Corriere di Siena

Il conte Max spro­na la Juve “Mai mol­la­re”

I bian­co­ne­ri pos­so­no vo­la­re a +4 sul Napoli Ga­spe­ri­ni: “Ar­ri­via­mo be­ne a que­sta par­ti­ta”

- Di Jacopo Bar­ba­ri­to

▸ TORINO - Lo “sno­do scu­det­to” con l’Udi­ne­se è sta­to ar­chi­via­to, ma Allegri non si fi­da del Napoli e non vuo­le as­so­lu­ta­men­te che i suoi gio­ca­to­ri ab­bas­si­no la guar­dia. “Sia­mo in te­sta da po­chi gior­ni, bi­so­gna es­se­re bra­vi a non mol­la­re l’os­so. Ma bi­so­gna fa­re un pas­set­to alla vol­ta, il Napoli è lì e ha gran­di pos­si­bi­li­tà di vin­ce­re lo scu­det­to. Ve­dia­mo co­sa suc­ce­de do­ma­ni (oggi, sa­rà una par­ti­ta dif­fi­ci­le e dob­bia­mo con­qui­sta­re tre pun­ti”. Pre­sen­tan­do Ju­ven­tu­sA­ta­lan­ta, re­cu­pe­ro del­la set­ti­ma giornata di ri­tor­no, Max Allegri fis­sa la quo­ta scu­det­to a 100 pun­ti: “Sar­ri de­ve es­se­re or­go­glio­so di quan­to fat­to, è sta­to a lun­go in te­sta e ora ha sem­pre l’op­por­tu­ni­tà di com­pe­te­re per la vit­to­ria del cam­pio­na­to. Il Napoli ha 70 pun­ti e può ar­ri­va­re a 100. Al mo­men­to la quo­ta scu­det­to è 100, il Napoli ha le po­ten­zia­li­tà di vin­ce­re tut­te le par­ti­te. Sa­rà dif­fi­ci­le per la Juve, per­ché noi for­tu­na­ta­men­te e gra­zie ai me­ri­ti dei ra­gaz­zi, sia­mo in cor­sa su tut­ti i fron­ti”. Sul­la for­ma­zio­ne che sfi­de­rà i ber­ga­ma­schi al­le 18, il tec­ni­co bian­co­ne­ro ha le idee chia­re: “L’uni­co che rien­tra è Buf­fon, si­cu­ra­men­te. Ve­dia­mo Alex San­dro che era un po­chi­no af­fa­ti­ca­to e quin­di va­lu­te­rò oggi. Poi gli al­tri stan­no tut­ti be­ne”, ha ag­giun­to. “Per quan­to ri­guar­da Matuidi, ave­va fat­to tre par­ti­te, una die­tro l’altra do­po il rien­tro. Pja­nic, al 99.9%, do­ma­ni do­vreb­be rien­tra­re”. In at­tac­co, in­ve­ce, Allegri ha det­to: “Più che Dybala, che tra l’al­tro ha an­che bi­so­gno di gio­ca­re, de­vo va­lu­ta­re tra Hi­guain e Man­d­zu­kic: uno per­chè ha pre­so un’altra bot­ta nel­la pu­ni­zio­ne do­ve poi è av­ve­nu­to il gol, e l’al­tro che sta me­glio. L’uni­co che mo­men­ta­nea­men­te, mo­men­ta­nea­men­te, de­ve fa­re un po­chi­no di straor­di­na­ri, è Dou­glas Co­sta”. Nu­tre fiducia an­che il tec­ni­co ata­lan­ti­no Gian Pie­ro Ga­spe­ri­ni: “Ar­ri­via­mo be­ne a que­sta par­ti­ta: la vit­to­ria di Bologna è sta­ta una bel­la inie­zio­ne di mo­ra­le e fiducia, ol­tre ad aver mi­glio­ra­to la no­stra clas­si­fi­ca. Sap­pia­mo che ci aspet­ta una gara dif­fi­ci­le”. “La Juve ol­tre tut­to in que­sto mo­men­to ha il mo­ra­le a mil­le per es­se­re tor­na­ta in te­sta e ha i numeri che par­la­no per lei, ma se riu­scis­si­mo a fa­re ri­sul­ta­to ci av­vi­ci­ne­rem­mo a chi ci sta da­van­ti”, ha ag­giun­to. Ser­vi­rà una pre­sta­zio­ne im­por­tan­te per af­fron­ta­re la capolista. “Nel­le ul­ti­me sfi­de con la Juve ce la sia­mo gio­ca­ta. Dob­bia­mo met­te­re la stes­sa at­ten­zio­ne e con­cen­tra­zio­ne vi­ste nell’ul­ti­ma par­ti­ta con­tro di lo­ro in cop­pa, sa­pen­do che sta­vol­ta ab­bia­mo due ri­sul­ta­ti su tre”, ha di­chia­ra­to Ga­spe­ri­ni. In pa­lio an­che per l’Ata­lan­ta pun­ti im­por­tan­ti nel­la rin­cor­sa ad un po­sto in Eu­ro­pa. “Per l’Eu­ro­pa ci sa­rà bat­ta­glia tra tan­te squa­dre: ci so­no an­co­ra mol­te par­ti­te, non è il mo­men­to di fa­re ta­bel­le”, ha con­clu­so Ga­spe­ri­ni. ◀

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy