Ca­ron­te, il kil­ler fir­ma­to Pa­trick Fo­gli

Un kil­ler dal­le mil­le fac­ce e una don­na che ri­co­strui­sce per­so­na­li­tà

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - di Mas­si­mo Ma­ri­no

Ca­ron­te è un kil­ler che cam­bia in con­ti­nua­zio­ne il pro­prio aspet­to e l’iden­ti­tà. Lo chia­ma­no co­sì per­ché ac­can­to al­le sue vit­ti­me - un pa­pa, un tra­di­to­re, per ci­tar­ne so­lo due - la­scia un’an­ti­ca mo­ne­ta ro­ma­na, per pa­ga­re il tra­ghet­ta­to­re del­le ani­me mor­te. Arian­na, in­ve­ce, è una si­gla con cui Lau­ra (e al­tri) aiu­ta­no chi vuo­le fug­gi­re da vec­chie vi­te a ri­co­struir­si al­tre per­so­na­li­tà. So­no i pro­ta­go­ni­sti di Il si­gno­re del­le ma­sche­re, Mon­da­do­ri (pp. 348, eu­ro 19), l’ul­ti­mo th­ril­ler del­lo scrit­to­re bo­lo­gne­se Pa­trick Fo­gli, un ro­man­zo ad al­tis­si­ma tensione, dal­le cui pa­gi­ne non rie­sci a stac­car­ti. Sa­rà in li­bre­ria mar­te­dì 1 ot­to­bre e il 9 ver­rà pre­sen­ta­to al­la Fel­tri­nel­li di Por­ta Ra­ve­gna­na dal­lo scrit­to­re, pre­mio Scer­ba­nen­co 2018, au­to­re di ro­man­zi che par­la­no di olo­cau­sto e me­mo­ria, di stra­ge del­la sta­zio­ne di Bo­lo­gna e di quel­le di Gio­van­ni Fal­co­ne e Pao­lo Bor­sel­li­no, con mol­te tra­me di pu­ra fic­tion ma sem­pre im­pa­sta­te di pre­sen­te.

Fo­gli, chi so­no que­sti due per­so­nag­gi?

«Una del­le do­man­de che c’è die­tro il li­bro è pro­prio chi so­no lo­ro due. Un uo­mo che cam­bia in con­ti­nua­zio­ne iden­ti­tà, ne ha una ve­ra? E co­sa suc­ce­de quan­do ar­ri­vi ad un pun­to dell’esi­sten­za in cui tut­to mu­ta? Ca­ron­te all’ini­zio com­pie una ven­det­ta per­so­na­le, sa­pen­do che la sua vi­ta per­de­rà di si­gni­fi­ca­to».

E Lau­ra?

«An­che per Lau­ra tut­to si sgre­to­le­rà, quan­do sco­pri­rà che facendo cam­bia­re con­no­ta­ti e mo­di di vi­ve­re al­le per­so­ne in­ve­ce di sal­va­re gen­te ha crea­to un mo­stro co­me Ca­ron­te, e quan­do la per­so­na che può in­car­na­re per lei qual­co­sa di si­mi­le a un rap­por­to sen­ti­men­ta­le, an­che se svi­lup­pa­to prin­ci­pal­men­te per mail, Ni­ko, muo­re…».

Si è ri­let­to Pi­ran­del­lo, con que­sti es­se­re uno, cen­to­mi­la e nes­su­no?

«L’ave­vo let­to un tem­po. Ma cre­do che il te­ma dell’iden­ti­tà og­gi sia mol­to quo­ti­dia­no. Vi­via­mo in un’epo­ca non egoi­sti­ca ma ego­cen­tri­ca. L’Io di­ven­ta una na­zio­ne che ha per ter­ri­to­rio un in­di­vi­duo so­lo. E poi og­gi sia­mo an­co­ra più spac­ca­ti».

In qua­le sen­so?

«Sia­mo al­cu­ne co­se nel mon­do rea­le e al­tre in quel­lo vir­tua­le. Sa­reb­be sta­to bel­lo sen­ti­re il pa­re­re di Pi­ran­del­lo al pro­po­si­to... Bor­ges ci aiu­ta, quan­do scri­ve: “Qua­lun­que de­sti­no, per lun­go e com­pli­ca­to che sia, con­sta in real­tà d’un so­lo mo­men­to: il mo­men­to in cui l’uo­mo sa per sem­pre chi è».

A pro­po­si­to di citazioni, il ti­to­lo ri­cor­da Il si­gno­re del­le mo­sche di Wil­liam Gol­ding, la sto­ria del­la regression­e sel­vag­gia, tri­ba­le, dia­bo­li­ca di un grup­po di ra­gaz­zi­ni nau­fra­ga­ti su un’iso­la.

«Cre­do che que­sta sia una sto­ria cru­de­le co­me quel­la. Ca­ron­te è un uo­mo spie­ta­to che muo­ve al­tri es­se­ri uma­ni sen­za ri­te­gno. E al tem­po stes­so è uno che sen­za gli al­tri non può vi­ve­re. È per­so­na spez­za­ta: in una sce­na guar­da al­la te­le­vi­sio­ne il mo­men­to in cui nel film Bat­man Be­gins di Ch­ri­sto­pher No­lan il pro­ta­go­ni­sta, bam­bi­no, per­de i ge­ni­to­ri e ri­ma­ne so­lo. È la sce­na che de­fi­ni­sce Ca­ron­te sen­za iden­ti­tà, sen­za ra­di­ci».

