IL SO­GNO DI FI­NE ESTATE

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Di Oli­vio Ro­ma­ni­ni

Per pen­sa­re che Bo­lo­gna e Fi­ren­ze pos­sa­no por­ta­re a ca­sa ve­ra­men­te le Olim­pia­di del 2032 ser­ve una buo­na do­se di ot­ti­mi­smo ma nel­la sfi­da lan­cia­ta dal sin­da­co Da­rio Nar­del­la e rac­col­ta su­bi­to da Vir­gi­nio Me­ro­la e dai go­ver­na­to­ri di Emi­lia e To­sca­na c’è qualcosa di buono che po­treb­be re­sta­re an­che se il so­gno non fos­se rag­giun­to: l’idea che due cit­tà stra­te­gi­che del Pae­se, se­pa­ra­te da mezz’ora in tre­no, qual­che fer­ma­ta di metropolit­ana se fos­si­mo in una ca­pi­ta­le eu­ro­pea, pos­sa­no tor­na­re a par­lar­si e a fa­re co­se in­sie­me. Fi­no al so­gno dell’Olim­pia­de.

Cer­to, chi ha se­gui­to da vi­ci­no le cro­na­che del­le due cit­tà sa be­ne che la col­la­bo­ra­zio­ne è più fa­ci­le ad an­nun­ciar­si che a far­si sul se­rio. Nell’estate del 2005, quat­tor­di­ci an­ni fa, gli al­lo­ra sin­da­ci di Bo­lo­gna, Ser­gio Cof­fe­ra­ti e di Fi­ren­ze Lo­ren­zo Do­me­ni­ci, fir­ma­ro­no un’al­lean­za stra­te­gi­ca. Si do­ve­va col­la­bo­ra­re sul­la cul­tu­ra, sull’am­bien­te, sul si­ste­ma com­mer­cia­le, pro­dut­ti­vo e tu­ri­sti­co fi­no al­le in­fra­strut­tu­re. Si pen­sò di ce­le­bra­re l’even­to con una ce­ri­mo­nia in grande sti­le: i due sin­da­ci e le ri­spet­ti­ve de­le­ga­zio­ni si in­con­tra­ro­no a me­tà stra­da, a Ver­nio in pro­vin­cia di Pra­to, a bor­do di un tre­no spe­cia­le mes­so a di­spo­si­zio­ne da Tre­ni­ta­lia. Do­po quel­la fir­ma non si com­bi­nò nien­te di nien­te tanto che quan­do i cro­ni­sti, al­cu­ni an­ni do­po, chie­se­ro ad un as­ses­so­re del­la giun­ta Cof­fe­ra­ti cosa era ri­ma­sto di quel­la col­la­bo­ra­zio­ne lui se la ca­vò con una bat­tu­ta e dis­se che «al­me­no gli as­ses­so­ri del­le due giun­te era­no di­ven­ta­ti ami­ci su Fa­ce­book».

Ci ri­pro­va­ro­no al­cu­ni an­ni do­po i sin­da­ci Mat­teo Ren­zi e Fla­vio Del­bo­no quan­do le due cit­tà de­ci­se­ro di or­ga­niz­za­re un Ca­po­dan­no con­giun­to: cor­re­va l’an­no 2009 e l’as­ses­so­re al­la Cul­tu­ra del Co­mu­ne di Bo­lo­gna era Ni­co­let­ta Man­to­va­ni, la ve­do­va Pa­va­rot­ti. L’espe­ri­men­to fun­zio­nò ma do­po di al­lo­ra non si fe­ce nien­te: poi Ren­zi pre­se la stra­da del­la po­li­ti­ca na­zio­na­le e per il sin­da­co Del­bo­no le co­se an­da­ro­no co­me an­da­ro­no. Tut­to fi­ni­to? Per nien­te. Il 6 no­vem­bre 2017 a Fi­ren­ze il sin­da­co Me­ro­la e il sin­da­co Nar­del­la fir­ma­ro­no un al­tro ac­cor­do di col­la­bo­ra­zio­ne che que­sta vol­ta ri­guar­da­va prin­ci­pal­men­te le due cit­tà me­tro­po­li­ta­ne e an­che in que­sto ca­so non si ha no­ti­zia di cla­mo­ro­si svi­lup­pi. Tra i tan­ti trat­ti­ni che si è cer­ca­to di met­te­re tra la l’Emi­lia e la To­sca­na c’è an­che il pro­get­to di una fu­ni­via che col­le­ghi gli im­pian­ti scii­sti­ci del­la Do­ga­nac­cia a quel­li emi­lia­ni del Cor­no al­le Sca­le e in que­sto ca­so sia­mo in una fa­se più avan­za­ta ma tutt’al­tro che fa­ci­le da por­ta­re a ter­mi­ne. Quan­to al­le Olim­pia­di a Bo­lo­gna è an­co­ra fre­sco il ri­cor­do del­le Uni­ver­sia­di. Estate 2010, il Pd de­ve tro­va­re il can­di­da­to sin­da­co e c’è un cer­to Lo­ren­zo Sas­so­li de Bian­chi, pa­tron del­la Val­so­ia, im­pren­di­to­re il­lu­mi­na­to e mol­te al­tre co­se che ci pen­sa dav­ve­ro. E pro­po­ne, tra le al­tre co­se, di or­ga­niz­za­re le Uni­ver­sia­di: se ne par­la per me­si e per an­ni an­che quan­do or­mai la sua can­di­da­tu­ra è tra­mon­ta­ta im­pal­li­na­ta dai ve­ti in­cro­cia­ti. Cam­pa­gne di stam­pa, in­ter­vi­ste, fo­cus, ap­pro­fon­di­men­ti, dos­sier. L’idea è sem­pli­ce ma fun­zio­na: le

Uni­ver­sia­di han­no un im­pat­to che è al­la por­ta­ta di Bo­lo­gna che, non è un det­ta­glio, ospi­ta pur sem­pre l’Ate­neo più an­ti­co d’Eu­ro­pa. Gli in­ve­sti­men­ti sa­reb­be­ro con­te­nu­ti e il ritorno di im­ma­gi­ne as­si­cu­ra­to. Ma non è un pe­rio­do fer­ti­le per le buo­ne idee. C’è la cri­si, i bi­lan­ci so­no sem­pre più dif­fi­ci­li da fa­re e al­la fi­ne si ar­chi­via tut­to. Que­st’an­no le Uni­ver­sia­di le ha ospi­ta­te Na­po­li. Na­tu­ral­men­te vie­ne da chie­der­si: se co­sta­va­no trop­po le Uni­ver­sia­di co­me si fa con le Olim­pia­di? Si ve­drà, ma in­tan­to il so­gno olim­pi­co ha riac­ce­so il dia­lo­go tra Bo­lo­gna e Fi­ren­ze, due cit­tà che in­sie­me pos­so­no da­re e di­re tanto al Pae­se, per Pil, in­ve­sti­men­ti, tu­ri­smo e per la lo­ro cen­tra­li­tà geo­gra­fi­ca. Ie­ri il go­ver­na­to­re Ste­fa­no Bo­nac­ci­ni ha det­to giu­sta­men­te che «per l’Emi­lia-Ro­ma­gna nes­sun tra­guar­do è im­pos­si­bi­le» e ha si­cu­ra­men­te ra­gio­ne. La sfi­da, o se si pre­fe­ri­sce il so­gno di fi­ne estate, è di quel­le da far tre­ma­re i pol­si e so­pra­tut­to è di quel­le che ri­chie­do­no una grande ge­ne­ro­si­tà per­ché vi­sto che al 2032 man­ca­no tre­di­ci an­ni è un la­vo­ro che la clas­se di­ri­gen­te del­la cit­tà do­vrà fa­re per la pros­si­ma ge­ne­ra­zio­ne. Ma è un’ini­zio e co­me tut­ti gli ini­zi è sfi­dan­te e pro­met­ten­te. Lo era sta­to an­che il pia­no stra­te­gi­co per la cit­tà metropolit­ana con gli en­ti lo­ca­li e tut­te le mi­glio­ri ener­gie ci­vi­che e private del­la cit­tà in­sie­me per at­trar­re in­ve­sti­men­ti e op­por­tu­ni­tà. A pro­po­si­to: che fi­ne ha fat­to?

Patti e pa­ro­le Da Cof­fe­ra­ti e Do­mi­ni­ci, da Ren­zi (sin­da­co) e Del­bo­no, l’as­se Bo­lo­gna-Fi­ren­ze è un’idea che si per­de ne­gli an­ni

Uni­ver­sia­di

Le vo­le­va por­ta­re in cit­tà Sas­so­li de Bian­chi

Nel 2012 Mat­teo Ren­zi e Fla­vio Del­bo­no

Nel 2005 Il ge­mel­lag­gio di Cof­fe­ra­ti e Do­me­ni­ci

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.