Corriere di Siena

La svol­ta in Ita­lia? Un go­ver­no che non la­sci bu­che per strada

- Fran­co.be­chis@grup­por­rie­re.it Italy · Rome · A.C. Perugia Calcio · S.S. Lazio · Lazio · Virginia Raggi · Prince Andrew, Duke of York · Perugia · A.C. Cesena

(...) qual­cun altra era evi­ta­bi­le so­lo fa­cen­do gi­m­ka­ne. Fi­ni­to quel che do­ve­vo fa­re a Ro­ma, ho pre­so l'au­to­stra­da per tor­nar­me­ne a Perugia alla se­de cen­tra­le del grup­po Cor­rie­re. Tut­to be­ne fi­no ad Or­te, do­ve so­no usci­to e ho im­boc­ca­to la su­per­stra­da E45. Ben pre­sto ho avu­to l'im­pres­sio­ne di gi­ra­re per Ro­ma: an­che qui non so­no po­che le bu­che che si so­no aper­te, par­ti­co­lar­men­te nel pri­mo tratto e in quel­lo che si pren­de a Ter­ni in di­re­zio­ne Ce­se­na. Ci so­no chi­lo­me­tri di strada che si af­fron­ta­no a tut­to ri­schio e pe­ri­co­lo del gui­da­to­re, e al­tri in­ve­ce do­ve pa­re di viag­gia­re so­pra una mo­quet­te di asfal­to, do­ve non c'è un bu­chi­no nem­me­no a cer­car­lo con il lan­ter­ni­no e an­che quan­do pio­ve fit­to fit­to non si ve­de una so­la poz­zan­ghe­ra. Usci­to a Mon­te­bel­lo pas­san­do poi da San Si­sto e in­fi­ne dal­la via Pie­va­io­la, mi so­no tro­va­to nel­la stes­sa iden­ti­ca con­di­zio­ne di Ro­ma e di par­te del­la E45: le stra­de so­no un gro­vie­ra, e me­no ma­le che l'au­to che guido è piut­to­sto al­ta e con so­spen­sio­ni che reg­go­no. Per al­tro ho vi­sto che la si­tua­zio­ne non è mol­to di­ver­sa an­dan­do ver­so lo sta­dio e poi da lì alla sta­zio­ne e al cen­tro del­la cit­tà. Rac­con­to que­sto non per an­no­iar­vi con le mie di­sav­ven­tu­re da gui­da­to­re di cui vi im­por­te­rà as­sai po­co, ma per­ché è la di­sav­ven­tu­ra più co­mu­ne a mol­ti let­to­ri in zo­ne di­ver­sis­si­me e in co­mu­ni an­che lon­ta­ni fra lo­ro, in La­zio co­me in Um­bria o in To­sca­na. Lo fac­cio an­che per­ché in quel­le bu­che c'è un te­ma po­li­ti­co at­tua­lis­si­mo e uno strut­tu­ra­le che ri­guar­da tut­ti. Per­ché ci so­no trat­ti di strada che ce­do­no co­sì fa­cil­men­te e trat­ti in­ve­ce do­ve ti sen­ti si­cu­ro al mas­si­mo? Per­ché in al­cu­ni è sta­to rin­no­va­to il man­to stra­da­le con ma­te­ria­le di gran qua­li­tà, in al­tri o ri­sa­le a de­cen­ni fa, o è sta­to ri­fat­to con ma­te­ria­li po­co co­sto­si e ov­via­men­te as­sai sca­den­ti. A Ro­ma quan­do fu elet­ta sin­da­co Vir­gi­nia Raggi, dis­se (era una si­tua­zio­ne par­ti­co­la­re, si ve­ni­va da­gli ar­re­sti di Ma­fia Ca­pi­ta­le) che per pri­ma co­sa vo­le­va ri­por­ta­re le­ga­li­tà nel­le gare del Co­mu­ne, a co­sto an­che di perdere un po' di tem­po e an­da­re in­con­tro a qual­che dis­ser­vi­zio. Fu­ro­no im­pe­di­te le pro­ro­ghe ta­ci­te del­le com­mes­se e fat­ti i ca­pi­to­la­ti di gare con tut­ti i cri­smi. Pas­sa­to un bel po' di tem­po e i va­gli bu­ro­cra­ti­ci non senza in­top­pi, in ef­fet­ti ini­zia­ro­no i la­vo­ri di ri­fa­ci­men­to di al­cu­ne stra­de che ben co­no­sco. Nuo­ve fiam­man­ti, ep­pu­re an­che lì ho vi­sto ora aprir­si vo­ra­gi­ni. Le spie­ga­zio­ni pos­so­no es­se­re due: le im­pre­se vin­ci­tri­ci han­no ti­ra­to il bi­do­ne al co­mu­ne di Ro­ma. Op­pu­re, vin­cen­do la gara con il so­li­to cri­te­rio del mas­si­mo ri­bas­so esclu­se le of­fer­te ano­ma­le, per sta­re in quei prez­zi han­no usa­to asfal­to di se­rie C o D. An­che se i bric­co­ni non man­ca­no mai, cre­do di più a que­sta se­con­da ipo­te­si, e pro­prio per que­sto pen­so che la vi­cen­da del­le bu­che ci pon­ga si­cu­ra­men­te un pro­ble­ma strut­tu­ra­le, e un te­ma po­li­ti­co as­sai im­por­tan­te do­po il ri­sul­ta­to elet­to­ra­le e alla vi­gi­lia del­la for­ma­zio­ne di un pos­si­bi­le go­ver­no.

Il te­ma strut­tu­ra­le è que­sto: per­ché mai il mas­si­mo ri­bas­so do­vreb­be es­se­re un cri­te­rio co­sì im­por­tan­te per l'as­se­gna­zio­ne di qual­sia­si gara pub­bli­ca? Per­ché mai la qua­li­tà dell'of­fer­ta do­vreb­be va­le­re me­no? E che ser­ve mai un ri­bas­so che poi - pro­prio per la me­dio­cri­tà dei ma­te­ria­li­fa spen­de­re più di pri­ma con i rat­top­pi tan­to ne­ces­sa­ri nell'im­me­dia­to quan­to inu­ti­li da­van­ti alla pri­ma piog­gia ab­bon­dan­te? La fi­lo­so­fia del­la Raggi (e quel­la dei 5 stel­le)non so se an­che quel­la del sin­da­co di Perugia An­drea Ro­mi­zi- è as­sai si­mi­le al cri­te­rio prin­ci­pa­le con cui si è co­strui­to il nuo­vo co­di­ce de­gli ap­pal­ti, la vi­gi­lan­za dell'Anac, e pri­ma an­co­ra il sistema di gare da Tan­gen­to­po­li in poi: la le­ga­li­tà. Cer­to che è im­por­tan­te fa­re gare tra­spa­ren­ti, e sa­reb­be sem­pre me­glio evi­ta­re che si ru­bac­chi o si al­lun­ghi­no bu­sta­rel­le per as­si­cu­rar­se­le. La le­ga­li­tà non do­vreb­be es­se­re va­lo­re ag­giun­to, ma con­di­zio­ne di ba­se. Che agli occhi del cit­ta­di­no e dell'uten­te non ha que­sta im­por­tan­za co­los­sa­le: ne ha ben di più che quel­le bu­che non si apra­no scas­san­do au­to o pro­vo­can­do gra­vi in­ci­den­ti. La qua­li­tà dell'ope­ra, uno Sta­to che dav­ve­ro fun­zio­na e che of­fre co­me è suo do­ve­re ser­vi­zi di se­rie A ai cit­ta­di­ni è più im­por­tan­te di qual­sia­si ban­die­ra le­ga­li­ta­ria sven­to­la­ta, e a quel­lo de­ve mi­ra­re pri­ma di tut­to un buon am­mi­ni­stra­to­re pub­bli­co. E an­che un buon go­ver­no.

 ??  ?? An­drea Ro­mi­zi e Vir­gi­nia Raggi
An­drea Ro­mi­zi e Vir­gi­nia Raggi
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy