«Per tro­va­re i la­vo­ra­to­ri ser­vo­no po­li­ti­che ad hoc L’au­to­no­mia ci aiu­te­rà»

Bian­chi al­le azien­de: «Bi­so­gna par­ti­re dal­le scuo­le»

Corriere di Bologna - - PRIMO PIANO - Di Bep­pe Per­si­chel­la © RIPRODUZIONE RISERVATA

«In tut­to il Pae­se si re­gi­stra una con­trad­di­zio­ne di fon­do: da una par­te le imprese di­co­no che man­ca­no i la­vo­ra­to­ri qua­li­fi­ca­ti; dall’al­tra par­te ci so­no una se­rie di la­vo­ri non qua­li­fi­ca­ti, ma pre­ca­ri. E a que­sto van­no ag­giun­ti i se­gna­li di una di­soc­cu­pa­zio­ne pre­sen­te non so­lo tra i gio­va­ni, an­che tra per­so­ne più adul­te».

L’as­ses­so­re re­gio­na­le al­la Scuo­la, For­ma­zio­ne e La­vo­ro Pa­tri­zio Bian­chi co­no­sce be­ne il pa­ra­dos­so re­so ma­ni­fe­sto dal­le due ri­cer­che usci­te qua­si in con­tem­po­ra­nea ne­gli ul­ti­mi gior­ni: quel­la del­la Ca­me­ra di Com­mer­cia che rac­con­ta co­me le azien­de bo­lo­gne­si sia­no al­la ri­cer­ca di 20mi­la un­der 30 da as­su­me­re nei pros­si­mi due me­si (ma so­lo un con­trat­to su tre sa­rà a tem­po in­de­ter­mi­na­to); men­tre l’Ires (l’isti­tu­to di ri­cer­ca del­la Cgil) se­gna­la co­me nell’ul­ti­mo pe­rio­do del 2018 an­che l’eco­no­mia re­gio­na­le ab­bia re­gi­stra­to una bat­tu­ta d’ar­re­sto pre­oc­cu­pan­te. «Cer­to è pos­si­bi­le — spie­ga Bian­chi — ma bi­so­gna di­re con chia­rez­za che que­sto av­vie­ne in un con­te­sto na­zio­na­le e in­ter­na­zio­na­le che sta ral­len­tan­do mol­to di più di noi».

Que­ste azien­de riu­sci­ran­no a tro­va­re 20mi­la la­vo­ra­to­ri qua­li­fi­ca­ti in due me­si?

«Non ci riu­sci­ran­no e nei pros­si­mi me­si con­ti­nue­re­mo ad as­si­ste­re a una gros­sa ri­cer­ca di la­vo­ro qua­li­fi­ca­to da fuo­ri ver­so l’Emi­lia-Ro­ma­gna. La no­stra re­gio­ne è di­ven­ta­ta mol­to at­trat­ti­va ne­gli ul­ti­mi an­ni, è suf­fi­cien­te os­ser­va­re i nu­me­ri in au­men­to che ri­guar­da­no le no­stre uni­ver­si­tà. An­che in Ger­ma­nia è suc­ces­sa la stes­sa co­sa».

Ma com’è pos­si­bi­le che in que­sta fa­se ci sia la­vo­ro ma non la­vo­ra­to­ri, tan­to che le azien­de bo­lo­gne­si do­vran­no cer­car­li fuo­ri re­gio­ne?

«Si trat­ta di azien­de che stan­no cre­scen­do ra­pi­da­men­te e che ora han­no bi­so­gno di per­so­na­le che so­lo fi­no a po­co tem­po fa non cer­ca­va­no, per­ché non ne ave­va­no bi­so­gno. De­vo­no as­su­me­re ma al­lo stes­so tem­po os­ser­va­no il qua­dro eco­no­mi­co e han­no pau­ra di far­lo. Co­sì si spie­ga il fat­to che la mag­gio­ran­za dei con­trat­ti non è a tem­po in­de­ter­mi­na­to».

Lei co­sa si sen­te di di­re al­le azien­de, e so­no il 40%, che non tro­va­no i la­vo­ra­to­ri di cui han­no bi­so­gno?

