Il la­vo­ro c’è, i can­di­da­ti no Imprese e Cgil, duel­lo sui per­ché

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Ca­vi­na, Te­sta

Chi cer­ca la­vo­ro non lo tro­va e le imprese che as­su­ma­no fa­ti­ca­no e non po­co a tro­va­re fi­gu­re ido­nee. Se­con­do Aleot­ti di EOS­te­ch sul ter­ri­to­rio non ci so­no in­ge­gne­ri e pe­ri­ti suf­fi­cien­ti a co­pri­re il fab­bi­so­gno del­le tan­te azien­de me­tal­mec­ca­ni­che, so­prat­tut­to quel­le pic­co­le. Lun­ghi del­la Cgil in­di­vi­dua in­ve­ce un cor­to­cir­cui­to nell’in­con­tro tra do­man­da e of­fer­ta.

Lun­ghi, la Ca­me­ra di Com­mer­cio par­la di 20mi­la po­sti va­can­ti men­tre il rap­por­to Ires di un ral­len­ta­men­to dell’oc­cu­pa­zio­ne. Non è una con­trad­di­zio­ne?

«So­no an­ni che de­nun­cia­mo i due gran­di ef­fet­ti ne­ga­ti­vi del­la cri­si dal 2007 in poi: trop­pi giovani che fi­ni­sco­no le scuo­le o le uni­ver­si­tà e fan­no fa­ti­ca ad en­tra­re nel mon­do del la­vo­ro e gli over 45en­ni che so­no sta­ti espul­si del­le azien­de du­ran­te i pro­ces­si di ri­strut­tu­ra­zio­ne e che il tes­su­to in­du­stria­le non ha po­tu­to rias­sor­bi­re».

L’of­fer­ta di la­vo­ro non in­cro­cia più la do­man­da?

«Uno de­gli ele­men­ti che ha ral­len­ta­to la ca­pa­ci­tà di in­ter­cet­ta­re le fi­gu­re ne­ces­sa­rie alle no­stre imprese è sta­to il ral­len­ta­men­to del si­ste­ma di ri­col­lo­ca­men­to a cau­sa del rias­set­to isti­tu­zio­na­le col pas­sag­gio del­le com­pe­ten­ze dal­le ex Pro­vin­ce alle Re­gio­ne e che al­la fi­ne ha un po’ in­ges­sa­to la ge­stio­ne dei cen­tri per l’im­pie­go, uno stru­men­to in­ve­ce fon­da­men­ta­le per crea­re po­li­ti­che at­ti­ve del la­vo­ro ».

Espe­rien­ze po­si­ti­ve pe­rò da que­ste par­ti ci so­no...

«Il pro­get­to In­sie­me per il La­vo­ro crea­to in­sie­me al­la Cu­ria è un ot­ti­mo mo­del­lo e, tra­mi­te i cen­tri per l’im­pie­go, po­treb­be es­se­re este­so a tut­ti i di­soc­cu­pa­ti strut­tu­ra­li e pro­fi­lar­si co­me un mo­do per re­cu­pe­ra­re un de­fi­cit che c’è fra le ri­chie­ste che fan­no imprese che cor­teg­gia­no i giovani de­gli isti­tu­ti tec­ni­ci o pro­fes­sio­na­li già al quar­to anno di cor­so ma che non si ac­cor­go­no che tra i tan­ti 50en­ni espul­si dal la­vo­ro po­treb­be­ro es­ser­ci fi­gu­re che, con una ade­gua­ta for­ma­zio­ne, po­treb­be­ro es­se­re ri­qua­li­fi­ca­ti e ri­spon­de­re alle lo­ro esi­gen­ze. Non di­ven­te­ran­no

i mec­ca­tro­ni­ci ri­cer­ca­ti, ma pos­so­no da­re un con­tri­bu­to di qualità. Co­sì co­me i tan­ti pro­ta­go­ni­sti del­la co­sid­det­ta di­sper­sio­ne sco­la­sti­ca: ra­gaz­zi cioè che han­no ab­ban­do­na­to il per­cor­so di stu­di e che an­dreb­be­ro mo­ti­va­ti».

E pro­get­ti co­me Du­ca­ti for Edu­ca­tion?

«La ca­pa­ci­tà di fa­re squa­dra con le isti­tu­zio­ni e con scuo­le e Uni­ver­si­tà del­le gran­di imprese ec­cel­len­ti è una ot­ti­ma co­sa. Ma dovrebbe es­se­re imi­ta­ta an­che dal­le pic­co­le imprese. Plau­dia­mo ai 20 as­sun­ti ogni anno da Du­ca­ti fra i ra­gaz­zi che ven­go­no dal­le scuo­le, ma non pos­so­no ba­sta­re. La di­soc­cu­pa­zio­ne al 5% del no­stro ter­ri­to­rio è una del­le più bas­se di Ita­lia, ma non ce lo di­men­ti­chia­mo: noi ne­gli an­ni pre-cri­si viag­gia­va­no in­tor­no al 2%. Ne ab­bia­mo da re­cu­pe­ra­re».

Qua­le al­lo­ra la ri­cet­ta? «Ser­vi­reb­be un in­trec­cio for­te fra azien­de, scuo­le, Uni­ver­si­tà e i cen­tri per l’im­pie­go in mo­do da in­cro­cia­re il più pos­si­bi­le do­man­da e of­fer­ta e fa­re re­te».

Pun­ta­re sull’al­ter­nan­za scuo­la-la­vo­ro?

«Sì, ma de­ve es­se­re un’al­ter­nan­za scuo­la-la­vo­ro ve­ra, senza lo sfrut­ta­men­to del gio­va­ne che studia. Ne­gli an­ni 70 l’ap­pren­di­sta­to fun­zio­na­va e da­va una pro­spet­ti­va di tem­po in­de­ter­mi­na­to al gio­va­ne ap­pren­di­sta. Ora non si usa il giu­sto stru­men­to. Si pre­fe­ri­sco­no il la­vo­ro som­mi­ni­stra­to e i con­trat­ti a tem­po».

Le imprese la­men­ta­no di non es­se­re aiu­ta­te ad as­su­me­re...

«Le imprese ne­gli ul­ti­mi an­ni han­no ri­ce­vu­to mi­lio­ni di in­cen­ti­vi. Chi si de­ve la­men­ta­re è il la­vo­ra­to­re che pa­ga sem­pre più tas­se. L’87% dei nuo­vi con­trat­ti è a tem­po».

Il sin­da­ca­to co­sa può fa­re?

«Può met­ter­si a di­spo­si­zio­ne at­tra­ver­so il ta­vo­lo di sal­va­guar­dia che è in pie­di in Cit­tà me­tro­po­li­ta­na e che è un luo­go di con­cer­ta­zio­ne con l’obiet­ti­vo di crea­re le con­di­zio­ni per sal­va­guar­da­re le at­ti­vi­tà pro­dut­ti­ve e l’oc­cu­pa­zio­ne. Ci dob­bia­mo far tro­va­re pron­ti alle sfi­de del fu­tu­ro: in­du­stria 4.0, di­gi­ta­liz­za­zio­ne e ro­bo­ti­ca. Con l’ade­gua­ta for­ma­zio­ne so­no tan­ti po­ten­zia­li nuo­vi po­sti di la­vo­ro».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.