«Cul­tu­ra, fa­mi­glia e giovani i no­stri as­set per il fu­tu­ro Sgra­vi a chi ri­ge­ne­ra spa­zi»

Corriere di Bologna - - CRONACA - F.B. © RIPRODUZIONE RISERVATA

As­ses­so­re Da­vi­de Con­te, co­me si tra­du­co­no i nu­me­ri del bi­lan­cio nel racconto del­la cit­tà?

«Bo­lo­gna ha la di­men­sio­ne di una cit­tà nor­ma­le ma sem­pre più le di­na­mi­che di una me­tro­po­li. Il flus­so del­le mi­gra­zio­ni, quel­lo dei tu­ri­sti e quel­lo de­gli stu­den­ti, la di­na­mi­ca del­le imprese, quel­la del mercato del­la cul­tu­ra e del so­cia­le so­no pro­pri di cit­tà mo­der­ne, gran­di. Bo­lo­gna è una me­tro­po­li ta­sca­bi­le, con una straor­di­na­ria ca­pa­ci­tà di af­fron­ta­re la con­tem­po­ra­nei­tà: lo è sem­pre sta­ta nel­la sua storia e può es­ser­lo an­co­ra. Il bi­lan­cio lo di­mo­stra: stia­mo in­ve­sten­do in mo­do si­gni­fi­ca­ti­vo su as­set stra­te­gi­ci: cul­tu­ra, fa­mi­glia, giovani».

L’op­po­si­zio­ne non ha le­si­na­to cri­ti­che, in se­de di ap­pro­va­zio­ne del bi­lan­cio di pre­vi­sio­ne.

«La po­le­mi­ca in que­sti gior­ni in Con­si­glio era mol­to elet­to­ra­le, chi pun­ta­va alle ele­zio­ni co­mu­na­li chi alle re­gio­na­li. Nes­su­no ha guar­da­to, se non Ame­lia (Fra­sca­ro­li, ndr), che con questa ma­no­vra

” Die­tro ai nu­me­ri del bi­lan­cio ci so­no le per­so­ne e i ser­vi­zi che as­si­cu­ria­mo E c’è an­che la for­ma che dia­mo al­la cit­tà e che stia­mo co­struen­do per il fu­tu­ro, so­prat­tut­to quan­do par­lia­mo di cul­tu­ra

Le nuove ge­ne­ra­zio­ni non avran­no più il no­stro de­bi­to: noi a Bo­lo­gna lo estin­guia­mo, men­tre lo Sta­to lo ac­cen­de

stia­mo al­lo­can­do ol­tre 2 mi­liar­di in 3 an­ni, qua­si un mi­liar­do in un anno».

Sa­reb­be a di­re?

«Die­tro que­sti mi­liar­di ci so­no i ser­vi­zi e le per­so­ne: quel­lo che fac­cia­mo per le per­so­ne quan­do par­lia­mo di so­cia­le, la for­ma che dia­mo al­la cit­tà quan­do par­lia­mo di ur­ba­ni­sti­ca e di la­vo­ri pub­bli­ci e, so­prat­tut­to quan­do par­lia­mo di cul­tu­ra, l’idea che stia­mo co­struen­do di cit­tà del fu­tu­ro. I ra­gio­na­men­ti del­la con­ta­bi­li­tà ana­li­ti­ca ci di­co­no quan­to co­sta ogni sin­go­lo no­stro ser­vi­zio, cioè non quan­to co­sta­no le bi­blio­te­che ma quan­to co­sta un li­bro, non quan­to co­sta­no i mu­sei ma per noi quan­to va­le una per­so­na che en­tra den­tro a un mu­seo e su cui noi in­ve­stia­mo. Non so­la­men­te gli asi­li ni­do co­me di­na­mi­ca pe­da­go­gi­ca, ma quan­to noi dia­mo alle fa­mi­glie per­ché quei po­sti non co­sta­no quei 100, 300, 500 eu­ro al me­se, ma al­la co­mu­ni­tà mol­to di più e ci stia­mo tut­ti in­ve­sten­do, non so­lo le fa­mi­glie in­te­res­sa­te».

