Corriere di Siena

“Lo­ro” e l’in­dot­to ber­lu­sco­nia­no

- Di Ales­san­dro Giu­li Silvio Berlusconi · Paolo Sorrentino · Italy · Lega Nord · Matteo Salvini · Nanni Moretti · Michele Santoro · Pino Caruso

Lui e "Lo­ro", ov­ve­ro l'ar­te di cam­pa­re con l'in­dot­to sem­pre­ver­de del ber­lu­sco­ni­smo. Lui è ov­via­men­te Sil­vio Ber­lu­sco­ni e "Lo­ro" non è soltanto l'ul­ti­mo film di Paolo Sorrentino - de­di­ca­to al­le co­sì det­te ce­ne ele­gan­ti di Ar­co­re, al bun­ga bun­ga e a tut­ti i ve­ri o pre­sun­ti vi­zi pri­va­ti dell'ex pre­mier -, ma è il pro­no­me per­so­na­le che rac­co­glie lo ster­mi­na­to in­sie­me de­gli odia­to­ri in­gras­sa­ti dal ven­ten­nio ab­bon­dan­te di con­trap­po­si­zio­ne all'uo­mo che ha im­por­ta­to il bi­po­la­ri­smo in Ita­lia. Del film di Sorrentino si sa già quan­to ba­sta, le pri­me se­quen­ze cu­pe e lu­bri­che non fan­no che con­fer­ma­re le in­ten­zio­ni po­co pie­to­se del re­gi­sta, non­ché un tratto sti­li­sti­co ab­ba­stan­za ri­pe­ti­ti­vo e in­chio­da­to alla "Gran­de bel­lez­za".

Ma qui non si par­la di ci­ne­ma. Si met­te in­ve­ce a te­ma un fe­no­me­no sot­to­cul­tu­ra­le, il cui pre­ce­den­te più no­to sta nel "Cai­ma­no" di Nan­ni Mo­ret­ti (2006), nel qua­le con­vi­vo­no due tic ca­rat­te­ri­sti­ci del pae­sag­gio in­tel­let­tua­le di si­ni­stra: l'os­ses­sio­ne mor­bo­sa per la vi­ta pri­va­ta di Ber­lu­sco­ni e la ne­ces­si­tà di ac­cop­pia­re il pran­zo con la ce­na lu­cran­do sul­la fi­gu­ra dell'ar­ci­ne­mi­co e sul­la quan­ti­tà non tra­scu­ra­bi­le di con­su­ma­to­ri an­ti­pa­tiz­zan­ti, ma so­pra tut­to pa­gan­ti, po­la­riz­za­ti ne­gli an­ni in­tor­no a lui. Sia­no pec­ca­ti o rea­ti, scap­pa­tel­le in­no­cen­ti o te­ne­bro­se not­ta­te pa­so­li­nia­ne in sti­le "120 gior­na­te di So­do­ma", in ogni ca­so i con­tur­ban­ti sche­le­tri ri­po­sti ne­gli ar­ma­di del­la me­mo­ria­li­sti­ca ber­lu­sco­nia­na rap­pre­sen­ta­no una ri­ser­va au­rea che ha fat­to la for­tu­na di gior­na­li (pen­sa­te al Grup­po Espres­so-Re­pub­bli­ca e alla ban­da del Fat­to Quo­ti­dia­no), con­dut­to­ri te­le­vi­si­vi (Mi­che­le San­to­ro su tut­ti), co­mi­ci e, ap­pun­to, re­gi­sti bla­so­na­ti nel li­bro d'oro del­la no­bil­tà go­sci­sta; ma pu­re cam­pio­ni del­la pa­ro­dia por­no co­me An­dy Ca­sa­no­va ("Bun­ga bun­ga pre­si­den­te", 2011). E via co­sì fi­no a scen­de­re al più ele­men­ta­re li­vel­lo del­la sag­gi­sti­ca e del­la nar­ra­ti­va per ini­zia­ti al cul­to (Giu­sep­pe Ca­ru­so, "Chi ha uc­ci­so Sil­vio Ber­lu­sco­ni", Pon­te al­le Gra­zie 2005); op­pu­re, ri­sa­len­do li ra­mi del­la poe­sia, per eru­di­ti di ge­nio co­me Tom­ma­so Cer­no, ex con­di­ret­to­re di Re­pub­bli­ca oggi en­tra­to in po­li­ti­ca con il Pd, au­to­re di un "In­fer­no" ber­lu­sco­nia­no in ter­zi­ne dan­te­sche (Riz­zo­li, 2013). Nei mean­dri di que­sta economia nem­me­no tan­to som­mer­sa, ora si col­lo­ca da par suo il pre­mio Oscar Sorrentino, il qua­le du­ran­te le ri­pre­se be­ne­fi­ciò per­fi­no dell'ospi­ta­li­tà e di un in­vi­to a pran­zo da par­te del Ca­va­lie­re, in­ge­nuo co­me d'abi­tu­di- ne. Oggi il suo avvocato Nic­co­lò Ghe­di­ni com­men­ta con sen­so del­la misura: "Non cre­do che Sorrentino, che è un bravo re­gi­sta, si sia spin­to ol­tre i con­fi­ni del di­rit­to di sa­ti­ra o di cri­ti­ca. Cer­to, poi ve­dre­mo e de­ci­de­re­mo se fa­re qual­co­sa. Ma non ab­bia­mo fat­to nul­la per fer­ma­re nean­che 'Il Cai­ma­no' di Mo­ret­ti, che pu­re fi­ni­va con l'in­cen­dio del tri­bu­na­le". Chis­sà.

