For­ti­tu­do a Pia­cen­za per in­fi­la­re la set­ti­ma vit­to­ria del­la sta­gio­ne

Corriere di Bologna - - SPORT - En­ri­co Schia­vi­na © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mar­cia im­bat­tu­ta e im­bat­tu­ta vuol re­sta­re, la For­ti­tu­do che og­gi a Pia­cen­za pro­va ad in­fi­la­re la set­ti­ma per­la nel­la col­la­na del suo tra­vol­gen­te ini­zio di cam­pio­na­to. Un me­se e mez­zo di A2 bat­ten­do più o me­no net­ta­men­te tut­ti, gran­di e pic­co­le, pos­so­no fa­cil­men­te far pen­sa­re che quel­lo di og­gi sia un im­pe­gno di rou­ti­ne, e pro­ba­bil­men­te è que­sta la ve­ra trap­po­la da evi­ta­re per An­ti­mo Mar­ti­no (nel­la fo­to) e la sua squa­dra: sen­tir­si or­mai im­bat­ti­bi­li. «E’ l’er­ro­re che non dob­bia­mo fa­re — di­ce lui — e su cui ho bat­tu­to du­ran­te la set­ti­ma­na. Evi­tan­do ad esem­pio un ap­proc­cio sba­glia­to co­me quel­lo del­la scor­sa par­ti­ta con Mantova».Ap­pu­ra­to che tec­ni­ca­men­te que­sta Ef­fe per l’A2 non te­me con­fron­ti, la sua for­za men­ta­le a que­sto pun­to è la chia­ve di tut­to. Ve­nu­ta fuo­ri be­ne dai po­chi mo­men­ti di dif­fi­col­tà vis­su­ti fi­no­ra, co­me ap­pun­to il -11 a 13 mi­nu­ti dal­la fi­ne con­tro Mantova, la sta­gio­ne po­treb­be de­ci­der­si nel­la sua ca­pa­ci­tà di te­ne­re al­ta la con­cen­tra­zio­ne nel­le par­ti­te sul­la car­ta me­no sti­mo­lan­ti: in ar­ri­vo ce ne so­no pa­rec­chie, pra­ti­ca­men­te tut­te quel­le da qui a Na­ta­le esclu­sa quel­la di do­me­ni­ca pros­si­ma con­tro Mon­te­gra­na­ro, in tra­sfer­ta. «Ma la ten­sio­ne dob­bia­mo es­se­re bra­vi noi a man­te­ner­la al­ta, per non per­de­re pun­ti per stra­da. Di cer­to con que­ste sei vit­to­rie ab­bia­mo fat­to il pie­no di fi­du­cia e que­ste cer­tez­ze nes­su­no ce le to­glie più, ora pe­rò sta a noi non fa­re er­ro­ri. Sia­mo più for­ti di Pia­cen­za, pe­rò dob­bia­mo di­mo­strar­lo in cam­po» di­ce il coa­ch La­vo­ro­più. Co­strui­ta per in­se­gui­re una co­mo­da sal­vez­za, que­sta Pia­cen­za — da non con­fon­de­re con l’al­tra, la Ba­ke­ry, che al mo­men­to sta un po’ me­glio — non sem­bre­reb­be ave­re l’at­trez­za­tu­ra per fer­ma­re la ca­po­li­sta. Al Pa­laBan­ca (ore 18, di­ret­ta Trc e strea­ming Lnp-pass), do­ve gli spa­zi so­no am­pi, il cli­ma so­li­ta­men­te tie­pi­do ed è fa­ci­le pre­ve­de­re che si sen­ta più la Fos­sa che il ti­fo di ca­sa, l’As­si­ge­co fi­no­ra ha vin­to una vol­ta so­la su tre, e in tut­to 2 par­ti­te su 6. Pe­rò se­gna tan­to, 84.0 di me­dia, se­con­da nel gi­ro­ne so­lo al­la stes­sa For­ti­tu­do (86.8), no­no­stan­te il mo­de­sto 34% da tre. Il quin­tet­to è di buon li­vel­lo, con 3 ita­lia­ni col­lau­da­ti, Sa­ba­ti­ni, For­men­ti e Ihe­dio­ha, e 2 stra­nie­ri ben in­se­ri­ti, l’ester­no Mur­ry e il lun­go Ogi­de. Dal­la pan­chi­na (Pic­co­li, An­tel­li, Van­ge­lov, Tu­ri­ni) c’è pe­rò po­co da at­tin­ge­re per Cec­ca­rel­li, coa­ch gio­va­ne ma bril­lan­te, che Mar­ti­no ha avu­to co­me as­si­sten­te a Ra­ven­na. L’As­si­ge­co pe­rò ha vin­to a Ve­ro­na, se l’è gio­ca­ta in ca­sa con Udi­ne, in­som­ma in cer­te se­ra­te può es­se­re pe­ri­co­lo­sa. «E poi so­no ag­gres­si­vi, le pro­va­no sem­pre tut­te, e con­tro di noi gio­che­ran­no leg­ge­ri, con po­co da per­de­re e tut­to da gua­da­gna­re», con­clu­de Mar­ti­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.