La Vir­tus ri­ce­ve Can­tù: Sa­cri­pan­ti: «Per noi è una ga­ra im­por­tan­te»

Corriere di Bologna - - SPORT - Lu­ca Aqui­no © RIPRODUZIONE RISERVATA

Già vi­ste fe­steg­gia­re Cre­mo­na e Mi­la­no, og­gi la Vir­tus cer­ca di in­fran­ge­re il ta­bù Pa­laDoz­za per evi­ta­re di en­tra­re nel­la sto­ria dal­la par­te sba­glia­ta. So­la­men­te nel 1940, in­fat­ti, i bian­co­ne­ri han­no per­so le pri­me tre ga­re di cam­pio­na­to in ca­sa e il 1980 è l’uni­co al­tro ca­so di dop­pio stop con­se­cu­ti­vo. Scol­li­na­to un pri­mo ter­zo di an­da­ta da bri­vi­di, con le sfi­de al­le pri­me tre del­la clas­si­fi­ca, og­gi la Se­ga­fre­do si mi­su­ra con Can­tù (ore 17.30, di­ret­ta Eu­ro­sport 2). Par­ti­ta im­por­tan­te per­ché ora la Vir­tus de­ve ri­met­ter­si in mo­to per an­da­re a cac­cia, nel­le pros­si­me die­ci ga­re, del­la qua­li­fi­ca­zio­ne al­la Fi­nal Eight di Cop­pa Ita­lia. I brian­zo­li han­no una vit­to­ria in più — tre con­to due — e que­sto è già uno scon­tro di­ret­to mol­to im­por­tan­te. «Sa­rei ipo­cri­ta se di­ces­si che sia­mo sta­ti for­tu­na­ti – sot­to­li­nea il coa­ch Sa­cri­pan­ti (nel­la fo­to) —. Que­sto ini­zio ha pe­rò da­to se­re­ni­tà e con­vin­zio­ne sul no­stro la­vo­ro, ren­den­do chiari i vuo­ti da col­ma­re e i pun­ti di for­za. Non sia­mo in con­di­zio­ni ot­ti­ma­li, ma an­che que­sto può dar­ci for­za se sa­re­mo bra­vi a co­glie­re le oc­ca­sio­ni. Io ho do­di­ci gio­ca­to­ri e nes­su­no di que­sti de­ve an­da­re sot­to il 6 in pagella. Non mi in­te­res­sa­no par­ti­te mo­struo­se, dob­bia­mo es­se­re so­li­di e poi all’in­ter­no del si­ste­ma qual­cu­no sfog­ge­rà i col­pi da cam­pio­ne». Sa­cri­pan­ti parla di con­di­zio­ni non ot­ti­ma­li, ri­fe­ren­do­si all’as­sen­za di Kel­vin Mar­tin e a un Brian Qva­le an­co­ra non al me­glio. Il lun­go ame­ri­ca­no ie­ri è sta­to te­nu­to pre­cau­zio­nal­men­te a ri­po­so, ma og­gi sa­rà re­go­lar­men­te in cam­po. «C’è una ge­stio­ne più ocu­la­ta nei suoi con­fron­ti – di­ce Sa­cri­pan­ti -. Do­po il pri­mo stop l’ab­bia­mo trat­ta­to co­me un gio­ca­to­re nor­ma­le e ha avu­to una ri­ca­du­ta. Ades­so sia­mo più guar­din­ghi. Già tra Ve­ne­zia e Istan­bul si è vi­sto un mi­glio­ra­men­to: con la Reyer è an­da­to be­ne 6 mi­nu­ti e poi ha ti­ra­to dei li­be­ri sen­za qua­si ar­ri­va­re al fer­ro per­ché non riu­sci­va a ca­ri­ca­re. Col Be­sik­tas ha fat­to un net­to pas­so avan­ti, spe­ria­mo che que­sta ge­stio­ne sia giu­sta per tro­va­re un equi­li­brio de­fi­ni­ti­vo». Can­tù è una squa­dra con mol­to ta­len­to of­fen­si­vo, for­se po­co so­li­da ma si­cu­ra­men­te con pun­ti nel­le ma­ni. «Si­ste­ma con­tro in­di­vi­dua­li­tà: ci ser­vo­no ener­gia e du­rez­za. Can­tù è una squa­dra di gran­de ta­len­to, gio­ca­to­ri co­me Gai­nes, Mit­chell e Jef­fer­son pos­so­no cam­bia­re la par­ti­ta in ogni mo­men­to. Il no­stro pia­no è chia­ro: es­se­re bra­vi a con­trol­la­re il rit­mo di ga­ra fa­cen­do quel­lo che sap­pia­mo fa­re, li­mi­tan­do le lo­ro in­di­vi­dua­li­tà. L’emo­zio­ne? C’è sem­pre, a Can­tù so­no na­to e cre­sciu­to, abi­to lì e non pos­so fa­re quel­lo che è in­dif­fe­ren­te. Ora pe­rò so­no con­cen­tra­to su di noi, è una par­ti­ta mol­to im­por­tan­te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.