Lucarelli e gli ha­ter: «Bi­so­gna resistere alle pa­ro­le del­la vio­len­za»

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Chia­mu­le­ra

Sia­mo tut­ti più buo­ni. O più buo­ni­sti? «For­se en­tram­be le co­se. Se co­sì fos­se, non mi di­spia­ce­reb­be. Se mi dan­no del buo­ni­sta io rin­gra­zio». Car­lo Lucarelli, uo­mo del be­ne e del ma­le nei suoi li­bri e nel­le sue nar­ra­zio­ni, è abi­tua­to a rac­con­ta­re i la­ti lu­mi­no­si e so­prat­tut­to quel­li oscu­ri dell’uo­mo con sti­le asciut­to, in­cal­zan­te. An­ti­re­to­ri­co. Ep­pu­re lo scrit­to­re bo­lo­gne­se non ci sta a mi­ni­miz­za­re i ge­sti di so­li­da­rie­tà di cit­ta­di­ni e isti­tu­zio­ni co­me se fos­se­ro tut­ti re­to­ri­ca, chiac­chie­re da ra­di­cal chic e ipo­cri­sia. Co­me a Luz­za­ra, do­ve il sindaco An­drea Co­sta emet­te or­di­nan­ze con­tro l’odio (e poi si au­to­pu­ni­sce do­po es­se­re sta­to bec­ca­to a in­fran­ger­la at­tac­can­do Sal­vi­ni e Di Ma­io sui so­cial), co­me a Vi­gno­la do­ve la gen­te lascia spon­ta­nea­men­te bi­gliet­ti ano­ni­mi con fra­si gen­ti­li in gi­ro per il pae­se, co­me a Bo­lo­gna, do­ve si sus­se­guo­no gli ap­pel­li all’ac­co­glien­za dell’ar­ci­ve­sco­vo Zup­pi, men­tre il sindaco e il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne an­nun­cia­no di vo­ler op­por­si a va­rio mo­do al de­cre­to Sal­vi­ni.

Lucarelli, di ge­sti ecla­tan­ti in po­le­mi­ca con il Go­ver­no e con la po­li­ti­ca de­gli sbar­chi se ne ve­do­no pa­rec­chi, da que­ste par­ti. Esi­ste una ec­ce­zio­ne emi­lia­na, una vo­ca­zio­ne di que­sto ter­ri­to­rio?

«Ne so­no con­vin­to. Que­st’area d’Ita­lia ha una tra­di­zio­ne di ac­co­glien­za, di coo­pe­ra­zio­ne. Di re­si­sten­za. Questa pro­pen­sio­ne fa par­te del no­stro Dna. È quel­la stes­sa Bo­lo­gna che do­po la stra­ge del­la sta­zio­ne, nel 1980 si mo­bi­li­tò con una rea­zio­ne im­pen­sa­bi­le per aiu­ta­re chi ave­va bi­so­gno. In­som­ma: quel­lo che in un cer­to les­si­co co­mu­ne vie­ne chia­ma­to buo­ni­smo».

C’è chi di­ce che una co­sa so­no i buo­ni e un’al­tra i buo­ni­sti. Che la bon­tà è l’op­po­sto del­la re­to­ri­ca e dei suoi ec­ces­si.

«Le pa­ro­le so­no complicate, so­prat­tut­to le eti­chet­te. La pa­ro­la buo­ni­sta con­tie­ne la pa­ro­la “buo­no”. Chi so­no i buo­ni­sti dun­que, quel­li che fan­no co­se buo­ne? Al­lo­ra mi chie­do: chi non è “buo­ni­sta”, co­me di­co­no, de­ve es­se­re per for­za un cat­ti­vi­sta? Per di­re, mol­ti dei va­lo­ri che ven­go­no at­tri­bui­ti ai buo­ni­sti sa­reb­be­ro an­da­ti be­ne nel ‘45 an­che per i par­ti­gia­ni. I qua­li pe­rò “buo­ni”, quan­do fa­ce­va­no la guer­ra, non lo era­no pro­prio. Mi vie­ne in men­te quel car­tel­lo che si ve­de­va a una ma­ni­fe­sta­zio­ne, “buo­ni­sta un caz­zo”: e cioè, so­no buo­no per­ché so­sten­go cer­ti va­lo­ri, ok, ma non per­ché non sia in gra­do di com­bat­te­re per es­si».

Non te­me le ac­cu­se di ipo­cri­sia, dun­que?

«No. Re­sto al­la ra­di­ce di quel­la pa­ro­la. E se mi di­co­no che so­no buo­ni­sta ri­spon­do: gra­zie».