Non è da­to sa­pe­re se la pel­li­co­la di Sorrentino su­pe­re­rà in­den­ne il fuo­co del­le po­le­mi­che in vi­sta, cer­to è che gli in­cas­si che ne de­ri­ve­ran­no s'an­nun­cia­no pro­met­ten­ti. Ma fi­no a quan­do? E ar­ri­via­mo al cuo­re del­la que­stio­ne. C'è una ve­ri­tà sot­ta­ciu­ta, av­vol­ta nel cli­ma cre­pu­sco­la­re dell'ope­ra­zio­ne Sorrentino. Una ve­ri­tà fat­ta di no­stal­gia e pic­co­la fur­bi­zia: l'at­te­sa del ri­tor­no in gran­de sti­le del Cai­ma­no, la spe­ran­za di una sua non trion­fa­le ma so­nan­te vit­to­ria nel­le ur­ne del 4 mar­zo. In­som­ma la ri­con­qui­sta­ta cen­tra­li­tà po­li­ti­ca e me­dia­ti­ca del Ca­va­lie­re, fon­te ine­sau­sta d'ispi­ra­zio­ne e pro­fit­ti. Co­sì non è sta­to, per­ché Ber­lu­sco­ni è usci­to am­mac­ca­to dal voto, su­pe­ra­to dal­la Le­ga e in­de­bo­li­to dall'estin­zio­ne del ren­zi­smo (ten­den­za Pat­to del Na­za­re­no). Non sap­pia­mo se e quan­to Mat­teo Sal­vi­ni si ri­ve­le­rà po­ten­te e ci­ne­ma­to­gra­fi­co, in fu­tu­ro, fat­to sta che al mo­men­to è sva­ni­ta l'il­lu­sio­ne di tor­na­re al­le ori­gi­ni dell' uni­ca gran­de av­ven­tu­ra che ha te­nu­to in­sie­me un po' tut­te le si­ni­stre. Dal che si di­mo­stra­no due co­se es­sen­zia­li. La pri­ma è che gli in­tel­let­tua­li ita­lia­ni, im­pi­gri­ti e au­to­re­fe­ren­zia­li, cam­pa­no per lo più di ren­di­te fa­ci­li e re­si­dua­li. La se­con­da è che Sil­vio Ber­lu­sco­ni, per quan­to ve­tu­sto e um­bra­ti­le pos­sa ormai es­se­re, a di­stan­za di de­cen­ni ri­ma­ne co­mun­queil­nu­me­rou­no­dei­nu­me­ri­pri­mi.B

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy