­la Bas­sa tra Bo­lo­gna e Fer­ra­ra che chi è cre­sciu­to in quel­le zo­ne per­cor­re so­prat­tut­to nei fi­ne set­ti­ma­na da San Gior­gio in Pia­no fi­no a Cen­to. Ma ie­ri mat­ti­na, po­co do­po le 4.30, in una di quel­le cur­ve si so­no fer­ma­te per sem­pre le gio­va­ni vi­te di Anas e Pie­tro, due ami­ci ap­pe­na 19en­ni di Pie­ve di Cen­to, che im­pau­ri­ti per un po­sto di bloc­co dei ca­ra­bi­nie­ri han­no fat­to in­ver­sio­ne e so­no scap­pa­ti via. Una fu­ga du­ra­ta ap­pe­na tre chi­lo­me­tri fi­no al­la cur­va vi­ci­no al­la fra­zio­ne For­tu­na do­ve Anas, pro­ba­bil­men­te per la for­te ve­lo­ci­tà e per la po­ca espe­rien­za al­la gui­da, ha per­so il con­trol­lo del Ran­ge Ro­ver gri­gio di suo pa­dre. Lo schian­to non ha la­scia­to scam­po a nes­su­no dei due, so­no mor­ti sul col­po. L’au­to si è schian­ta­ta con­tro un pa­lo dell’il­lu­mi­na­zio­ne, l’im­pat­to è sta­to co­sì for­te che nel­le ca­se vi­ci­ne è an­da­ta via la lu­ce.

Co­sa ab­bia spin­to Anas Fou­ka­hi a ri­schia­re tan­to non è chia­ro. E for­se non lo sa­rà mai. Ie­ri le sal­me dei due ra­gaz­zi so­no sta­te ri­con­se­gna­te dall’au­to­ri­tà giu­di­zia­ria al­le ri­spet­ti­ve fa­mi­glie. Non è sta­ta di­spo­sta l’au­top­sia. Tut­ta la di­na­mi­ca del re­sto è estre­ma­men­te chia­ra: han­no per­so il con­trol­lo di quell’au­to che al­tre vol­te Anas ave­va chie­sto al suo pa­pà. Quel che è cer­to è che i due ve­ner­dì se­ra con la lo­ro com­pa­gnia di ami­ci han­no de­ci­so di tra­scor­re­re una se­ra­ta al Win­ta­ge Mu­sic Club di via dell’In­du­stria ad Ar­ge­la­to. Tra l’al­tro quel­la di ve­ner­dì era la se­ra­ta d’inau­gu­ra­zio­ne del­la sta­gio­ne au­tun­na­le, un even­to af­fol­la­to di ra­gaz­zi po­co più che di­ciot­ten­ni. A po­chi me­tri una pat­tu­glia dei ca­ra­bi­nie­ri del­la sta­zio­ne di San Gior­gio di Pia­no sta­va ef­fet­tuan­do un po­sto di bloc­co, uno dei nor­ma­li con­trol­li sul­le stra­de per il fi­ne set­ti­ma­na. Ma a 200 me­tri dall’alt, Anas ha fre­na­to bru­sca­men­te, ha fat­to un’in­ver­sio­ne e do­po aver tam­po­na­to una Ford Fie­sta che era par­cheg­gia­ta lì vi­ci­no è fug­gi­to via per­den­do­si tra i ca­pan­no­ni del­le fab­bri­che di Ar­ge­la­to.

I ca­ra­bi­nie­ri non han­no nean­che avu­to il tem­po di pren­de­re il nu­me­ro del­la tar­ga, e quan­do so­no sa­li­ti sul­la lo­ro fiat Pun­to di ser­vi­zio han­no ten­ta­to un in­se­gui­men­to, ma in­va­no per­ché il Suv si era di­le­gua­to fi­nen­do la sua cor­sa con­tro un pa­lo del­la lu­ce. Un schian­to vio­len­tis­si­mo che ha sve­glia­to i vi­ci­ni di ca­sa. I ca­ra­bi­nie­ri so­no ar­ri­va­ti po­co do­po, c’era an­che un agri­col­to­re che si era pre­ci­pi­ta­to in stra­da per il ru­mo­re, ma i sa­ni­ta­ri del 118 non han­no po­tu­to fa­re al­tro che con­sta­ta­re il de­ces­so dei due ra­gaz­zi. I vi­gi­li del fuo­co con non po­che dif­fi­col­tà han­no li­be­ra­to i cor­pi di Anas e Pie­tro dal­le la­mie­re del Rang Ro­ver.

Re­sta­no lo stra­zio in­di­ci­bi­le del­le fa­mi­glie e le do­man­de. Tra le ipo­te­si de­gli in­ve­sti­ga­to­ri sul mo­ti­vo del­la fu­ga c’è quel­la per cui Anas, neo­pa­ten­ta­to, sa­pen­do di es­se­re al­la gui­da di una mac­chi­na di gros­sa ci­lin­dra­ta che non avreb­be po­tu­to gui­da­re, sia fug­gi­to per non su­bi­re con­se­guen­ze. Op­pu­re la pos­si­bi­li­tà di un bic­chie­re di trop­po e il ti­mo­re di es­se­re sot­to­po­sto al con­trol­lo da par­te dei ca­ra­bi­nie­ri. Co­sa sia suc­ces­so in quei po­chi at­ti­mi tor­men­ta an­che gli ami­ci che fi­no a qual­che ora pri­ma era­no con lo­ro. Non rie­sco­no a far­se­ne una ra­gio­ne. Ie­ri per tut­ta la gior­na­ta non han­no la­scia­to per un se­con­do la ca­me­ra mor­tua­ria dell’ospe­da­le di Ben­ti­vo­glio do­ve so­no sta­ti por­ta­ti i cor­pi di Anas e di Pie­tro. «Era­va­mo in­sie­me fi­no a qual­che ora pri­ma — rac­con­ta com­mos­so un ami­co — sia­mo an­da­ti a bal­la­re tut­ti in­sie­me, for­se ave­va­no be­vu­to. Non ci pos­so cre­de­re». Pre­fe­ri­sce non par­la­re e si sfo­ga in un pian­to un’al­tra ami­ca, sor­ret­ta da al­tri due ra­gaz­zi. Tut­ti po­co più che 18en­ni.

Il si­len­zio è in­ter­rot­to so­lo dal­lo stra­zio dei fa­mi­lia­ri tra i pian­ti e le ur­la per quei due ra­gaz­zi an­da­ti via trop­po pre­sto. Da una par­te i pa­ren­ti cam­pa­ni di Pie­tro, dall’al­tro quel­li ma­roc­chi­ni di Anas. Due fa­mi­glie di cul­tu­re e tra­di­zio­ni ori­gi­na­rie dif­fe­ren­ti che ne­gli ul­ti­mi 19 an­ni pe­rò han­no vis­su­to al­lo stes­so mo­do nel­la pro­vin­cia bo­lo­gne­se. In mo­do sem­pli­ce, tra­scor­ren­do i po­me­rig­gi fuo­ri dai ban­chi di scuo­la sul­le pan­chi­ne, nei cen­tri crea­ti­vi, ne­gli ora­to­ri o nel­le pa­le­stre. Pra­ti­can­do al­cu­ne di­sci­pli­ne, co­me ha fat­to Anas Fou­ka­hi mol­to bra­vo nel­lo Ju Ji­tsu, col­ti­van­do gran­di pas­sio­ni co­me quel­la di Pie­tro De Mat­teis che fa­ce­va il mu­ra­to­re ma vo­le­va di­ven­ta­re un gran­de ta­tua­to­re. Il tut­to aspet­tan­do il fi­ne set­ti­ma­na per l’usci­ta se­ra­le con gli ami­ci di sem­pre, in uno dei lo­ca­li che rac­co­glie tut­ti i gio­va­ni del­la Bas­sa. E so­no pro­prio le fa­mi­glie di Anas e Pie­tro a ri­cor­da­re i lo­ro fi­gli: «Ma co­sa ne san­no gli al­tri di Anas, noi lo ab­bia­mo vi­sto cre­sce­re — rac­con­ta pro­va­ta al­le al­tre don­ne con il ve­lo fuo­ri dal­la ca­me­ra mor­tua­ria una pa­ren­te del 19enne al­la gui­da del Suv —. È sem­pre sta­to at­ten­to al­la gui­da. Sem­pre edu­ca­to, chie­de­va sem­pre di po­ter gui­da­re, avrà avu­to pau­ra per la pro­pria pa­ten­te ma non per que­sto va giu­di­ca­to». Anas e Pie­tro ave­va­no en­tram­bi una fi­dan­za­ta, e quel­la di Pie­tro ie­ri è sta­ta tut­to il tem­po ran­nic­chia­ta su se stes­sa: «Non pos­so cre­der­ci, che ora sia qui per sa­lu­tar­lo l’ul­ti­ma vol­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.