LA NOSTALGIA DEL TEM­PO AN­DA­TO E LE GRAN­DI SFI­DE DEL PRE­SEN­TE

Corriere di Bologna - - ECONOMIA - Gof­fre­do San­ti, © RIPRODUZIONE RISERVATA An­to­ni­no Fru­so­ne An­to­nio Bo­ven­zi Let­te­ra fir­ma­ta

Se­con­do il mio pa­re­re più che an­da­re avan­ti an­dia­mo in­die­tro, ma al­lo­ra co­sa ser­ve man­da­re tut­ti an­co­ra di più a scuo­la se que­sti so­no i ri­sul­ta­ti, leg­go sem­pre di don­ne pic­chia­te dai com­pa­gni, e poi qual­che set­ti­ma­na fa di quei ti­fo­si che men­tre era­no in viag­gio per an­da­re a ve­de­re il Bo­lo­gna si so­no pre­si a bot­te con quel­li del To­ri­no. Ho vis­su­to il do­po­guer­ra, ma ades­so non è poi co­sì me­glio, ad­di­rit­tu­ra mi vie­ne pro­prio di pen­sa­re che era più bel­la la vi­ta di una vol­ta, vor­rei sa­pe­re co­me la ve­de lei.

BO­LO­GNA

Ca­ro Gof­fre­do, è co­sì per tut­ti: rim­pian­gia­mo il tem­po per­du­to. Il ca­ro si­gnor Prou­st è en­tra­to nell’eter­ni­tà ra­gio­nan­do­ci so­pra. Più si va avan­ti con gli an­ni e più il bel­lo del pas­sa­to s’in­gi­gan­ti­sce. Me­ra­vi­glio­sa, que­sta pe­ren­ne ri­cer­ca del tem­po per­du­to: che, per de­fi­ni­zio­ne, non tor­ne­rà mai. Il pri­mo amo­re, ri­cor­da­to con te­star­da te­na­cia, è stu­pen­do, a pre­scin­de­re dal suo ori­gi­na­le quo­zien­te este­ti­co. I ti­to­la­ri del­la nostalgia bril­la­no tut­ti co­me stel­le, non im­por­ta che fos­se­ro coz­za o scar­ra­fo­ne. Al­lo­ra era­no bel­li e bel­le so­lo per mam­ma lo­ro, ades­so so­no tra­sfi­gu­ra­ti dal­la nostalgia. Lei si do­man­da, ca­ro Gof­fre­do, a co­sa ser­va man­da­re tut­ti a scuo­la. Per la ri­spo­sta pro­vi a guar­da­re le sta­ti­sti­che del do­po­guer­ra: al­lo­ra era­va­mo un po­po­lo di anal­fa­be­ti, ades­so tut­ti san­no leg­ge­re e scri­ve­re. Si chia­ma pro­gres­so. Il gua­io è che trop­pi han­no co­min­cia­to a usa­re a spro­po­si­to la pen­na. Mi ri­fe­ri­sco al di­la­ga­re de­gli odia­to­ri da so­cial. So­no di­sgra­fi­ci nel cuo­re, ma non per col­pa del­la ge­ne­ti­ca im­paz­zi­ta. Am­met­to che di fron­te a cer­ti tweet, e all’ac­ca­ni­men­to nel­la cat­ti­ve­ria, sen­to for­te la ten­ta­zio­ne del­la pu­ni­zio­ne cor­po­ra­le. Poi fre­no la rab­bia e ci ra­gio­no so­pra. Non è ve­ro che una vol­ta fos­se tut­to ro­se e fio­ri. Al con­tra­rio: era­no tan­tis­si­me le spi­ne. In­ve­ce è ve­ro che le co­se po­treb­be­ro an­da­re mol­to me­glio. Pen­so, ap­pun­to, all’im­mon­do spet­ta­co­lo del­le don­ne mas­sa­cra­te da part­ner no­stra­ni o d’im­por­ta­zio­ne. Sa­cro­san­ta l’in­di­gna­zio­ne, ma a guai a pen­sa­re che il bel tem­po pas­sa­to, an­che in que­sta de­li­ca­ta ma­te­ria, lo fos­se dav­ve­ro. Quan­to all’in­fe­li­ci­tà fem­mi­ni­le, al­le pe­ne quo­ti­dia­ne, ai so­pru­si, e al­le bot­te di ma­ri­ti pa­dro­ni che spa­dro­neg­gia­va­no, una co­sa è si­cu­ra: le la­cri­me se­gre­te era­no co­sì co­pio­se che, se rac­col­te, avreb­be­ro ri­me­dia­to al­la sic­ci­tà esti­va. Dun­que, la­scia­mo sta­re il rim­pian­to del tem­po per­du­to e con­cen­tria­mo­ci sul­le gran­di sfi­de del pre­sen­te. L’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le è fra noi. Evi­tia­mo pe­rò che si de­te­rio­ri quel­la uma­na. È que­sto l’odier­no pec­ca­to mor­ta­le: va­ni­fi­ca­re la pos­si­bi­li­tà di vi­ta mi­glio­re.