Nel Si­gno­re del­le mo­sche si evo­ca an­che il dia­vo­lo.

«E il no­stro kil­ler è un dia­vo­lo: non a ca­so si chia­ma Ca­ron­te, co­me il tra­ghet­ta­to­re dei mor­ti del­le mi­to­lo­gie gre­ca, etru­sca, ro­ma­na. De­mo­nia­co è uno che è in­sie­me tut­ti e nes­su­no, che si ser­ve de­gli al­tri per i pro­pri sco­pi, li pos­sie­de».

A un cer­to pun­to nel ro­man­zo ar­ri­va il ter­ro­ri­smo …

«Il ter­ro­ri­smo è la ci­fra del­la pau­ra og­gi, il mo­do ve­ro per rac­con­ta­re le no­stre an­sie e in­quie­ta­re il let­to­re. Non cre­do più ai se­rial kil­ler: se vuoi scri­ve­re una sto­ria ad al­ta tensione, do­po Han­ni­bal Lec­ter, se vuoi fa­re un th­ril­ler, de­vi la­vo­ra­re sul­le pau­re vi­ve, ge­ne­ra­li».

A pro­po­si­to: co­me fa a non far stac­ca­re il let­to­re dal­le sue pa­gi­ne e a ria­pri­re l’at­ten­zio­ne sem­pre, an­che quan­do sem­bra di es­se­re ar­ri­va­ti a un pun­to di so­lu­zio­ne?

«Il se­gre­to è ri­lan­cia­re. Far fin­ta di chiu­de­re una si­tua­zio­ne e ria­pri­re. Su­bi­to. Co­me un pre­sti­gia­to­re: ti mo­stra una ma­no per far­ti cre­de­re che non ci sia truc­co, e ti in­gan­na con l’al­tra. Cer­co di il­lu­de­re chi leg­ge che stia ca­pen­do tut­to, e di ri­met­te­re ogni co­sa in gio­co».

I ti­to­li dei ca­pi­to­li?

«“Ha­be­mus pa­pam”, “In­se­pa­ra­bi­li”, “Le vi­te de­gli al­tri”, “Il cie­lo so­pra Ber­li­no”, “La 25esi­ma ora”: sì, so­no pro­prio ti­to­li di film».

Co­sa vuol di­re per lei scri­ve­re un noir? In­trat­te­ne­re? Far eva­de­re? Un mo­do per rac­con­ta­re il mon­do?

«Può es­se­re tut­to quel­lo che ha elen­ca­to. Per me que­sto ro­man­zo è una ri­cer­ca sull’iden­ti­tà, su co­sa sia­mo, su co­sa mi de­fi­ni­sce. Lau­ra, che tra­sfor­ma le iden­ti­tà de­gli al­tri, sco­pre che al­cu­ni dav­ve­ro han­no cam­bia­to vi­ta, al­tri, sot­to i nuo­vi no­mi, han­no vi­sto rie­mer­ge­re la vec­chia per­so­na­li­tà».

Co­me na­sco­no le sue sto­rie?

«Da do­man­de. Poi ar­ri­va un’idea. Ma­ga­ri all’ini­zio in­con­sa­pe­vo­le: la ca­pi­sco do­po un po’. Io so­no Al­fa era un ra­gio­na­men­to sul­la pau­ra; In A chi ap­par­tie­ne la not­te par­ti­vo da una do­man­da dell’in­fluen­za del­la ve­ri­tà sul­la no­stra vi­ta. So­no que­stio­ni che por­ta­no a col­le­ga­men­ti, in quel­la che è la mia os­ses­sio­ne di scrit­to­re, nar­ra­re la con­tem­po­ra­nei­tà, le cre­pe nel mu­ro del mon­do in cui vi­vo».

Lei scri­ve ro­man­zi e fa l’in­ge­gne­re elet­tro­ni­co. Si ha co­me l’im­pres­sio­ne che vi­va da­van­ti al­lo scher­mo di un com­pu­ter.

«Ed è co­sì. Scen­do po­co per stra­da. Po­chis­si­mo per le stra­de di Bo­lo­gna, che ho ab­ban­do­na­to per l’Ap­pen­ni­no reg­gia­no».

Co­me mai?

«La cit­tà non è più il mio am­bien­te na­tu­ra­le, e l’ho la­scia­ta con gran­de gio­ia. Vi­vo me­glio in un luo­go più iso­la­to».

L’au­to­re Vi­via­mo in un’epo­ca non egoi­sti­ca, ego­cen­tri­ca. L’Io di­ven­ta una na­zio­ne che ha per ter­ri­to­rio un uo­mo so­lo. E poi og­gi sia­mo an­co­ra più spac­ca­ti

L’af­fre­sco Il Ca­ron­te del «Giu­di­zio uni­ver­sa­le» di Mi­che­lan­ge­lo Buo­nar­ro­ti (1535-1541), Cap­pel­la Si­sti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.