Mar­co, il ra­gaz­zo do­wn che fa le­zio­ne sul bul­li­smo

Il suo inno rap per i ra­gaz­zi

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Ble­sio

Il rap­per Mar­co Ba­ruf­fal­di, au­to­re di una can­zo­ne an­ti-bul­li­smo che spo­po­la su You­Tu­be, è sta­to ospi­te del­le scuo­le me­die Ir­ne­rio in via San­te Vin­cen­zi: la sua le­zio­ne è sta­ta mol­to ap­prez­za­ta da­gli stu­den­ti.

Mar­co can­ta. Lo ha fat­to su you tu­be, rac­co­glien­do mi­glia­ia di vi­sua­liz­za­zio­ni. E an­che sul pal­co di «Tu si que va­les», in­cas­san­do il con­sen­so del pub­bli­co e un duet­to a sor­pre­sa con il suo ido­lo J-Ax. Mar­co ha mes­so in mu­si­ca la sua sto­ria. Il suo rap Sia­mo di­ver­si tra noi è un inno con­tro il bul­li­smo, con cui que­sto ta­len­tuo­so 23en­ne af­fet­to da sin­dro­me di Do­wn ha do­vu­to fa­re i con­ti al­le scuo­le me­die. Ora por­ta in gi­ro per l’Ita­lia la sua mu­si­ca e la sua sto­ria, con l’obiet­ti­vo di aiu­ta­re al­tri ra­gaz­zi a de­nun­cia­re gli at­ti di bul­li­smo di cui so­no vit­ti­me o te­sti­mo­ni.

Il suo co­rag­gio è con­ta­gio­so. La pro­va è in una mat­ti­na­ta tra­scor­sa nel­la suc­cur­sa­le del­le scuo­le me­die Ir­ne­rio in via San­te Vin­cen­zi. I ra­gaz­zi del­la pri­ma, del­la se­con­da e del­la ter­za F, guar­da­no at­ten­tis­si­mi i suoi vi­deo. Nul­la li di­strae. Ascol­ta­no Mar­co che rac­con­ta le vio­len­ze su­bi­te. «Fin da pic­co­lo so­no sta­to vit­ti­ma di bul­li­smo, mal­trat­ta­to bru­tal­men­te», attacca. E poi de­scri­ve i cal­ci in fac­cia, le scar­pe riem­pi­te di pi­pì, le sber­le e le mi­nac­ce ri­ce­vu­te da al­cu­ni ra­gaz­zi­ni ma an­che da un in­se­gnan­te. «At­tra­ver­so la mia mu­si­ca vor­rei dif­fon­de­re la co­no­scen­za del bul­li­smo a più per­so­ne pos­si­bi­le co­sì che pos­sa­no rea­gi­re e di­fen­der­si», spie­ga.

La pla­tea se­du­ta nel­la pa­le­stra del­la scuo­la ha l’età che ave­va Mar­co quan­do ha do­vu­to sop­por­ta­re quel­le vio­len­ze. È il mo­men­to del­le do­man­de. Le ma­ni si al­za­no ve­lo­ci e nu­me­ro­se. «Nes­sun compagno di clas­se ti ha aiu­ta­to?», «Quei bul­li so­no an­co­ra in cir­co­la­zio­ne?», «Ti so­no mai ar­ri­va­te le scu­se?», «Co­me hai fat­to a rac­con­tar­lo?», «Co­me sta­vi men­tre ti bul­liz­za­va­no?», «Co­me hai fat­to a rial­zar­ti?». La ma­gia dell’in­con­tro pro­po­sto da due mam­me del­la se­con­da, ge­sti­to dal­la pro­fes­so­res­sa d’Ita­lia­no Ce­ci­lia Caz­za­ni­ga e vo­lu­to dal­la di­ri­gen­te Ales­san­dra Ca­ne­pa che lo re­pli­che­rà an­che in via Fi­nel­li, è quel­lo che ac­ca­de do­po un’oret­ta di do­man­de e ri­spo­ste. Si al­za un ra­gaz­zi­no e di­ce: «An­che a me è suc­ces­sa una brut­ta co­sa». An­che la sua è una sto­ria di bul­li­smo e di bot­te. È una fe­ri­ta che an­co­ra bru­cia, ben­ché in­fer­ta an­ni pri­ma. Non è il so­lo ad ave­re qual­co­sa da ri­ve­la­re. Le do­man­de a Mar­co si me­sco­la­no quin­di ad al­tre sto­rie di sof­fe­ren­za, qua­si tut­te rie­mer­go­no da­gli an­ni del­le ele­men­ta­ri. Pu­re in pla­tea c’è chi rac­con­ta di bot­te. Di esclu­sio­ni. Di «pa­ro­le che a vol­te fan­no più ma­le de­gli schiaf­fi». E ar­ri­va­no le la­cri­me. Di di chi ascol­ta e di chi rac­con­ta. Mar­co si al­za e li ab­brac­cia. Lui sa co­sa pro­va­no. E lo­ro san­no che lui sa. Ec­co la ma­gia di Mar­co: il suo co­rag­gio dà co­rag­gio. «È una ca­tar­si» com­men­ta a bas­sa vo­ce un’in­se­gnan­te.

Pa­pà Ar­nal­do Ba­ruf­fal­di, che lo se­gue sem­pre, ci par­la di un’agen­da fit­tis­si­ma, tra ap­pun­ta­men­ti nel­le scuo­le ed esi­bi­zio­ni mu­si­ca­li. «Spe­ro di es­se­re qual­cu­no che può sal­va­re qual­cun al­tro», ave­va det­to nel vi­deo di­ven­ta­to poi vi­ra­le, Mar­co. Stan­do all’espe­rien­za del­le Ir­ne­rio sem­bra es­se­re sul­la buo­na stra­da.

At­ten­ti

Gli stu­den­ti del­la se­zio­ne «F» del­le scuo­le me­die Ir­ne­rio nel­la suc­cur­sa­le di via San­te Vin­cen­zi (IC6) di Bo­lo­gna

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.