o del car­sha­ring.

So­no co­mun­que cer­ta­men­te pen­sa­bi­li al­ter­na­ti­ve, co­me lo scuo­la­bus o un ser­vi­zio di ac­co­glien­za dei bim­bi (per esem­pio con i non­ni ci­vi­ci, ecc..), pre­va­len­te­men­te nei mo­men­ti d’in­gres­so che pos­so­no es­se­re cri­ti­ci o in al­cu­ni gior­ni dell’an­no sco­la­sti­co to­pi­ci.

Nes­su­no di noi ha fat­to ri­cor­so per le mul­te, l’azio­ne po­te­va ave­re il so­lo si­gni­fi­ca­to sim­bo­li­co di ul­te­rio­re pro­te­sta ci­vi­le, ma è già ab­ba­stan­za il di­bat­ti­to che si sta rea­liz­zan­do sui me­dia e sui so­cial.

Con cor­dia­li­tà.

, BO­LO­GNA

Nel­la ma­no­vra eco­no­mi­ca li­cen­zia­ta a di­cem­bre dal Par­la­men­to è con­te­nu­ta una nor­ma per cui le san­zio­ni per gli en­ti che non svol­go­no ga­re pub­bli­che per l’af­fi­da­men­to del tra­spor­to pub­bli­co lo­ca­le so­no spo­sta­te all’an­no 2021 (le ga­re era­no fi­na­liz­za­te al ri­spar­mio di sol­di per lo Sta­to). In pra­ti­ca gli en­ti pub­bli­ci (le Re­gio­ni) con­ti­nue­ran­no a fo­rag­gia­re le at­tua­li so­cie­tà di tra­spor­to pub­bli­co lo­ca­le in re­gi­me di mo­no­po­lio e con so­stan­zio­si con­tri­bu­ti pur sa­pen­do che in al­cu­ne aree del Pae­se of­fro­no un ser­vi­zio non so­lo sca­den­te, ma ad­di­rit­tu­ra ca­pa­ce di al­lon­ta­na­re gli uten­ti dall’uti­liz­zo del mez­zo pub­bli­co. Tut­to ciò con­tra­sta con quel­lo che sta av­ve­nen­do in Ger­ma­nia do­ve una no­ta so­cie­tà di tra­spor­to su gom­ma ge­sti­sce i col­le­ga­men­ti ad al­ta velocità su al­cu­ne trat­te del Pae­se a co­sti ir­ri­so­ri per gli uten­ti.

, BO­LO­GNA

L’esem­pio te­de­sco

Vo­li ru­mo­ro­si

Abi­to con la mia fa­mi­glia al Na­vi­le in via Za­nar­di, il ru­mo­re e la sgra­de­vo­le «puz­za» di che­ro­se­ne è di­ven­ta­ta in­so­ste­ni­bi­le, sen­za con­ta­re il ru­mo­re! (...)

Per una cit­tà co­me Bo­lo­gna che si di­ce at­ten­ta al­lo smog e al­la qua­li­tà del­la vi­ta, di­rei che è ab­ba­stan­za sin­go­la­re con­ti­nua­re a pro­muo­ve­re ed am­plia­re una strut­tu­ra co­me un ae­ro­por­to, in pie­no cen­tro cit­tà. (...) , BO­LO­GNA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.