Mo­rei­ra, la Vir­tus blin­da i ta­bel­lo­ni «Gran­de chan­ce, io so­no pronto»

Il cen­tro an­go­la­no, pre­le­va­to dal Paok Sa­lo­nic­co, po­treb­be far par­te del ro­ster con­tro Va­re­se. «Mi pia­ce lottare e cor­re­re il cam­po: non mi ti­ro mai in­die­tro»

Corriere di Bologna - - SPORT - En­ri­co Schia­vi­na © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vi­si­ta­to, tes­se­ra­to, pre­sen­ta­to. Rou­ti­ne ra­pi­da­men­te com­ple­ta­ta per Ya­nick Mo­rei­ra, abi­le e ar­ruo­la­to per la Vir­tus che va a Va­re­se a pro­va­re di pren­der­si la Fi­nal Eight di Coppa Ita­lia, e ma­ga­ri sen­tir­si su­bi­to più so­li­da gra­zie al suo nuo­vo cen­tro­ne.

La cor­sa fat­ta dal­lo staff per aver­lo di­spo­ni­bi­le, rac­con­ta­ta dal ds Mar­tel­li men­tre ne uf­fi­cia­liz­za­va l’in­gres­so in gruppo, te­sti­mo­nia del­la gran vo­glia di but­tar­lo den­tro il pri­ma pos­si­bi­le, ed è un po’ an­che una ri­spo­sta a chi chie­de all’an­go­la­no se si sen­ta già pronto per gio­ca­re. «Na­tu­ral­men­te, so­no qui ap­po­sta…» di­ce lui col sor­ri­so di uno che vuol far ca­pi­re di es­ser­ci na­to, pronto. Ul­ti­ma par­ti­ta gio­ca­ta in Gre­cia il 30 di­cem­bre (16 pun­ti e 9 rim­bal­zi, te­nen­do bot­ta fi­no all’ultimo con­tro l’Olym­pia­cos), ul­ti­ma in Cham­pions il 18 (20 pun­ti e 12 rim­bal­zi con­tro Bonn), Mo­rei­ra non è cer­to un pro­get­to da pla­sma­re, ma ma­te­ria­le pronto all’uso. «Per me è una gran­de op­por­tu­ni­tà. Ho vi­sto qual­che par­ti­ta, so che ci sa­ran­no de­gli ag­giu­sta­men­ti da fa­re, che c’è bi­so­gno di far cre­sce­re la squa­dra: mi met­te­rò a di­spo­si­zio­ne del coa­ch, so che la par­ti­ta di Va­re­se è già mol­to im­por­tan­te, se do­ves­se chia­mar­mi io ci so­no». Set­ti­mo stra­nie­ro del­la sta­gio­ne, a Ma­sna­go per la Se­ga­fre­do che per il mo­men­to non ta­glia nes­su­no ini­zia l’era del tur­no­ver, con uno tra Qva­le e Kra­vic per for­za fuori, se gioca Mo­rei­ra. L’ad­di­zio­ne sot­to­ca­ne­stro del­la Vir­tus è un cen­tro pu­ro che si in­se­ri­sce in un gruppo che di cen­tri ne ha co­mun­que già altri due.

«Cer­to che lo sa­pe­vo, non sa­rà cer­to un pro­ble­ma. Co­no­sco un po’ gli altri, ci ho gio­ca­to con­tro, non mi spa­ven­ta la com­pe­ti­zio­ne, né fuori né den­tro la squa­dra. Sem­mai è un van­tag­gio. Io so di do­ver la­vo­ra­re du­ro tut­ti i gior­ni, in par­ti­ta e in al­le­na­men­to, poi gioca chi se lo me­ri­ta». Pri­mo al­le­na­men­to ie­ri, Pi­no Sa­cri­pan­ti ha mes­so den­tro un 2,11 di ca­rat­te­ri­sti­che stret­ta­men­te in­ter­ne, pe­rò mol­to atle­ti­co. «Ho tan­te co­se da im­pa­ra­re in fret­ta del­la squa­dra — di­ce — so­prat­tut­to i mec­ca­ni­smi del­la di­fe­sa, mi ri­ten­go un gio­ca­to­re con men­ta­li­tà di­fen­si­va, che lot­ta a rim­bal­zo, mi pia­ce cor­re­re il cam­po». A lu­glio fa­rà 28 an­ni, no­me com­ple­to Ya­nick Pi­res Mo­rei­ra, al suo pae­se — ce­sti­sti­ca­men­te uno dei più avan­za­ti nel con­ti­nen­te afri­ca­no — è un atle­ta mol­to se­gui­to e una co­lon­na del­la na­zio­na­le da qua­si un de­cen­nio. Ai Mon­dia­li del 2014, con­tro l’Au­stra­lia, il suo re­cord di 38 pun­ti. «Tor­no in An­go­la ogni esta­te, la mia fa­mi­glia è sem­pre lì, so­no mol­to le­ga­to al mio pae­se, per me è un ono­re con­ti­nua­re a rap­pre­sen­tar­lo e non mi ti­ro mai in­die­tro». Del­la Se­ga­fre­do ve­sti­rà il nu­me­ro 2, che si por­ta die­tro dai tem­pi del col­le­ge (pri­ma Sou­th Plains e poi Sou­thern Me­tho­di­st, en­tram­be in Te­xas), per­ché lì «vi­ge­va la re­go­la non scrit­ta che i lun­ghi do­ves­se­ro ave­re nu­me­ri al­ti ed i pic­co­li nu­me­ri bas­si, io ho vo­lu­to fa­re a ro­ve­scio e pre­so il nu­me­ro più bas­so che c’era li­be­ro...».

La Nba l’ha so­lo an­nu­sa­ta Mo­rei­ra, in un pa­io di Sum­mer Lea­gue e una so­la par­ti­ta di pre­sea­son con To­ron­to nel 2016, Mo­rei­ra in que­sti an­ni il mon­do l’ha gi­ra­to dav­ve­ro, gio­can­do an­che in D-Lea­gue, nel cam­pio­na­to dell’An­go­la e in quel­lo ira­nia­no. Ora è al­la quin­ta di­ver­sa Le­ga europea, do­po Fran­cia, Spa­gna, Rus­sia e Gre­cia, ma di­ce di «sa­pe­re pa­rec­chie co­se dell’Ita­lia, at­tra­ver­so i mol­ti ami­ci che ho che ci gio­ca­no, e del­la Vir­tus ov­via­men­te, del­la sua tra­di­zio­ne, dei gran­di giocatori che so­no sta­ti qui. Uno su tut­ti? Gi­no­bi­li».

«Co­no­sco mol­te co­se del­la Vir­tus e dei suoi cam­pio­ni. Uno su tut­ti? Ma­nuel Gi­no­bi­li

Nuo­vo in­ne­stoYa­nick Mo­rei­ra, 28 an­ni, an­go­la­no, è il nuo­vo cen­tro del­la Vir­tus Bo­lo­gna. In ar­ri­vo dal Paok Sa­lo­nic­co, il cen­tro afri­ca­no po­trà es­se­re già schie­ra­to dal coa­ch Pi­no Sa­cri­pan­ti nel mat­ch di do­ma­ni con­tro Va­re­se. Sa­rà fon­da­men­ta­le una vit­to­ria per le V ne­re, an­co­ra a caccia di un po­sto all’in­ter­no del­la gri­glia del­le Fi­nal Eight di Coppa Ita­lia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.