LA DO­ME­NI­CA DEI LET­TO­RI

Corriere di Bologna - - ECONOMIA -

No al ri­cor­so, sì al dia­lo­go

Cor­te­se Sin­da­co, non pen­sa­vo pro­prio di rea­liz­za­re un co­sì tan­to di­bat­ti­to ed in­te­res­se su un te­ma che im­ma­gi­na­vo im­por­tan­te, ma mar­gi­na­le ri­spet­to al­la vi­ta di una Scuo­la, fat­ta di stu­dio, di at­ti­vi­tà di­dat­ti­ca, di pro­get­ti pen­sa­ti e rea­liz­za­ti per la cre­sci­ta edu­ca­ti­va e di cittadinanza dei no­stri fi­gli.

La let­te­ra aper­ta di de­nun­cia vo­le­va sol­le­va­re un pro­ble­ma per po­ter poi di­scu­te­re del­le pos­si­bi­li so­lu­zio­ni, al dì là del te­ma del­le mul­te, che è sta­to so­lo l’espe­dien­te per far ca­pi­re il gra­ve di­sa­gio che ogni mat­ti­na i ge­ni­to­ri (in tan­te zo­ne del­la cit­tà) de­vo­no vi­ve­re per ac­com­pa­gna­re i pro­pri bim­bi a scuo­la.

Ma Lei cre­de ve­ra­men­te in quel­lo che ha scrit­to o pro­po­sto ai ge­ni­to­ri o per­lo­me­no al­la mag­gio­ran­za dei ge­ni­to­ri, os­sia di uti­liz­za­re il bus o di ac­com­pa­gna­re i bim­bi a pie­di, o co­se di que­sto ti­po?

Lei con­si­de­ri sol­tan­to che tan­ti ge­ni­to­ri, ol­tre ad ac­com­pa­gna­re uno, due, o tre fi­gli an­che in scuo­le (o ni­di) di­ver­si e quin­di di­slo­ca­ti in pun­ti del­la cit­tà dif­fe­ren­ti, de­vo­no poi cor­re­re al la­vo­ro per­ché è sem­pre tar­di, per­ché og­gi c’è tan­to traf­fi­co (sem­pre che la pro­pria se­de di la­vo­ro sia a Bo­lo­gna e quin­di non si deb­ba pren­de­re un tre­no o fa­re

tan­ti chi­lo­me­tri pri­ma di rag­giun­ger­la).

Og­gi non è co­sì co­me in pas­sa­to, quan­do Lei o io era­va­mo bam­bi­ni, do­ve c’era an­che un so­ste­gno im­por­tan­te del­le pro­prie fa­mi­glie di ori­gi­ne, pen­si so­lo al­la al­ta per­cen­tua­le dei nu­clei fa­mi­glia­ri, re­si­den­ti o do­mi­ci­lia­ti a Bo­lo­gna, che pro­ven­go­no da ogni par­te del no­stro pae­se o da al­tri pae­si.

Lei pen­sa ve­ra­men­te che tut­ti o la qua­si to­ta­li­tà del­le fa­mi­glie o dei ge­ni­to­ri

(quan­do que­sti non sia­no se­pa­ra­ti, ma pur­trop­po la per­cen­tua­le è tan­to al­ta og­gi) abi­ta­no nel rag­gio di mas­si­mo 700 me­tri (o si­mi­li) dal­la scuo­la che ospi­ta il fi­glio o la fi­glia?

Non è co­sì pur­trop­po o per for­tu­na! Una per­cen­tua­le ab­ba­stan­za al­ta di al­lie­vi pro­ven­go­no da ter­ri­to­ri lon­ta­ni dal­la scuo­la che li ac­co­glie e quin­di unen­do que­sto a tan­te al­tre esi­gen­ze (in­di­ca­te pre­ce­den­te­men­te) di­ven­ta ine­vi­ta­bi­le l’uso del­la pro­pria mac­chi­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.