«Che l’uni­ca via è co­strui­re per­cor­si as­sie­me, sin dal­la scuo­la e fin den­tro l’im­pre­sa. Lo ab­bia­mo già spe­ri­men­ta­to con la Lam­bor­ghi­ni, la Du­ca­ti e di re­cen­te con la Ber­lu­ti a Fer­ra­ra. L’idea che ci sia un mer­ca­to del la­vo­ro con i la­vo­ra­to­ri in mez­zo al­la piaz­za e le imprese che pas­sa­no a pren­der­se­li non esi­ste più. Ora il mo­del­lo da per­se­gui­re è quel­lo dell’ac­com­pa­gna­men­to al la­vo­ro che par­te ap­pun­to dal­le scuo­le e che qui in Emi­liaRo­ma­gna per for­tu­na è in at­to con Con­fin­du­stria, Cna e Con­far­ti­gia­na­to. Il mio mes­sag­gio a que­ste azien­de è quin­di di le­gar­si al­le pro­prie strut­tu­re di rap­pre­sen­tan­ze e con le scuo­le tec­ni­che e pro­fes­sio­na­li. Que­sto è un te­ma che ri­guar­da so­prat­tut­to re­gio­ni co­me la no­stra, Lom­bar­dia e Ve­ne­to. Non è un ca­so che sia­no quel­le che han­no de­ci­so di per­cor­re­re as­sie­me la stra­da dell’au­to­no­mia».

Che toc­ca an­che il fron­te del la­vo­ro.

«In­fat­ti nei gior­ni scor­si sia noi che lo­ro ab­bia­mo in­con­tra­to il mi­ni­stro Lui­gi Di Ma­io. Sul ta­vo­lo c’era la ri­chie­sta di au­to­no­mia sul­le po­li­ti­che che ri­guar­da­no il mer­ca­to del la­vo­ro, at­ti­ve e pas­si­ve. Da par­te no­stra ab­bia­mo sot­to­li­nea­to co­me il red­di­to di cittadinanza la­sci l’idea di un for­te ele­men­to cen­tra­li­sta, non coe­ren­te con l’au­to­no­mia che vo­glia­mo per­cor­re­re. Di Ma­io si è preso l’im­pe­gno a ri­co­no­sce­re che i cen­tri per l’im­pie­go di­pen­do­no dal­le Re­gio­ni e che noi do­vre­mo agi­re per raf­for­zar­li».

In­tan­to il la­vo­ro in al­cu­ni set­to­ri non man­ca, ma è pre­ca­rio.

«I da­ti di­co­no che c’è sta­ta una bat­tu­ta d’ar­re­sto pe­san­tis­si­ma in Ita­lia ri­spet­to al­la pro­du­zio­ne, i po­sti di la­vo­ro non ca­do­no dal cie­lo. Mi pre­oc­cu­pa l’in­sta­bi­li­tà di que­sto qua­dro eco­no­mi­co com­ples­si­vo, ita­lia­no e in­ter­na­zio­na­le. Il so­vra­ni­smo non fa ma­le agli im­por­ta­to­ri ma agli espor­ta­to­ri, e l’Ita­lia e l’Emi­lia-Ro­ma­gna si ba­sa­no sull’ex­port».

L’Ita­lia è a ri­schio re­ces­sio­ne?

«Cre­do che que­sto ri­schio ci sia ed è be­ne por­si il pro­ble­ma. Mi­nac­cia­re bloc­chi e da­zi, de­ve es­se­re chia­ro che per noi tut­to que­sto ha un im­pat­to di­ver­so ri­spet­to ad al­tri Pae­si. E in­fat­ti re­gio­ni co­me Emi­lia, Lom­bar­dia e Ve­ne­to, to­tal­men­te in­du­stria­liz­za­te, so­no al­la ri­cer­ca di tut­to fuor­ché di una spin­ta al­la chiu­su­ra».

” De­vo­no as­su­me­re ma al­lo stes­so tem­po han­no pau­ra di far­lo: co­sì na­sce il pre­ca­ria­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.