È all’Eu­ro­pa­vox

Da sta­se­ra al Co­mu­na­le band da tut­to il con­ti­nen­te

Corriere di Bologna - - TEMPO LIBERO - An­drea Tin­ti © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Tor­na il fe­sti­val Eu­ro­pa­vox or­ga­niz­za­to dall’Estra­gon nel­la pre­sti­gio­sa cor­ni­ce del Tea­tro Co­mu­na­le. Sa­rà una due gior­ni (sta­se­ra e do­ma­ni, 15 eu­ro a se­ra­ta) de­di­ca­ta al­la mu­si­ca del Vec­chio Con­ti­nen­te.

Il fe­sti­val na­to in Fran­cia nel 2006, qua­si su­bi­to si è de­cli­na­to in al­tre na­zio­ni e per l’Ita­lia la sua uni­ca ba­se è pro­prio Bo­lo­gna. Pen­sa­re al car­tel­lo­ne ar­ti­sti­co del­la due gior­ni non de­ve es­se­re sta­ta una im­pre­sa sem­pli­ce: «Ci so­no due pia­ni di la­vo­ro. Uno è de­di­ca­to al­la ri­cer­ca, l’al­tro è le­ga­to all’os­ser­va­zio­ne», spie­ga al Cor­rie­re di Bo­lo­gna il di­ret­to­re ar­ti­sti­co Pa­squa­le Pez­zil­lo che ha ag­giun­to: «Non è un la­vo­ro per­so­na­le ma di un team. È un con­fron­to a tut­to ton­do, che tie­ne in con­si­de­ra­zio­ne di­ver­si cri­te­ri e pa­ra­me­tri. L’obiet­ti­vo non è quel­lo di at­ti­ra­re un cer­to nu­me­ro di per­so­ne con un pro­dot­to di si­cu­ro ef­fet­to com­mer­cia­le ma cer­ca­re di of­fri­re del­la bel­lez­za, an­da­re ol­tre la so­li­ta equa­zio­ne che va­le so­lo ciò che ren­de. Nel­la gior­na­ta di do­ma­ni ab­bia­mo pen­sa­to ad una cur­va si­nu­soi­da­le nel co­strut­to este­ti­co, par­ten­do con un cer­to ti­po di raf­fi­na­tez­za per ar­ri­va­re al cul­mi­ne nel cuo­re del­la se­ra­ta con i bo­lo­gne­si Al­tre di B, che so­no i lo­cal he­ro e poi ri­tor­na­re nell’elet­tro­ni­ca più cu­pa di Lyd­mor e chiu­de­re con Kia­smons, che ci re­ga­le­rà un dj set».

Scor­ren­do il lun­go elen­co de­gli ar­ti­sti coin­vol­ti, dall’Islan­da al­la Rus­sia, pas­san­do per Gre­cia, Li­tua­nia o Gran Bre­ta­gna si ri­ma­ne col­pi­ti dal­la sfac­cet­ta­tu­ra del­le pro­po­ste mu­si­ca­li. Vo­len­do si po­treb­be pen­sa­re ad una gior­na­ta più elet­tro­ni­ca (sta­se­ra) ed una più indie (do­ma­ni): «Se vo­glia­mo es­se­re co­sì raf­fi­na­ti nell’ana­li­si di­cia­mo che è ca­pi­ta­to, non c’era un di­se­gno spe­ci­fi­co per di­vi­de­re le due gior­na­te. Nel­la pri­ma ab­bia­mo quat­tro ar­ti­sti e uti­liz­ze­re­mo so­lo il foyer “Re­spi­ghi”, men­tre do­ma­ni use­re­mo tut­ti e due i pia­ni del tea­tro, “Re­spi­ghi” e “Ros­si­ni”, un espe­ri­men­to che ab­bia­mo fat­to l’an­no scor­so ed è ri­sul­ta­to vin­cen­te». Con co­sì tan­ti ar­ti­sti in car­tel­lo­ne può an­che es­ser­ci il di­spia­ce­re di non es­se­re riu­sci­ti a coin­vol­ge­re qual­cu­no: «Un gran­de ram­ma­ri­co è quel­lo di non aver po­tu­to ave­re Te­ho Tear­do». Dal ram­ma­ri­co all’en­tu­sia­smo di ave­re un no­me im­por­tan­te: «Sce­glie­re un ar­ti­sta piut­to­sto che un al­tro mi met­te in dif­fi­col­tà, per­ché tut­ti me­ri­ta­no di es­se­re pre­sen­ti al fe­sti­val. Di­cia­mo che Dou­glas Da­re è un no­me di pun­ta, non di que­sto fe­sti­val ma del­la sce­na in­ter­na­zio­na­le».

La mu­si­ca «al­tra» en­tra in un luo­go so­li­ta­men­te de­pu­ta­to al­la mu­si­ca col­ta: «Non ab­bia­mo la sen­sa­zio­ne di pro­fa­na­re un tea­tro, sim­bo­lo di una cul­tu­ra al­ta ma di ce­le­brar­lo, ac­co­glien­do una sor­ta di pas­sag­gio che la cul­tu­ra con­ce­de ai nuo­vi lin­guag­gi. Cre­do che il Tea­tro Co­mu­na­le sia fe­li­cis­si­mo di es­se­re brac­cia che ac­col­go­no lin­guag­gi co­sì dif­fe­ren­ti l’uno dall’al­tro». Per mag­gio­ri in­for­ma­zio­ni si può con­sul­ta­re il si­to www.estra­gon.it.

I no­mi So­pra Dou­glas Da­re, l’ar­ti­sta di pun­ta del­la due gior­ni al Tea­tro Co­mu­na­le. Can­tau­to­re in­gle­se, 28 an­ni, si di­stin­gue per le at­mo­sfe­re da vo­ce e pia­no mol­to in­ti­me. Nel­la fo­to pic­co­la gli Al­tre di B, band bo­lo­gne­se cul­to, che pro­fon­do­no ener­gia pu­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.