In che mo­do si in­ve­sti­rà sul­la cul­tu­ra?

«Bo­lo­gna de­ve guar­da­re sem­pre più al­la cul­tu­ra non so­lo co­me con­su­mo ma an­che co­me pro­du­zio­ne, che è la gran­de prio­ri­tà in que­sto mo­men­to. Cul­tu­ra non è so­lo con­ser­va­zio­ne ma an­che ag­gre­ga­zio­ne. Gli even­ti pe­rò da so­li non ba­sta­no, ser­vo­no spa­zi ade­gua­ti. E già per il 2019 ab­bia­mo idee for­ti. C’è, ad esem­pio, il te­ma di gran­di spa­zi da ri­ge­ne­ra­re in cui la po­li­ti­ca fi­sca­le può aiu­ta­re: in­ve­ce di es­se­re un li­mi­te può tra­sfor­mar­si in una le­va. Im­ma­gi­na­te­vi gran­di com­par­ti ab­ban­do­na­ti da cen­ti­na­ia-mi­glia­ia di me­tri qua­dri: han­no una Ta­ri che co­sta 100 mi­la eu­ro all’anno e am­maz­ze­reb­be qual­sia­si bu­si­ness plan. Su pro­get­tua­li­tà che spo­sa­no la crea­ti­vi­tà, co­me Co­mu­ne, pos­sia­mo de­ci­de­re di da­re una ma­no esen­tan­do­le. Quan­do hai po­ten­zia­to l’in­du­stria del­la se­ta, hai po­ten­zia­to una se­rie di leve fi­sca­li a fa­vo­re di chi ve­ni­va a la­vo­ra­re.È quel­lo a cui stia­mo pen­san­do. Aven­do un bi­lan­cio buo­no pos­sia­mo per­met­ter­ce­lo».

Dal pun­to di vi­sta so­cia­le, in­ve­ce, qual è il pia­no?

«La no­stra at­ten­zio­ne si con­cen­tra su giovani e fa­mi­glie. Que­sto non vuol di­re che gli an­zia­ni li tra­scu­ria­mo, ma la ve­ra emer­gen­za so­cia­le in que­sto mo­men­to è l’im­po­ve­ri­men­to dei giovani e le cri­ti­ci­tà del­le giovani cop­pie. Ec­co per­ché il te­ma dell’asi­lo ni­do di­ven­ta stra­te­gi­co. In­ve­stia­mo sui ni­di non so­lo per­ché cre­dia­mo nell’edu­ca­zio­ne e nel­le pa­ri op­por­tu­ni­tà ma per­ché cre­dia­mo nel­la fa­mi­glia. Idem per la re­fe­zio­ne sco­la­sti­ca». I co­sti sem­bra­no al­ti.

«Ab­bia­mo pe­rò ri­dot­to il de­bi­to, che era di cir­ca 700 eu­ro pro ca­pi­te nel 2011 e che sa­rà di cir­ca 130 eu­ro nel 2021. Milano, per di­re, ha una ra­ta del mu­to che è pa­ri al de­bi­to che noi ave­va­mo nel 2011. Estin­gue­re il de­bi­to, obiet­ti­vo che po­trem­mo cen­tra­re nel pros­si­mo man­da­to, si­gni­fi­ca ave­re più ri­sor­se in mo­vi­men­to quin­di più ser­vi­zi. Ri­dur­re il de­bi­to si­gni­fi­ca an­che scom­met­te­re sui giovani. Ci per­met­te di di­re alle ge­ne­ra­zio­ni fu­tu­re: non avre­te più il no­stro de­bi­to, per­ché non lo ac­cen­de­re­mo più. Lo Sta­to lo sta ac­cen­den­do, men­tre noi, a Bo­lo­gna, lo estin­guia­mo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.