Lei ha det­to: «Il li­bro ti prende la ma­no. Io non so mai che co­sa suc­ce­de al­la fi­ne. All’ini­zio igno­ro per­fi­no chi sia l’as­sas­si­no. Lo sco­pro men­tre scri­vo». An­che nel­la vi­cen­da dei mi­gran­ti sco­pri­re­mo so­lo al­la fi­ne chi sa­rà il col­pe­vo­le?

«Hmm, qual­che in­di­zio ce l’ho. Il col­pe­vo­le lo ve­do in chi lascia quel­le per­so­ne in mez­zo al ma­re. Chi sta dal­la par­te sba­glia­ta del­la storia è il go­ver­no di que­sto Pae­se, o per lo me­no una par­te del go­ver­no, da Sal­vi­ni in giù. L’im­mi­gra­zio­ne è un pro­ble­ma che va af­fron­ta­to, ma non cer­to con l’idea di si­gil­la­re le fron­tie­re. Non è pos­si­bi­le né au­spi­ca­bi­le. Ser­ve un si­ste­ma di aper­tu­ra con­trol­la­ta e coor­di­na­ta con gli altri pae­si eu­ro­pei. Non può an­da­re a fi­ni­re con qua­ran­ta e pas­sa per­so­ne che aspet­ta­no tra le on­de per man­can­za del­la no­stra so­li­da­rie­tà».

Or­di­nan­ze an­ti-odio co­me quel­la del sindaco di Luz­za­ra An­drea Co­sta han­no un’ef­fi­ca­cia?

«So­no del­le pro­vo­ca­zio­ni. È evi­den­te che so­no dif­fi­cil­men­te ap­pli­ca­bi­li, ma è il ge­sto che con­ta, e lo tro­vo im­por­tan­te. Se ci di­men­ti­chia­mo che cos’è il lin­guag­gio dell’odio fi­nia­mo ma­le. Di al­cu­ni ca­si mi so­no oc­cu­pa­to an­che co­me scrit­to­re: una su tut­ti, Ca­ro­li­na Pic­chio, una ra­gaz­zi­na che si è sui­ci­da­ta per il bul­li­smo di cui è sta­ta fat­ta og­get­to in re­te. E occhio che quan­do co­min­cia­no a sal­ta­re fuori le pi­sto­le è trop­po tar­di».

Pe­rò la gran par­te del­le co­se che la gen­te scri­ve da­van­ti a un com­pu­ter per fortuna non di­ven­ta­no real­tà. Sia­mo lon­ta­ni dal­la vio­len­za po­li­ti­ca de­gli an­ni Set­tan­ta.

«Non sa­rei co­sì ot­ti­mi­sta. Un po’ di quel­la vio­len­za co­min­cia­mo già a ve­der­la. Ag­gres­sio­ni ai gior­na­li­sti, epi­so­di co­me quel­lo di Ma­ce­ra­ta. Le bot­te in gi­ro ci so­no. Non sia­mo or­ga­niz­za­ti co­me ne­gli an­ni Set­tan­ta, cer­to, i li­vel­li so­no an­co­ra con­trol­la­ti, ma l’odio c’è. Le stra­gi ne­gli Sta­ti Uni­ti par­to­no da pa­ro­le di odio e da un mec­ca­ni­smo di emu­la­zio­ne dei com­por­ta­men­ti vi­sti su In­ter­net».

La vio­len­za ver­ba­le è sem­pre l’an­ti­ca­me­ra del­la vio­len­za fi­si­ca, o tal­vol­ta può es­se­re li­be­ra­to­ria o ca­tar­ti­ca? Lei per esem­pio co­me ar­ti­sta usa spes­so le pa­ro­le del­la vio­len­za, ma non per que­sto ne fa un’apo­lo­gia.

«È ve­ro. Esi­sto­no del­le val­vo­le. Co­me scri­ve An­to­nio Fran­chi­ni in “Quan­do vi uc­ci­de­re­te, mae­stro?”, tut­te le ris­se co­min­cia­no con del­le pa­ro­le, qua­si tut­te fi­ni­sco­no con le pa­ro­le. Pe­rò so­no, ap­pun­to, del­le val­vo­le. Nei li­bri la nar­ra­zio­ne è me­dia­ta, è all’in­ter­no di si­ste­mi che pro­muo­vo­no in­sie­me lo sfo­go e la ri­fles­sio­ne. Qui par­lia­mo di una co­sa di­ver­sa, del­la vio­len­za la­scia­ta a sé. E quel­la in­ve­ce è pe­ri­co­lo­sa”.

Scrit­to­re Car­lo Lucarelli, na­to a Parma nel 1960, è scrit­to­re, re­gi­sta, sceneggiatore, con­dut­to­re te­le­vi­si­vo e gior­na­li­sta. Vi­ve tra Mor­da­no, nel Bo­lo­gne­se, e San Ma­ri­no È pre­si­den­te del­la Fon­da­zio­ne per le vit­ti­me dei rea­ti dell’Emi­liaRo­ma­gna

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.